LO ZIO IVAN

Ho sempre pensato che lo Zio Ivan conservasse nelle  tasche la mappa dei viottoli che ci possono condurre fuori da questo mondo. Di certo  tenendo tra le mani una Settimana Enigmistica, egli da questo  mondo scompariva.  Mi è capitato in diverse  occasioni  di incrociarlo nei luoghi più strani mentre compilava, rigorosamente a matita (proprio come fa Giampaolo Dossena), parole crociate senza schema, un Bartezzaghi, dei rebus astrusi. Tutte le volte ho avuto l’impressione che avesse abbandonato la zavorra del suo corpo fisico in questi luoghi improbabili (in cantina, in garage, in piedi vicino al pollaio) mentre il suo spirito si librava altrove. Un giorno lo Zio Ivan scomparve davvero: per circa due ore, dopo una visita a sua madre.  Si presume che abbia vagato nel traffico senza rendersene conto. Dico si presume, perché lo ritrovarono  davanti a casa con l’auto un po’ ammaccata e non seppe spiegare dove fosse stato o cosa fosse accaduto una volta uscito dall’appartamento di sua madre. Di certo non poteva essersi smarrito, poiché lo zio Ivan possedeva una conoscenza della città inusitata: sembrava avere impresso nella memoria tutta la piantina di Udine. Questa sua capacità era nota a tutti. In famiglia per risolvere eventuali dubbi sulla posizione di una via o di una piazza udinese, non si perdeva tempo: “Chiedilo a Ivan” si diceva (a nessuno sarebbe saltato in mente di aprire orrori tipografici come Tutto città). “Via Orologio?” “Via Alessandro Orologio – precisava – è alla fine di Via D’Artegna”. A volte mi piaceva metterlo alla prova e sfogliando uno stradario gli chiedevo: “Via Eustachio Celebrino?” “La quarta laterale a destra di Via Paolo di Brazzà”, rispondeva senza battere ciglio. “Zio, e via Lussemburgo ?” “Dunque, via Niccolò di Lussemburgo si trova a San Rocco, è una laterale di via Marquardo”. Lo zio Ivan mi prendeva per mano guidandomi attraverso vicoli, viuzze, ma soprattutto attraverso i suoni dei loro nomi e quei nomi si travasavano nella mia mente in forme, colori, odori, in occasioni per uscire dal tempo. La toponomastisca con lui diventava U-topia. Mi ricordo ancora di quando mi parlò per la prima volta di Borgo Grazzano, di come snocciolò una lista lunghissima di nomi: Vicolo del Cucco, Vicolo Pangrasso, Vicolo Chiuso, Vicolo dello Schioppettino, Vicolo Taschiutti, Vicolo del Paradiso (del Pa-ra-di-so), Vicolo Repetella … come se fossero gli ingredienti di una ricetta segreta. E di come quell’elenco di nomi iniziò ad animarsi di rumori, voci, ombre, figure: potevo vedere lo zio Ivan giochicchiare in braghe corte con suo fratello gemello Vassili sulle rive della roggia che scorreva ancora libera sotto il cielo del Borc dai Croz. Lo spiavo mentre correva  al suono dell’allarme aereo. Lo trovavo a  rovistare tra i calcinacci, mentre canticchiava vestito da Balilla … Mi aveva lasciato aperto il cancello del suo hortus  conclusus, lo spazio magico della sua infanzia. Di tanto in tanto, imboccando uno di questi vicoli lo zio Ivan mi fa  visita durante  i miei sogni …

copertura della roggia in Via Grazzano 1954

copertura della roggia in Via Grazzano 1954

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




aprile: 2009
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 61,223 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: