Emigrate (Io l’ho già fatto)!

Per le  coscienze letargiche  della nazione italiana:  Sir Gerald Kaufman deputato britannico, non un fanatico militante di hamas:

per chi non mastica l’inglese ecco la traduzione offerta da un lettore  di Pasolini:

Sono stato cresciuto come un ebreo ortodosso e un sionista. Su una mensola in cucina c’era una scatola di latta per il Fondo nazionale ebraico, dentro la quale mettevamo le monete per aiutare i pionieri a costruire una presenza ebraica in Palestina. Sono andato la prima volta in Israele nel 1961 e v i sono stato innumerevoli volte. Ho avuto familiari in Israele e ho amici in Israele. Uno di essi ha combattuto nelle guerre del 1956, 1967 e 1973 ed è stato ferito in due di esse. Il distintivo che indosso viene da una decorazione sul campo a lui insignita, che mi ha regalato. Ho conosciuto la maggior parte dei primi ministri di Israele, a partire dal Primo ministro fondatore David Ben-Gurion. Golda Meir era mia amica, così come lo è stato Yigal Allon, vice primo ministro, che, da generale, conquistò il Negev per Israele nella guerra del 1948 per l’indipendenza. I miei genitori vennero in Gran Bretagna come rifugiati provenienti dalla Polonia. La maggior parte dei loro familiari sono stati in seguito uccisi dai nazisti nell’olocausto. Mia nonna era a letto malata, quando i nazisti giunsero alla sua città natale, Staszow. Un soldato tedesco la uccise sparandole nel suo letto. Mia nonna non è morta per fornire la copertura ai soldati israeliani che ammazzano le nonne palestinesi a Gaza. L’attuale governo israeliano sfrutta spietatamente e cinicamente il continuo senso di colpa tra i gentili per la strage degli ebrei nell’olocausto per giustificare la sua uccisione di palestinesi. L’implicazione è che la vita degli ebrei sia preziosa, ma la vita dei palestinesi non conti. Su Sky News pochi giorni fa, al portavoce dell’esercito israeliano, il Maggiore Leibovich, è stato chiesto in merito all’uccisione da parte israeliana di, in quel momento, 800 palestinesi (il totale è ora di 1000). Ha risposto all’istante che «500 di questi erano militanti». Questa era la risposta di un nazista. Suppongo che gli ebrei che lottavano per la loro vita nel ghetto di Varsavia avrebbero potuto essere denigrati in quanto militanti. Il ministro degli Esteri israeliano, Tzipi Livni, afferma che il suo governo non avrà rapporti con Hamas, perché sono terroristi. Il padre di Tzipi Livni era Eitan Livni, il capo delle operazioni dell’organizzazione terroristica Irgun Zvai Leumi, che ha organizzato l’attentato esplosivo dell’Hotel King David di Gerusalemme, in cui perirono 91 vittime, di cui quattro ebrei. Israele è stato partorito dal terrorismo ebraico. Terroristi ebraici impiccarono due sergenti britannici e fecero esplodere i loro cadaveri. Irgun, insieme con la banda terrorista Stern, nel 1948 massacrò 254 palestinesi nel villaggio di Deir Yassin. Oggi, gli attuale governanti israeliani indicano che sarebbero disposti, in circostanze per loro accettabili, a negoziare con il presidente palestinese Abbas, di al-Fatah. È troppo tardi per farlo. Essi avrebbero potuto negoziare con il precedente leader di al-Fatah, Yasser Arafat, che era un mio amico. Invece, lo assediarono in un bunker a Ramallah, dove lo visitai. A causa dei fallimenti di al-Fatah, a partire dalla morte di Arafat, Hamas ha vinto le elezioni palestinesi nel 2006. Hamas è una organizzazione sgradevolissima, ma è stata democraticamente eletta, ed è quel che passa il convento. Il boicottaggio di Hamas, anche da parte del nostro governo, è stato un errore colpevole, dal quale sono derivate terribili conseguenze. Il grande ministro degli Esteri israeliano Abba Eban [che era sull’aereo con gli agenti che in Argentina arrestarono Adolf Eichman, ic], con il quale ho fatto campagna per la pace da molte tribune, ha dichiarato: «Fate la pace se parlate con i vostri nemici.» Per quanti palestinesi gli israeliani possano uccidere a Gaza, non possono risolvere questo problema esistenziale con mezzi militari. Quando e qualora i combattimenti finissero, ci sarebbero ancora un milione e mezzo di palestinesi a Gaza e altri due milioni e mezzo in Cisgiordania. Essi sono trattati alla stregua di immondizia da parte degli israeliani, con centinaia di blocchi stradali e con gli orrendi abitatori degli insediamenti ebraici illegali che li molestano. Verrà il momento, non molto lontano da ora, in cui supereranno la popolazione ebraica in Israele. È giunto il momento per il nostro governo di render chiaro al governo israeliano che la sua condotta e la sua politica sono inaccettabili, e di imporre un divieto totale di esportare armi a Israele. È l’ora della pace, ma la pace vera, non la soluzione attraverso il soggiogamento che è il vero obiettivo degli israeliani, ma che è impossibile per loro da raggiungere. Essi non sono semplicemente dei criminali di guerra, sono folli.

Ora proviamo  ad immaginare un rappresentante del parlamento italico , ma spesso anche del neo extraparlamentarismo di destra  e sinistra,   parlare così liberamente? Avete trovato qualcuno? Un’immagine sbiadita? Una almeno? Io brancolo nelle tenebre…

Annunci

1 Response to “Emigrate (Io l’ho già fatto)!”


  1. 1 toniutti 24 gennaio, 2009 alle 4:02 pm

    m’è piaciuta assai the essay che ho appena letto ed ascoltato.
    parole sagge, semplici e coerenti. potessero essere ascoltate più spesso..
    a parte aggiungo che mi son fidelizzato al tuo blog attraverso quel banale ma efficacissimo sistema chiamato rss. invito chiunque a farne buon uso.
    renatocarosone


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,226 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Concluso senza problemi il processo di votazione, KQZ: Partecipazione nazionale del 43.88% 25 giugno, 2017
    Tirana - Si è chiuso ufficialmente alle ore 20:00 il processo di votazione su scala nazionale. Alle ore 18:45 la Commissione Centrale delle Elezioni ha preso la decisione di estendere di un'ora la possibilità di votare, data la bassa affluenza alle urne. Alle ore 07:00 di questa domenica 25 giugno hanno preso il via le elezioni parlamentari 2017 nella R […]
  • Strategia nazionale per efficienza energetica 2030: 52% di energie rinnovabili 25 giugno, 2017
    Rabat - La strategia nazionale per l'efficienza energetica entro il 2030, sotto la visione del Re Mohammed VI, per la transizione energetica e il rafforzamento delle energie rinnovabili, si propone di raggiungere il 52% di energia rinnovabile, ha affermato il Ministro marocchino per l'Energia, le Miniere e lo Sviluppo sostenibile, Aziz Rebbah. Il M […]
  • Elezioni 2017: Avviato ufficialmente il processo di votazione 25 giugno, 2017
    Tirana - L'Albania ha organizzato questa domenica 25 giugno, le elezioni parlamentari, le 9° da quando è stato istituito il pluralismo. Oltre 3.450.000 cittadini sono stati invitati ad esercitare il proprio diritto di voto la cui partecipazione, come al solito, è fortemente influenzata dall'elevato numero di emigrati ai quali è impossibile partecip […]
  • Dopo Emirati Arabi Uniti e Qatar, anche Iran opta per mediazione dell'Algeria 25 giugno, 2017
    Algeri - Dopo inviati di altissimo livello sia del Qatar che degli Emirati Arabi Uniti, così come interviste telefoniche con i funzionari della regione nord-occidentale della Penisola araba, Hegiaz, il Ministro degli Affari Esteri iraniano Mohammad Jawad Zarif, ha rivolto un appello ad Algeri al fine di partecipare alla risoluzione della grave crisi diplomat […]
  • Dalekovod costruisce linea di trasmissione in Norvegia 22 giugno, 2017
    Zagabria - Uno dei principali distributori di energia elettrica della Norvegia, l'azienda BKK NET AS, ha pubblicato, venerdì 23 giugno, che prevede di conferire alla società croata Dalekovod il contratto per la costruzione della linea di trasmissione di 420 kV Modalen - Mongstad. Dopo il processo di valutazione, l'offerta della società Dalekovod è […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: