LO STATO DELL’ARTE (2) – VA IN SCENA FIKL

Ho conosciuto Fikl qualche anno fa in uno dei soliti “afterhours” nella galleria dei miei naşi. Non esponeva lui. Si chiacchierò di tutto e di più sbevazzando qualche ţuichetta, non di arte però. Mesi dopo mi toccherà rimaner basito alla sua personale alla Helios di Timisoara: non riuscivo a far coincidere le tele che avevo davanti alla persona con cui avevo allegramente ciacolato. In fondo, questa mancata collimazione tra aspettative ed esperienza è una delle cifre di lettura della pittura di Fikl: una messa in scena sedimentata proprio su improvvisi scarti logici che ci conducono in una sorta di no man’s land iperrealistica. Le enormi tele di Fikl con i loro tori palestrati, i lampadari sontuosi che galleggiano sospesi in aria, i drappi vellutati, i tranci di bue, i tacchini e le silhouette femminili concorrono a formare una rappresentazione teatrale spaesante, in cui stupore, ironia e tensione s’ingarbugliano, scompaginando le attese dell’osservatore.

Annunci

0 Responses to “LO STATO DELL’ARTE (2) – VA IN SCENA FIKL”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




agosto: 2007
L M M G V S D
    Set »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 61,108 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: