Emigrate (Io l’ho già fatto)!

Per le  coscienze letargiche  della nazione italiana:  Sir Gerald Kaufman deputato britannico, non un fanatico militante di hamas:

per chi non mastica l’inglese ecco la traduzione offerta da un lettore  di Pasolini:

Sono stato cresciuto come un ebreo ortodosso e un sionista. Su una mensola in cucina c’era una scatola di latta per il Fondo nazionale ebraico, dentro la quale mettevamo le monete per aiutare i pionieri a costruire una presenza ebraica in Palestina. Sono andato la prima volta in Israele nel 1961 e v i sono stato innumerevoli volte. Ho avuto familiari in Israele e ho amici in Israele. Uno di essi ha combattuto nelle guerre del 1956, 1967 e 1973 ed è stato ferito in due di esse. Il distintivo che indosso viene da una decorazione sul campo a lui insignita, che mi ha regalato. Ho conosciuto la maggior parte dei primi ministri di Israele, a partire dal Primo ministro fondatore David Ben-Gurion. Golda Meir era mia amica, così come lo è stato Yigal Allon, vice primo ministro, che, da generale, conquistò il Negev per Israele nella guerra del 1948 per l’indipendenza. I miei genitori vennero in Gran Bretagna come rifugiati provenienti dalla Polonia. La maggior parte dei loro familiari sono stati in seguito uccisi dai nazisti nell’olocausto. Mia nonna era a letto malata, quando i nazisti giunsero alla sua città natale, Staszow. Un soldato tedesco la uccise sparandole nel suo letto. Mia nonna non è morta per fornire la copertura ai soldati israeliani che ammazzano le nonne palestinesi a Gaza. L’attuale governo israeliano sfrutta spietatamente e cinicamente il continuo senso di colpa tra i gentili per la strage degli ebrei nell’olocausto per giustificare la sua uccisione di palestinesi. L’implicazione è che la vita degli ebrei sia preziosa, ma la vita dei palestinesi non conti. Su Sky News pochi giorni fa, al portavoce dell’esercito israeliano, il Maggiore Leibovich, è stato chiesto in merito all’uccisione da parte israeliana di, in quel momento, 800 palestinesi (il totale è ora di 1000). Ha risposto all’istante che «500 di questi erano militanti». Questa era la risposta di un nazista. Suppongo che gli ebrei che lottavano per la loro vita nel ghetto di Varsavia avrebbero potuto essere denigrati in quanto militanti. Il ministro degli Esteri israeliano, Tzipi Livni, afferma che il suo governo non avrà rapporti con Hamas, perché sono terroristi. Il padre di Tzipi Livni era Eitan Livni, il capo delle operazioni dell’organizzazione terroristica Irgun Zvai Leumi, che ha organizzato l’attentato esplosivo dell’Hotel King David di Gerusalemme, in cui perirono 91 vittime, di cui quattro ebrei. Israele è stato partorito dal terrorismo ebraico. Terroristi ebraici impiccarono due sergenti britannici e fecero esplodere i loro cadaveri. Irgun, insieme con la banda terrorista Stern, nel 1948 massacrò 254 palestinesi nel villaggio di Deir Yassin. Oggi, gli attuale governanti israeliani indicano che sarebbero disposti, in circostanze per loro accettabili, a negoziare con il presidente palestinese Abbas, di al-Fatah. È troppo tardi per farlo. Essi avrebbero potuto negoziare con il precedente leader di al-Fatah, Yasser Arafat, che era un mio amico. Invece, lo assediarono in un bunker a Ramallah, dove lo visitai. A causa dei fallimenti di al-Fatah, a partire dalla morte di Arafat, Hamas ha vinto le elezioni palestinesi nel 2006. Hamas è una organizzazione sgradevolissima, ma è stata democraticamente eletta, ed è quel che passa il convento. Il boicottaggio di Hamas, anche da parte del nostro governo, è stato un errore colpevole, dal quale sono derivate terribili conseguenze. Il grande ministro degli Esteri israeliano Abba Eban [che era sull’aereo con gli agenti che in Argentina arrestarono Adolf Eichman, ic], con il quale ho fatto campagna per la pace da molte tribune, ha dichiarato: «Fate la pace se parlate con i vostri nemici.» Per quanti palestinesi gli israeliani possano uccidere a Gaza, non possono risolvere questo problema esistenziale con mezzi militari. Quando e qualora i combattimenti finissero, ci sarebbero ancora un milione e mezzo di palestinesi a Gaza e altri due milioni e mezzo in Cisgiordania. Essi sono trattati alla stregua di immondizia da parte degli israeliani, con centinaia di blocchi stradali e con gli orrendi abitatori degli insediamenti ebraici illegali che li molestano. Verrà il momento, non molto lontano da ora, in cui supereranno la popolazione ebraica in Israele. È giunto il momento per il nostro governo di render chiaro al governo israeliano che la sua condotta e la sua politica sono inaccettabili, e di imporre un divieto totale di esportare armi a Israele. È l’ora della pace, ma la pace vera, non la soluzione attraverso il soggiogamento che è il vero obiettivo degli israeliani, ma che è impossibile per loro da raggiungere. Essi non sono semplicemente dei criminali di guerra, sono folli.

Ora proviamo  ad immaginare un rappresentante del parlamento italico , ma spesso anche del neo extraparlamentarismo di destra  e sinistra,   parlare così liberamente? Avete trovato qualcuno? Un’immagine sbiadita? Una almeno? Io brancolo nelle tenebre…

Advertisements

1 Response to “Emigrate (Io l’ho già fatto)!”


  1. 1 toniutti 24 gennaio, 2009 alle 4:02 pm

    m’è piaciuta assai the essay che ho appena letto ed ascoltato.
    parole sagge, semplici e coerenti. potessero essere ascoltate più spesso..
    a parte aggiungo che mi son fidelizzato al tuo blog attraverso quel banale ma efficacissimo sistema chiamato rss. invito chiunque a farne buon uso.
    renatocarosone


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




gennaio: 2009
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 59,658 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Russia paga debito clearing alla BiH e chiede pagamento debito per il gas durante la guerra 27 aprile, 2017
    Sarajevo - Il Governo della Russia avvierà l'offensiva del pagamento del debito per il consumo di gas della Bosnia-Erzegovina, in tempo di guerra, riferisce Faktor da fonti ben informate, il 25 aprile. Proprio tale questione sarà il tema principale dell'incontro ministeriale tra il Governo della Federazione Russa e il Consiglio dei Ministri della B […]
  • Parlamento ha sostenuto adesione del Montenegro alla NATO, DF ha organizzato proteste 27 aprile, 2017
    Podgorica - Il Parlamento del Montenegro, durante la sessione tenutasi, venerdì 28 aprile a Cetinje, ha sostenuto l'adesione del Montenegro alla NATO, riferisce la RTCG. Oltre alla coalizione di Governo, la presente decisione ha anche ottenuto il sostegno dei deputati del Partito socialdemocratico (SDP), l'unico partito di opposizione che ha partec […]
  • NSKP ha nominato il direttore fuori dalla procedura prevista dalla legge 27 aprile, 2017
    Podgorica - I comproprietari della società Novi duvanski kombinat Podgorica (NDKP), il governo del Montenegro e la Capitale montenegrina, hanno permesso all'investitore arabo BMJ Industries FZ - LLC, di presentare e nominare saltando le norme legislative, un altro direttore esecutivo della NDKP, Gabriele Arveda, ha riferito, il 18 aprile, il quotidiano […]
  • Russia ha vietato importazione di vino proveniente dal Montenegro 27 aprile, 2017
    Podgorica - Il servizio russo per la supervisione in materia di tutela dei consumatori, Rospotrebnadzor, ha vietato l'importazione del vino del maggiore produttore in Montenegro, la società "Plantaze 13. jul",  a causa della scarsa qualità e sicurezza, ha riferito, mercoledì 26 aprile, il portale Seebiz. Il Ministero russo competente ha comuni […]
  • Raccolte 79 firme, Petrov non è più presidente del Parlamento 27 aprile, 2017
    Zagabria - Il Vice Presidente del Parlamento croato, Gordan Jandrokovic, ha confermato, quest'oggi 28 aprile, che sono state raccolte 79 firme per la votazione di sfiducia di Bozo Petrov, il quale ha perso la legittimità democratica e non gode più della maggioranza. Jandrokovic ha inoltre confermato che è stata presentata la richiesta per il licenziamen […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: