la politica romena scopre i blog


Comizi, volantinaggi, tavole rotonde: per i rappresentanti della politica romena, ricordi del passato. L’ultima tendenza è il blog, il diario virtuale inserito in rete. Molti politici in tutto il mondo lo stanno utilizzando come interfaccia di comunicazione con i cittadini, per esporre il proprio pensiero, individuare problemi e ipotizzare le soluzioni, ma soprattutto per dire anch’io ce l’ho. Il fenomeno, già ben sfruttato in vari paesi, da quest’estate ha contaminato anche gli esponenti dei partiti romeni. Il primo tra i leader politici ad inaugurare il proprio weblog è stato il presidente del PSD Mircea Geona che per commentare gli eventi della politica romena ha aperto il suo spazio in rete già alla fine del 2006. Il diario virtuale di Geoana si presenta come uno spazio ben ordinato di propaganda politica. Un compitino senza pepe, in cui il presidente del Partito Socialdemocratico illustra i suoi piani, polemizza con gli avversari (in primis Traian Basescu), dà delle risposte garbate, mentre noi ci addormentiamo. Più disincantato, sotto il motto “cititorii mei sunt mai intelligenti decât scriitorii altora” , Adrian Nastase, l’ex primo ministro del governo PSD, da maggio usa il suo blog da un lato per contrastare le azioni giudiziarie aperte nei suoi confronti, dall’altro per attaccare i nemici – soprattutto quelli interni al Partito Socialdemocratico (Geoana in particolare). Con uno stile meno ingessato rispetto a quello di Geoana, Nastase parte dal mondo virtuale per ricostruire la sua immagine politica piuttosto bistrattata e l’operazione stando al numero e al tono dei commenti potrebbe portare buoni risultati. Sempre tra le fila del PSD, il partito più bloggato in assoluto, troviamo l’orticello di Cristian Diaconescu, il portavoce del partito. L’atmosfera è più rilassata e in un “post” Diaconescu confessa: “con questo blog faccio un mio piccolo atto di dissidenza. Non contro un partito, o un uomo politico, ma contro un modo di fare politica, è il mio grido di disperazione…”. Tra i liberali il primo dei blogger è sicuramente il sindaco della Circoscrizione Uno della capitale Andrei Chiliman. Anche nel suo caso il blog diventa un spazio non conformista per rispondere agli articoli critici dei giornali, per dialogare con i cittadini e anche per lasciarsi andare a singolari carrellate sulla propria vita privata (memorabile quella sul concerto dei Rolling Stones a Bucarest). Nella galassia dei blogger non poteva mancare Cozmin Gusa, il leader del minuscolo, ma onnipresente, Partito Iniziativa Nazionale. Il presidente del PIN però sembra essersi già stancato dell’esperimento, visto che il suo ultimo intervento risale ai primi giorni di luglio. Chissà se questo spazio farà la fine del diario virtuale del ministro Fioroni, abbandonato in balia di orde di porno-spamming. Un caso curioso è quello dell’ex ministro Zsolt Nagy che ci offre due blog sulle sue disavventure giudiziarie: uno in lingua romena, l’altro in ungherese. All’appello mancano i Bibi e Bibò della politica romena: il premier Tariceanu e il presidente Basescu. Ma a Basescu che serve un blog, visto che ogni volta che vuol spararne una alza il telefono ed entra in diretta sulla TV romena?

Advertisements

0 Responses to “la politica romena scopre i blog”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




agosto: 2007
L M M G V S D
    Set »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 59,179 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Pubblicate decisioni del Governo tra cui istituzione database elettronico statale sulla salute 22 febbraio, 2017
    Tirana - Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nel corso della riunione, svariate decisioni importanti. La prima serie di delibere riguardava il settore della difesa con i Paesi alleati della NATO. In questo modo il Governo ha disposto l'approvazione del memorandum d'intesa, tra il Governo del Regno della Norvegia, il Quartier Generale Supremo de […]
  • Basha forte messaggio a Rama dalla tenda della protesta 22 febbraio, 2017
    Tirana - Sta seguendo la protesta dell'opposizione nella tenda istallata davanti alla Presidenza del Consiglio, entrata ormai al suo quinto giorno. Come le precedenti sere, cittadini, simpatizzanti e varie figure del Partito Democratico hanno passato la serata sotto la tenda, mentre fino a tarda notte è rimasto anche il leader del PD, Lulzim Basha. I de […]
  • Centrali idroelettriche, Governo ripristina IVA; Investitori contrari 22 febbraio, 2017
    Tirana - Il Governo ha approvato una decisione, che obbliga i costruttori delle centrali idroelettriche private a pagare l'Imposta sul Valore Aggiunto dal valore del 20% per i macchinari e le attrezzature che utilizzano nuovi investimenti.   "La delibera nr. 84 del Consiglio dei Ministri ha escluso da tutti i codici che beneficiava il settore dell […]
  • Lavori sulla Veliera nella zona archeologica, altro scontro tra Municipio e società civile 22 febbraio, 2017
    Durazzo - La società civile, da diverse settimane, sta protestando in difesa dei valori archeologici di Durazzo, ha accusato la Corte Amministrativa di Durazzo per la modifica della sua decisione, a favore del Municipio come investitore del progetto che sta svolgendo i lavori per la costruzione della piazza "Veliera". Nel luogo in cui è prevista la […]
  • Cambia il rapporto: Albania incrementa importazione delle armi 22 febbraio, 2017
    Tirana - Il Governo ha aumentato l'acquisto di armi dall'estero per armare la Polizia, ma anche per soddisfare gli obblighi che sorgono dalla NATO. I dati ufficiali provenienti dalla Direzione Generale delle Dogane hanno dimostrato che l'importazione di armi e munizioni ha segnato, lo scorso anno, il livello più elevato in quasi un decennio. S […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: