La caccia dei miliardari

Tempi di metafore dicono i giornali: un palazzo da crociera sbatte sugli scogli e immediatamente diventa l’immagine simbolica dell’arenarsi dell’economia mondiale, dello sprofondare dell’euro, del meglio e del peggio di una nazione. Non ci credo, ma stiamo al gioco. E allora, passando in terra romena, mi chiedo che metafora si potrebbe ricavare dal macabro appuntamento offerto da ormai sette anni da un manipolo di riccastri europei invitati ogni anno dal magnate Ion Tiriac a far macello nella riserva di caccia di Balc (Romania). Ion Tiriac, ex tennista, ex manager di Ilie Năstase, Guillermo Vilas, Mary Joe Fernández, Goran Ivanišević e Boris Becker, imprenditore, banchiere, attualmente è l’uomo più ricco di Romania. Ogni anno, tra il 21 e il 22 gennaio, veste l’uniforme del gran cerimoniere di una sanguinosa battuta di caccia cui partecipano nababbi del calibro di Alfred Baumhauer (Cartier), Wolfgang Bernhard (Volkswagen), Siegfried Wolf (Magna Europa), Georges Marsan (sindaco di Monte Carlo), Klaus Mangold ( ex presidente di Daimler Chrysler), Wolfgang Porsche (presidente della nota casa auto), vecchie glorie della racchetta come Boris Becker o Goran Ivanisevic. Non mancano tra i vecchi e nuovi seguaci della battuta di caccia organizzata dell’ex tennista miliardario caricature appartenenti alla teppa locale, tipo rabbi Elan Schwartzenberg o commissari politici alla Adrian Nastase. Caccia, si fa presto a dire caccia, ma quella di Balc non si può manco chiamare caccia. Il macabro rituale, infatti, si svolge in una riserva nazionale presa in gestione da Tiriac che, senza badare a spese, ha provveduto a isolarne circa 1500 ettari con un recinto elettrificato al cui interno si rinchiudono 700 cinghiali. In due mezze giornate il clan di miliardari ne abbatte circa 300. Ovviamente non perdono tempo per andarli a cercare nel bosco, a stanarli per loro ci pensano cento villici pagati 5 euro l’ora. Gli stanatori facendo casino e sparando in aria spingono i cinghiali fino a una fascia priva di vegetazione, qui i summenzionati papponi fanno fuoco all’impazzata. I cadaveri poi vengono esposti ed eviscerati davanti al cottage della riserva. Seguono libagioni e balli tradizionali. Arroganza, morte e squallore. Ora però, ritorno alla domanda iniziale: quale potrebbe essere la metafora suggerita tramite tanto gratuito orrore? Gli alti rappresentanti del turbocapitalismo che massacrano per vanità esseri inermi? Oppure siamo davanti alla rappresentazione simbolica del desiderio espresso giorni fa da Tiriac di vedere sterminati gli ultras scesi in piazza a Bucarest per protestare contro il sistema politico. Suggestivo, certo, ma la capacità di esprimere delle metafore come può appartenere ad esseri ignobili e insani che, come dice Alessandra Colla, credono che tutto abbia un prezzo e niente un valore?

AGGIORNAMENTO: quest’anno i cinghiali ammazzati da Tiriac&co sono stati 254.

Advertisements

2 Responses to “La caccia dei miliardari”


  1. 1 attilio 21 gennaio, 2012 alle 2:05 am

    am citit, frumos ca te-ai luat de ei. Credeam ca tziri e mai intelept, cel putin asa parea, cand dadea lectii capitalistilor romenoi la inceputul anilor 90, cu autoritatea unuia care a reusit “dincolo”. Credeam ca si gusturile erau sobre, dar pare doar un atzingaros arivistos.

  2. 2 catrafuse 23 gennaio, 2012 alle 11:35 am

    eu am inceput sa-l cunosc si sa-l detest pe tziri, cand am descoperit ca locuia la Bucuresti a intr-o vila de serviciu unde platea o chirie mai mica decat cea pe care o plateam eu atunci in Brancoveanu!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




gennaio: 2012
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 59,190 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Vujovic: Non esiste un partner per la privatizzazione di Montenegro Airlines 23 febbraio, 2017
    Podgorica - Il membro del Consiglio di privatizzazione, Branko Vujovic, ha affermato per il quotidiano montenegrino Dan che la società Montenegro Airlines (MA) non è stata inserita nell'elenco delle società che saranno privatizzate nel corso dell'anno corrente, perché non esiste nessun partner strategico interessato ad acquistare le sue azioni, spi […]
  • Montenegro un punto di contatto del Gasdotto Ionico-Adriatico 23 febbraio, 2017
    Podgorica - Il Ministro dell'Economia del Montenegro, Dragica Sekulic, ha affermato, giovedì 23 febbraio a Baku, durante la terza riunione dei Ministri del Consiglio consultivo del Corridoio meridionale del gas, che i Paesi della regione e dall'Unione Europea hanno riconosciuto il Montenegro come un partner sicuro e stabile nella realizzazione del […]
  • Nuovo Governo della Fyrom-Macedonia a marzo, partito di opposizione SDSM accetta condizioni partiti albanesi 23 febbraio, 2017
    Skopje - Il leader del partito di opposizione Unione socialdemocratica di Fyrom-Macedonia (SDSM), Zoran Zaev, formerà il nuovo Governo macedone dopo che ha raggiunto un accordo verbale con i partiti albanesi in quel Paese ed ha accettato tutte le loro condizioni.   Dopo i partiti albanesi Besa e Alleanza per gli Albanesi, l'SDSM è stato sostenuto anche […]
  • Aereo ucraino Antonov 124 non ha trasportato armi dalla Croazia in Arabia Saudita 23 febbraio, 2017
    Zagabria - L'aereo ucraino Antonov 124, che alcuni giorni fa ha portato il carico per l'Arabia Saudita, non ha trasportato le armi, come si speculava sui social network, ma ha trasportato le parti delle centrali idroelettriche che sono prodotte a Medjimurje, riferiscono, giovedì 23 febbraio, i media croati. Tomislav Mak, proprietario della società […]
  • BiH: Nuovo percorso dei migranti verso l'UE 23 febbraio, 2017
    Sarajevo - Dopo che sono state bloccate le rotte dei migranti che in precedenza passavano dalla Serbia attraverso l'Ungheria e la Croazia, i migranti trovano sempre di più la strada verso l'Europa occidentale tramite la Bosnia-Erzegovina e solo negli ultimi sette giorni presso il valico doganale di Raca sono stati scoperti 15 clandestini provenient […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: