Viaggio al termine della Romania

Il governo romeno taglierà gli stipendi degli statali del 25% e le pensioni del 15%, lo ha dichiarato qualche settimana fa Traian Basescu, il caudillo balcanico che regge le sorti (o per meglio dire la malasorte) di questo paese. Tutto ciò in uno stato in cui lo stipendio medio è ben sotto i 500 euro e le pensioni di norma non raggiungono i 200. La manovra vampiresca è coadiuvata da altre misure di austerità come la cancellazione di alcune sovvenzioni e aiuti sociali. Nei propositi del governo il salasso dovrebbe servire a contrarre un nuovo prestito dal Fondo Monetario Internazionale e a sanare le voragini create nei conti pubblici negli ultimi vent’anni di cleptocrazia. In realtà, l’adozione di restrizioni salariali che colpiscono allo stesso modo il dipendente statale che guadagna 200 euro al mese e quello che ne intasca 5000 o 6000, chi lavora e chi ruba, chi sgobba e chi non fa nulla, delinea l’essenza odiosa di questo esperimento di bassa macelleria sociale. Lo stesso trattamento „paritario” è affibbiato anche ai pensionati tutti inseriti nello stesso calderone come se nulla fosse.
Un altro motivo che rende particolarmente detestabile questo tentativo di dissanguamento di milioni di persone è il cinismo con cui gli attuali governanti difendono con i denti il folle sistema di tassazione applicato in Romania: la flat tax (aliquota unica) al 16%, una pratica fiscale aberrante che ha già dato chiare prove di inefficienza (che di iniquità non serviva) in paesi come la Lituania, la Lettonia o l’Islanda. La protervia dei cleptocrati di Bucarest nel difendere questo sistema fiscale sconosciuto alla stragrande maggioranza dei paesi civili ha addirittura fatto scattare le critiche del presidente del Fondo Monetario Internazionale Strauss-Kahn, noto per non essere proprio un difensore dei diritti sociali dei popoli oppressi. Ovviamente dal dibattito sulle possibili misure alternative per rimettere in sesto il paese mancano i riferimenti a possibili verifiche patrimoniali sui nuovi ricchi, a tagli per i servizi segreti messi in piedi negli ultimi anni (che succhiano allo stato circa 500 milioni di euro l’anno), all’inutile e sanguinosa missione in Afghanistan, a misure efficaci contro la corruzione e per la trasparenza sulle spese della politica, a imposte e royalty serie da applicare nel settore petrolifero ed energetico… no, meglio far morire di fame qualche pensionato.

Davanti a prospettive così tragiche ti aspetteresti di sentire risuonare in modo chiaro e netto le voci di protesta dell’intellettualità romena, anche perché sarà proprio il già malridotto campo della scuola (e di riflesso della cultura) a bruciare per primo a causa di questi tagli dissennati…invece nulla o quasi. Anzi, può perfino capitare di leggere uno stolto articolo di Mircea Cărtărescu, forse l’autore contemporaneo romeno più tradotto all’estero, che in mancanza di idee e di coraggio invita i suoi colleghi professori e gli altri lavoratori a non scioperare, a non protestare, insomma a morire senza disturbare il manovratore. La logica sarebbe più o meno questa: siccome prima di questo governo si è fatto di peggio, siccome i partiti di opposizione non saprebbero fare di meglio, allora tanto vale stendersi a mo’ di zerbino davanti a ogni sopruso ordinato dall’attuale potere ed accettare, come se si trattasse di un inesorabile destino,  la grande purga che ci viene propinata dai “grandi specialisti” dell’attuale coalizione. Non può mancare uno j’accuse lanciato contro l’intera nazione romena (ormai un “classico” negli articoli di questo scrittore), ecco come la pensa il prof. Cărtărescu: “Volete dei colpevoli? Ne troverete a bizzeffe. Non c’è nemmeno bisogno di capri espiatori. Si può puntare il dito su chiunque, a caso, tra i parlamentari di ieri e quelli di oggi della Romania: è quasi impossibile sbagliare. Puoi puntare il dito su uno qualsiasi dei nostri miliardari di ieri e di oggi: nel novanta per cento dei casi non si sbaglierà. E potresti puntare il dito anche sul tuo petto di semplice salariato: non hai mai lavorato alla carlona? Come mai, se tutti lavoriamo con impegno, abbiamo la più disastrosa economia di questa parte di mondo? E tu, pensionato, che hai lavorato una vita intera per non riuscire oggi nemmeno a comprare le medicine, forse almeno una volta al mese potrai domandarti se, oltre che vittima, non sei stato a volte anche complice di un regime che hai sostenuto e che ora rimpiangi… Certo, esistono colpevoli maggiori e colpevoli minori (praticamente, ognuno di noi, con la nostra eredità orientale). Certo, i colpevoli maggiori dovrebbero pagare. Ma non dimentichiamo, miei cari: ora ciò che conta è uscire dal vicolo cieco in cui ci troviamo. I colpevoli li possiamo punire anche più tardi”.
Ma questo uomo sta bene? Insomma, i romeni sarebbero tutti ladri, profittatori, sfaticati, capaci solo di accusare politici e governanti! Ripeto la domanda: Ma questo uomo sta bene? Crede davvero che si possa applicare una specie di aliquota unica per distribuire le colpe della sistematica distruzione dell’economia del paese? Per calcolo o per pavidità qualche riga più sotto il nostro autore riesce a esporre questo capolavoro: “Gli enormi scioperi e le dimostrazioni annunciate per l’inizio del mese rappresentano un errore immane. Non ci faranno uscire dalla crisi, anzi ci daranno il colpo di grazia. Le proteste sociali nei paesi poveri sono state sempre delle grosse manipolazioni che hanno portato alla crescita del marasma generale”. Dunque, secondo questo crumiro postmoderno, il destino della Romania sarebbe cucito a doppio filo a una logica inesorabile: Băsescu o muerte! O anche tutte e due, ossia: Băsescu y muerte! una sorta di sindrome di Stoccolma in salsa bucarestina, in cui la vittima si prende una cotta per il suo carnefice. Leggere questo articolo mi ha provocato una sensazione sgradevole, la stessa che provi quando scopri che la fiducia riposta in un amico è stata tradita. Non c’è dubbio, per uscire da questa crisi economica in primo luogo c’è da risolvere una profonda crisi delle coscienze di intellettuali incapaci di immaginare una società basata sulla solidarietà, sul riscatto sociale e nazionale…di ipotizzare la storia e il presente come regno del possibile e non come una fatalità.

Annunci

2 Responses to “Viaggio al termine della Romania”


  1. 1 peciorin 16 giugno, 2010 alle 2:17 pm

    E cosa avresti preferito, la caduta del governo? Le soluzioni fatamorganiche propinate dall’intellettuale Nastase? Qualli soluzioni? E’ ovvio che tutti sono corrotti fino al midollo, ma in tempi di crisi e in mancanza di scelta, si opta sempre per la meno peggio delle soluzioni. In questo caso, la meno peggio è Boc e il suo commandante, pirata, ubriacone, ecc.

    Non sono completamente d’accordo con quello che asserisce il buon Carta, ma tu parli di riscatto sociale quando si dovrebbe parlare del riscatto morale di una società imbastardita da un’ideologia criminale e, appunto, molto, ma molto sociale.

    Parli di proteste sociali come se ti riferissi a dei sindacati seri. Non esistono in Romania. Le persone radunate ieri dinnanzi al parlamento sono state pagate per protestare.

    • 2 catrafuse 19 giugno, 2010 alle 10:14 am

      Nel mio breve scritto ho formulato alcune proposte di buon senso: via l’aliquota unica, accertamento e tassazione patrimoniale – in Italia lo chiamano redditometro – rivalutazione delle royalties energetiche ecc. Non mi sembrano follie, ma pratiche adottate in paesi considerati relativamente civili, a meno che i tuoi modelli non siano il Kosovo, la Macedonia o l’Ucraina. Non so se Nastase condivida queste idee, se così fosse buon per lui.
      Tu vedi la caduta del governo come l’avvento del Kali Yuga, per me, invece, sarebbe solo l’esito naturale del processo di delegittimazione che ha coinvolto questo esecutivo, e dove la fiducia manca è bene togliersi di mezzo, mi dicono che così si faccia in democrazia. Un prodotto scaduto si getta nella spazzatura, non si riscalda. Chi verrà dopo, lo giudicheremo sui fatti, non sulle chiacchiere.
      La società romena è imbastardita? Tu ne fai parte ? Sei certo che tutti siano corrotti, ladri, sfaticati? Io non lo sono affatto. Parli di sindacalisti pagati per protestare, ma quanti sindacalisti hai conosciuto? Io parecchi del settore scolastico e universitario e ti assicuro che non vivono in ville, non guidano Mercedes e non ricevono emolumenti per recarsi in piazza, tentano solo di migliorare la situazione orribile in cui versa l’insegnamento in Romania. In linea generale credo che le contestazioni, i conflitti sociali, il dissenso facciano bene agli stati, il mutismo asservito invece ne appiattisce l’encefalogramma nazionale e per questo ho criticato le parole di Cartarescu. Per me quello morale (o meglio etico) e quello sociale sono due piani inscindibili: la giustizia sociale è l’ombra fedele di una società eticamente sostenibile. Alla fine una domanda: sul piano pratico che cosa ti fa pensare che Basescu, Berceanu, Adriean Videanu, Elena Udrea & Co. abbiano diritto di entrare nel limbo confortevole del “meno peggio”? Da un lettore di Lermontov mi sarei atteso un po’ meno conformismo…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




giugno: 2010
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,236 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Rogozin: Adesione Montenegro alla NATO è diretta contro Serbia, non contro Russia 27 giugno, 2017
    Podgorica - L'adesione del Montenegro alla NATO è orientata direttamente contro la Serbia, e non contro la Russia, ha asserito il Vice Primo Ministro della Federazione Russa, Dmitry Rogozin, in un'intervista rilasciata all'agenzia di stampa russa Sputnik, spiegando che il Montenegro rappresenta per la Serbia ciò che l'Ucraina rappresenta […]
  • Opacic licenziata dalla funzione di vice presidente del Parlamento croato 27 giugno, 2017
    Zagabria - Il Club dei rappresentanti dell'SDP ha licenziato il vice presidente del Parlamento croato, Milanka Opacic, da tale funzione, e al suo posto ha nominato Sinisa Hajdas Doncic, riferisce, mercoledì 28 giugno, la stampa croata. Il Club dei rappresentanti ha agito in questo modo dopo la decisione della Presidenza dell'SDP.  Arsen Bauk ha las […]
  • Veterani e Governo FBiH firmano accordo: 100 mln di BAM per soluzione del problema 27 giugno, 2017
    Sarajevo - Il Governo della Federazione di Bosnia-Erzegovina e i rappresentanti delle associazioni dei veterani hanno firmato l'accordo di cinque anni, sul raggiungimento del livello dei fondi nel bilancio della FBiH, destinato a soddisfare le esigenze prioritarie delle categorie dei veterani. Si tratta del documento per il quale i rappresentanti del Go […]
  • NATO: Serbia decide in merito al suo Ministro della Difesa 27 giugno, 2017
    Belgrado - Il vice portavoce della NATO ha affermato in occasione dell'annuncia nomina di Aleksandar Vulin alla funzione di Ministro della Difesa serbo, che il Governo della Serbia è quello che deve decidere in merito alla nomina dei Ministri, e che si aspetta una buona cooperazione anche in futuro. "La Serbia e la NATO hanno sviluppato un partenar […]
  • Sutanovac: Stringere accordo con la Russia come quello con la NATO 27 giugno, 2017
    Belgrado - Il presidente del DS, Dragan Sutanovac, ha suggerito di stringere, se è necessario, un accordo con la Russia come l'accordo SOFA con la NATO, permettendo così alle truppe russe di passare attraverso la Serbia. Sutanovac ha affermato, in una dichiarazione scritta, che l'accordo identico a quello SOFA con la NATO consentirebbe ai soldati r […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: