GERONIMO

Lascio ad altri commentare le contraddizioni e i lati poco chiari della vicenda Bin Laden, mi limito solo a svolgere alcune considerazioni sulla scelta da parte delle forze statunitensi di utilizzare in questa  esecuzione  il nome in codice “Geronimo” per il   loro vecchio amico Osama. È un gesto che ben illustra l’orizzonte mentale di questi eterni liberatori che considerano la loro l’unica memoria possibile e  la loro l’unica giustizia possibile. Mi è difficile comprendere come il mondo s’incanti innanzi all’omicidio  di un uomo disarmato,  fosse anche un  sanguinario, ma pensare che un  manipolo di democratici esaltati assegni ad  un altro esaltato,   presunto  demolitore di torri gemelle,   imperituro  fuggiasco   e  probabile rimestatore di vari servizi e servizietti,  il nome di uno dei più gloriosi capi indiani  mi da veramente il voltastomaco. Per  lenire il fastidio riporto un estratto di un articolo apparso sul sito  indian country:

“La rabbia nella nazione  indiana per l’associazione di Osama Bin Laden con Geronimo è palpabile, ed è giusto che sia così. Accostare il capo Apache Geronimo, che lottò valorosamente per la per patria  della sua tribù e per la sua gente  contro delle forze incredibili – con un vile assassino  come Osama Bin Laden è  più che offensivo. Tale insulto  oltrepassa  la figura di Geronimo poiché egli è  un simbolo del guerriero  Indiano americano. Dipingere Geronimo con gli stessi tratti di  un terrorista globale come Bin Laden suggerisce che gli indiani americani siano dei selvaggi sanguinari. Questo stereotipo è totalmente falso. L’onore di un guerriero indigeno  non si è mai  basato su atti violenti commessi in tempo di guerra, anzi, risiedeva  nel fatto di avere  scelto di rischiare la propria vita  per salvare altri dal male.

I guerrieri Indiano-americani  non combattevano solo per uccidere. Tra  molte tribù delle pianure, il combattimento tra le nazioni tribali comprendeva il conteggio dei colpi,  con  cui un guerriero umiliava il suo avversario toccandolo con un bastone, senza  ucciderlo. In tal modo, l’onore di un guerriero veniva  elevato,  mentre il suo nemico veniva screditato, vivendo  per combattere   un altro giorno.

Il guerriero indiano americano era  un difensore e protettore della sua gente sopra ogni altra cosa e non c’era nessun limite a ciò che un guerriero avrebbe fatto  per salvare il suo popolo. Un certo numero di Tribù possedeva  un gruppo scelto di guerrieri che rimanevano  a terra ancorati a dei  pali per far fronte  all’invasione da parte del nemico e permettere al resto resto della tribù di mettersi in salvo.

Anche quando nel 1800  le tribù  si opposero alla Cavalleria statunitense, lo scopo principale della guerra non fu   di uccidere, ma  di rimanere liberi  sulle  terre degli avi, e di proteggere  anziani innocenti, donne e bambini. La loro sfida era  una dichiarazione:  le genti native hanno il diritto di esistere.

Da allora, le nazioni native hanno sofferto molto. Tuttavia, i valori di coraggio e audacia sopravvissero.  Durante la prima guerra mondiale, gli indiani americani non erano coscritti, perché non avevano la cittadinanza. Non ebbe  importanza. Moltissimi  indiani si presentarono come volontari comunque. Il Congresso degli Stati Uniti fu  così impressionato dal coraggio dimostrato durante la prima guerra mondiale  da questi indiani americani che nel 1919  diede loro  la cittadinanza. L’attitudine  degli Indiani d’America nella prima guerra mondiale  influenzò in seguito la decisione del governo federale di rendere tutti gli indiani cittadini  degli Stati Uniti nel 1924. Il nostro contributo alle   forze militari americane non  si esaurisce qui. Nella seconda guerra mondiale, soldati indigeni contribuirono alla sconfitta delle potenze dell’Asse anche grazie agli  American Indian codetalkers che usarono  le loro  lingue per trasmettere  ai militari messaggi in codice che non furono mai  decifrati dal nemico.

Da allora in tutti i conflitti cui   gli Stati Uniti hanno preso parte, i Nativi americani  hanno continuato a rispondere  alla chiamata del servizio militare. Sul totale della  popolazione, gli indiani americani hanno servito  nell’esercito degli Stati Uniti con   un numero maggiore pro capite di individui  rispetto  a qualsiasi altro gruppo razziale  […]”  Il resto dell’articolo può essere letto qui (in inglese però).

0 Responses to “GERONIMO”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




maggio: 2011
L M M G V S D
« Apr   Lug »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 58,749 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Presentati gli elicotteri Kiowa Warrior 8 dicembre, 2016
    Zagabria - Sedici elicotteri OH-58D Kiowa Warrior, i tre simulatori, pezzi di ricambio e le attrezzature acquistati nell'ambito del progetto di dotare le Forze Armate della Croazia con gli elicotteri d'attacco e di ricognizione, grazie il sostengono del Governo e delle Forze Armate degli Stati Uniti (USA), sono stati presentati giovedì, 8 dicembre, […]
  • Ambasciatore di Israele: Burocrazia ostacola cooperazione commerciale senza frontiere 8 dicembre, 2016
    Zagabria - L'importanza di Israele per la Croazia è stata costatata nella serata di giovedì 8 dicembre, in occasione del ricevimento di Zagabria ''Il raduno festoso'', organizzato dall'ambasciata israeliana e il Business Club croato-israeliano. E' stata l'occasione per rafforzare i rapporti commerciali ed amichevoli tr […]
  • Nikolic si è detto soddisfatto del livello di cooperazione tra Serbia e Kazakistan 8 dicembre, 2016
    Belgrado - Il Presidente della Serbia, Tomislav Nikolic, nel corso dell'incontro con l'ambasciatore del Kazakistan, Nurbah Rustemov, avvenuto quest'oggi, 9 dicembre, si è detto soddisfatto del livello di cooperazione tra i due Paesi, notando che le relazioni bilaterali sono cordiali e sincere. "La vicinanza dei due Paesi e i due popoli ha […]
  • Hahn in visita in Montenegro 8 dicembre, 2016
    Podgorica - Il presidente del Partito Democratico dei Socialisti (DPS), Milo Djukanovic, ha incontrato, giovedì 8 dicembre, il Commissario europeo per l'Allargamento e la Politica di Vicinato, Johanes Hahn, con il quale ha parlato dell'attuale situazione politica in Montenegro e le prospettive nel processo delle integrazioni europee, riferisce il p […]
  • In Bosnia ci sono 500 società fittizie di arabi 8 dicembre, 2016
    Sarajevo - Secondo ancora i risultati incompleti dell'indagine "Beni immobili" (Nekretnine), di 700 persone giuridiche controllate in Bosnia-Erzegovina (BiH), circa 500 sono fittizie e, in gran parte, sono in possesso dei cittadini provenienti dal Kuwait, dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) e dalla Libia. I dati completi dell'indagine attuata […]

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: