Metafisica dello Spriz

Io lo chiamo spriz con la zeta e senza ti. Nel mio Friulistan lo spriz conosce svariate declinazioni: dal tradizionale vino bianco paradossalmente corroborato con il selz, all’Aperol con limone e oliva, fino ai beveroni più improbabili composti da altrettanto improbabili miscugli di superalcolici stemperati in acqua frizzante. sifon_vechi In un’Italia caratterizzata da talibanismo enogastronomico, lo spriz è bevanda poco amata dai gourmet  che, infatti,  la bollano come il  frutto perverso di un ecumenismo che unisce – eresia maxima – il vino all’acqua. In realtà questo malizioso dosaggio di vino e acqua gasata rivela prospettive inattese. Il territorio tradizionale dello spriz combacia grosso modo con lo spazio asburgico. In Italia infatti la culla di questo abbeveraggio corrisponde grossomodo al Nord-Est. Anche le propaggini italiane presenti in Slovenia e Croazia confermano il suo lignaggio imperiale. In Romania invece questa ricostruzione geopolitica entra in impasse: nelle regioni asburgiche della Transilvania e del Banato, infatti, lo spriz rimane un emerito sconosciuto, per ricomparire come  da una risorgiva carsica a Bucarest e nel resto della Valacchia, nella maledetta Balcania. Su questa curiosa circostanza aveva ragionato anni fa il filosofo Andrei Plesu in un articolo spiritoso che riconosceva nel consumo bucarestino dello spriz una sorta di anello di congiunzione tra il miraggio della civiltà mitteleuropea e lo spirito balcanico. Secondo Plesu lo spriz rappresenta il vero spirito della bisboccia, il diluente assoluto dello spleen da osteria. Nella sua triplice essenza – vino – acqua – aria- sonnecchierebbe una vera Weltanschauung della convivenza di identità eterogenee. Nel cicaleccio delle bollicine dello spriz, Plesu individuava un tentativo avventuroso di avvicinare il vino alla birra, di conferire alla sobrietà del primo il Witz della fermentazione dell’altra (e questo spiegherebbe la sua discendenza austro-ungarica). Secondo il filosofo romeno, postulato che tutti si beve per il gusto della piccola vertigine, lo spriz offrirebbe  l’alterazione dalle prospettive indefinite, permetterebbe la corsa lunga, il record chilometrico, il differimento continuo. Plesu vede in questa poetica del rinvio un tratto tipico dello spirito mitteleuropeo. Io credo che il modo di vivere lo spriz sia totalmente diverso tra Bucarest e, ad esempio, Udine o Trieste. Nel Nord Est italico lo spriz è inteso come una sorta di aperitivo consumato a metà mattino o nel tardo pomeriggio, insomma una premessa a qualcosa, l’introduzione verso un’altra tappa del giorno o della notte. In Valacchia invece lo spriz non premette, sospende. Così almeno lo intesi anni fa sui balconi dello Hanul lui Manuc. manucEravamo io e Mihai (oggi profugo in Lussemburgo). Ad iniziarci a questo rituale c’erano il pomeriggio infuocato di Bucarest, qualche secchiello ghiacciato con Riesling di Jidvei, l’immancabile sifon (= il selz) e la Curtea Veche. Di lì si naufragò oltre la notte alla caccia dei nostri fantasmi. Come dire: svanire è dunque la ventura delle venture…

Advertisements

2 Responses to “Metafisica dello Spriz”


  1. 1 Esteban (du Plantier) 13 giugno, 2009 alle 1:48 pm

    Mai Tata, ce sifoane!!

  2. 2 catrafuse 14 giugno, 2009 alle 9:18 am

    La Lipova era o sifonerie?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




maggio: 2009
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 59,179 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Pubblicate decisioni del Governo tra cui istituzione database elettronico statale sulla salute 22 febbraio, 2017
    Tirana - Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nel corso della riunione, svariate decisioni importanti. La prima serie di delibere riguardava il settore della difesa con i Paesi alleati della NATO. In questo modo il Governo ha disposto l'approvazione del memorandum d'intesa, tra il Governo del Regno della Norvegia, il Quartier Generale Supremo de […]
  • Basha forte messaggio a Rama dalla tenda della protesta 22 febbraio, 2017
    Tirana - Sta seguendo la protesta dell'opposizione nella tenda istallata davanti alla Presidenza del Consiglio, entrata ormai al suo quinto giorno. Come le precedenti sere, cittadini, simpatizzanti e varie figure del Partito Democratico hanno passato la serata sotto la tenda, mentre fino a tarda notte è rimasto anche il leader del PD, Lulzim Basha. I de […]
  • Centrali idroelettriche, Governo ripristina IVA; Investitori contrari 22 febbraio, 2017
    Tirana - Il Governo ha approvato una decisione, che obbliga i costruttori delle centrali idroelettriche private a pagare l'Imposta sul Valore Aggiunto dal valore del 20% per i macchinari e le attrezzature che utilizzano nuovi investimenti.   "La delibera nr. 84 del Consiglio dei Ministri ha escluso da tutti i codici che beneficiava il settore dell […]
  • Lavori sulla Veliera nella zona archeologica, altro scontro tra Municipio e società civile 22 febbraio, 2017
    Durazzo - La società civile, da diverse settimane, sta protestando in difesa dei valori archeologici di Durazzo, ha accusato la Corte Amministrativa di Durazzo per la modifica della sua decisione, a favore del Municipio come investitore del progetto che sta svolgendo i lavori per la costruzione della piazza "Veliera". Nel luogo in cui è prevista la […]
  • Cambia il rapporto: Albania incrementa importazione delle armi 22 febbraio, 2017
    Tirana - Il Governo ha aumentato l'acquisto di armi dall'estero per armare la Polizia, ma anche per soddisfare gli obblighi che sorgono dalla NATO. I dati ufficiali provenienti dalla Direzione Generale delle Dogane hanno dimostrato che l'importazione di armi e munizioni ha segnato, lo scorso anno, il livello più elevato in quasi un decennio. S […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: