la politica romena scopre i blog


Comizi, volantinaggi, tavole rotonde: per i rappresentanti della politica romena, ricordi del passato. L’ultima tendenza è il blog, il diario virtuale inserito in rete. Molti politici in tutto il mondo lo stanno utilizzando come interfaccia di comunicazione con i cittadini, per esporre il proprio pensiero, individuare problemi e ipotizzare le soluzioni, ma soprattutto per dire anch’io ce l’ho. Il fenomeno, già ben sfruttato in vari paesi, da quest’estate ha contaminato anche gli esponenti dei partiti romeni. Il primo tra i leader politici ad inaugurare il proprio weblog è stato il presidente del PSD Mircea Geona che per commentare gli eventi della politica romena ha aperto il suo spazio in rete già alla fine del 2006. Il diario virtuale di Geoana si presenta come uno spazio ben ordinato di propaganda politica. Un compitino senza pepe, in cui il presidente del Partito Socialdemocratico illustra i suoi piani, polemizza con gli avversari (in primis Traian Basescu), dà delle risposte garbate, mentre noi ci addormentiamo. Più disincantato, sotto il motto “cititorii mei sunt mai intelligenti decât scriitorii altora” , Adrian Nastase, l’ex primo ministro del governo PSD, da maggio usa il suo blog da un lato per contrastare le azioni giudiziarie aperte nei suoi confronti, dall’altro per attaccare i nemici – soprattutto quelli interni al Partito Socialdemocratico (Geoana in particolare). Con uno stile meno ingessato rispetto a quello di Geoana, Nastase parte dal mondo virtuale per ricostruire la sua immagine politica piuttosto bistrattata e l’operazione stando al numero e al tono dei commenti potrebbe portare buoni risultati. Sempre tra le fila del PSD, il partito più bloggato in assoluto, troviamo l’orticello di Cristian Diaconescu, il portavoce del partito. L’atmosfera è più rilassata e in un “post” Diaconescu confessa: “con questo blog faccio un mio piccolo atto di dissidenza. Non contro un partito, o un uomo politico, ma contro un modo di fare politica, è il mio grido di disperazione…”. Tra i liberali il primo dei blogger è sicuramente il sindaco della Circoscrizione Uno della capitale Andrei Chiliman. Anche nel suo caso il blog diventa un spazio non conformista per rispondere agli articoli critici dei giornali, per dialogare con i cittadini e anche per lasciarsi andare a singolari carrellate sulla propria vita privata (memorabile quella sul concerto dei Rolling Stones a Bucarest). Nella galassia dei blogger non poteva mancare Cozmin Gusa, il leader del minuscolo, ma onnipresente, Partito Iniziativa Nazionale. Il presidente del PIN però sembra essersi già stancato dell’esperimento, visto che il suo ultimo intervento risale ai primi giorni di luglio. Chissà se questo spazio farà la fine del diario virtuale del ministro Fioroni, abbandonato in balia di orde di porno-spamming. Un caso curioso è quello dell’ex ministro Zsolt Nagy che ci offre due blog sulle sue disavventure giudiziarie: uno in lingua romena, l’altro in ungherese. All’appello mancano i Bibi e Bibò della politica romena: il premier Tariceanu e il presidente Basescu. Ma a Basescu che serve un blog, visto che ogni volta che vuol spararne una alza il telefono ed entra in diretta sulla TV romena?

0 Responses to “la politica romena scopre i blog”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




agosto: 2007
L M M G V S D
    Set »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 58,749 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Presentati gli elicotteri Kiowa Warrior 8 dicembre, 2016
    Zagabria - Sedici elicotteri OH-58D Kiowa Warrior, i tre simulatori, pezzi di ricambio e le attrezzature acquistati nell'ambito del progetto di dotare le Forze Armate della Croazia con gli elicotteri d'attacco e di ricognizione, grazie il sostengono del Governo e delle Forze Armate degli Stati Uniti (USA), sono stati presentati giovedì, 8 dicembre, […]
  • Ambasciatore di Israele: Burocrazia ostacola cooperazione commerciale senza frontiere 8 dicembre, 2016
    Zagabria - L'importanza di Israele per la Croazia è stata costatata nella serata di giovedì 8 dicembre, in occasione del ricevimento di Zagabria ''Il raduno festoso'', organizzato dall'ambasciata israeliana e il Business Club croato-israeliano. E' stata l'occasione per rafforzare i rapporti commerciali ed amichevoli tr […]
  • Nikolic si è detto soddisfatto del livello di cooperazione tra Serbia e Kazakistan 8 dicembre, 2016
    Belgrado - Il Presidente della Serbia, Tomislav Nikolic, nel corso dell'incontro con l'ambasciatore del Kazakistan, Nurbah Rustemov, avvenuto quest'oggi, 9 dicembre, si è detto soddisfatto del livello di cooperazione tra i due Paesi, notando che le relazioni bilaterali sono cordiali e sincere. "La vicinanza dei due Paesi e i due popoli ha […]
  • Hahn in visita in Montenegro 8 dicembre, 2016
    Podgorica - Il presidente del Partito Democratico dei Socialisti (DPS), Milo Djukanovic, ha incontrato, giovedì 8 dicembre, il Commissario europeo per l'Allargamento e la Politica di Vicinato, Johanes Hahn, con il quale ha parlato dell'attuale situazione politica in Montenegro e le prospettive nel processo delle integrazioni europee, riferisce il p […]
  • In Bosnia ci sono 500 società fittizie di arabi 8 dicembre, 2016
    Sarajevo - Secondo ancora i risultati incompleti dell'indagine "Beni immobili" (Nekretnine), di 700 persone giuridiche controllate in Bosnia-Erzegovina (BiH), circa 500 sono fittizie e, in gran parte, sono in possesso dei cittadini provenienti dal Kuwait, dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) e dalla Libia. I dati completi dell'indagine attuata […]

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: