Io sto con il cane di Vîntu

La galera non si augura a nessuno. Eppure non mi sembra il caso di solidarizzare con Sorin Ovidiu Vîntu (SOV), il faccendiere romeno arrestato ieri a Bucarest. Vîntu è uno degli uomini d’affari più chiacchierati del paese. Gli inizi della sua “carriera” si intrecciano con i destini di diversi ex appartenenti alla vecchia Securitate e con spregiudicate operazioni finanziarie. Il suo nome sale alla ribalta nel maggio 2000 quando il Fondo Nazionale di Investimenti, una struttura piramidale creata da Vîntu con l’avallo di un’importante banca statale (la CEC), crolla portando con sé i risparmi di centinaia di migliaia di persone. L’inchiesta e il successivo processo si chiuderanno con delle condanne pesanti per i suoi collaboratori, ma con una sentenza mite per SOV. Negli anni successivi, SOV si ricostruirà un’immagine investendo nei mass media. Nel suo carniere spiccano il canale di news Realitatea TV, quello finanziario Money Channel, alcune radio, il quotidiano Cotidianul, il settimanale satirico Academia Caţavencu e altri ancora. Nei primi anni Realitatea TV appare come un canale d’informazione indipendente, forse più vicino all’opposizione (allora PD e PNL), che al partito di governo (PSD). Numerosi nomi di spicco dell’intellighentia romena si alterneranno sugli schermi di questa TV: Stelian Tănăse, Cristian Tudor Popescu, Emil Hurezeanu, Mircea Dinescu ecc. L’impero di SOV sembra imporsi senza troppi ostacoli nel mondo dell’informazione, almeno fino a quando non cominceranno gli scontri con l’attuale presidente Băsescu che mal sopporta le critiche e l’appoggio dato dalla TV ad alcune iniziative dell’opposizione. Realitatea TV nel corso dell’ultima campagna elettorale diventa uno strumento di propaganda anti Băsescu e il suo patron Sorin Ovidiu Vîntu entra nella lista dei nemici personali del presidente. Ieri SOV è stato arrestato con l’accusa di avere favorito la latitanza del suo ex braccio destro Nicolae Popa (“esule” in Indonesia per sfuggire a una condanna a 15 anni nel caso FNI). L’arresto di Vantu, come ho già detto, non mi commuove, mi lasciano perplesso però le circostanze in cui la sua casa è stata perquisita. Alle sei del mattino una banda di agenti speciali coordinati da un pubblico ministero si presenta nella villa dell’uomo d’affari. Apre loro la porta un cameriere. In giardino gironzola un vecchio cane lupo mezzo orbo. Il primo ad entrare è un marcantonio delle squadre speciali mascherato e armato di fucile che inizia a sparare pallottole di gomma sul cane di Vantu! Ma che razza di procedura seguono i magistrati? Permettono a un buzzurro armato di fucile di tirare a destra e a manca senza motivo, azzoppando un povero cane. Tanto più che non si trattava di catturare un feroce killer, ma al massimo un abile truffatore. Sempre a livello di procedura va ricordato come in Romania esista ancora l’abominevole pratica di ammanettare gli inquisiti, a prescindere dalla reale colpevolezza e pericolosità di queste persone. Sì, insomma Vîntu avrà molti peccati da farsi perdonare, ma il povero cane vittima di quattro buffoni coperti dal passamontagna che colpe ha? Tra l’altro Vîntu non era manco in casa! Io mi schiero dalla parte del cane.

Advertisements

0 Responses to “Io sto con il cane di Vîntu”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




settembre: 2010
L M M G V S D
« Ago   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 59,658 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Russia paga debito clearing alla BiH e chiede pagamento debito per il gas durante la guerra 27 aprile, 2017
    Sarajevo - Il Governo della Russia avvierà l'offensiva del pagamento del debito per il consumo di gas della Bosnia-Erzegovina, in tempo di guerra, riferisce Faktor da fonti ben informate, il 25 aprile. Proprio tale questione sarà il tema principale dell'incontro ministeriale tra il Governo della Federazione Russa e il Consiglio dei Ministri della B […]
  • Parlamento ha sostenuto adesione del Montenegro alla NATO, DF ha organizzato proteste 27 aprile, 2017
    Podgorica - Il Parlamento del Montenegro, durante la sessione tenutasi, venerdì 28 aprile a Cetinje, ha sostenuto l'adesione del Montenegro alla NATO, riferisce la RTCG. Oltre alla coalizione di Governo, la presente decisione ha anche ottenuto il sostegno dei deputati del Partito socialdemocratico (SDP), l'unico partito di opposizione che ha partec […]
  • NSKP ha nominato il direttore fuori dalla procedura prevista dalla legge 27 aprile, 2017
    Podgorica - I comproprietari della società Novi duvanski kombinat Podgorica (NDKP), il governo del Montenegro e la Capitale montenegrina, hanno permesso all'investitore arabo BMJ Industries FZ - LLC, di presentare e nominare saltando le norme legislative, un altro direttore esecutivo della NDKP, Gabriele Arveda, ha riferito, il 18 aprile, il quotidiano […]
  • Russia ha vietato importazione di vino proveniente dal Montenegro 27 aprile, 2017
    Podgorica - Il servizio russo per la supervisione in materia di tutela dei consumatori, Rospotrebnadzor, ha vietato l'importazione del vino del maggiore produttore in Montenegro, la società "Plantaze 13. jul",  a causa della scarsa qualità e sicurezza, ha riferito, mercoledì 26 aprile, il portale Seebiz. Il Ministero russo competente ha comuni […]
  • Raccolte 79 firme, Petrov non è più presidente del Parlamento 27 aprile, 2017
    Zagabria - Il Vice Presidente del Parlamento croato, Gordan Jandrokovic, ha confermato, quest'oggi 28 aprile, che sono state raccolte 79 firme per la votazione di sfiducia di Bozo Petrov, il quale ha perso la legittimità democratica e non gode più della maggioranza. Jandrokovic ha inoltre confermato che è stata presentata la richiesta per il licenziamen […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: