ACTA LA VISTA, BABY!

ACTA LA VISTA, BABY![1]

Nonostante il freddo polare, anche in Romania si è scesi in piazza contro l’ACTA, l’ACCORDO COMMERCIALE ANTICONTRAFFAZIONE che prevede, tra l’altro, misure restrittive sull’uso del web e sulla libera circolazione dei materiali. Il dibattito attorno a questa intesa cresce, tant’è che uno dei maggiori quotidiani del paese (Adevarul) si è fatto promotore di una petizione anti-Acta da consegnare al parlamento romeno. Chi fosse interessato a capire meglio i contenuti di questo patto può visitare il sito della Commissione Europea da dove si accede al testo finale dell’accordo tradotto nelle varie lingue dell’UE. La stessa commissione ha provveduto a creare una sorta di task-force informativa per smentire tutte le accuse che circolano attorno all’ACTA, redigendo dei brevi testi in stile catechistico intitolati “Che cos’è l’ACTA”, “Che cosa non è l’ACTA”, “10 miti attorno all’ATCA” e, dulcis in fundo, istituendo una rubrica per le FAQ.
Sorpreso dalla portata dei mezzi messi in campo mi sono armato di pazienza e ho cominciato a leggere il tutto. In sostanza, la Commissione Europea tenta di convincere che l’ACTA non modifica nulla della legislazione vigente nei paesi europei (con la precisazione paradossale che alcuni però dovranno adeguare le proprie leggi alla normativa comunitaria) e non restringe i diritti di nessuno, ma si limita ad applicare i meccanismi di protezione dei diritti d’autore.
L’unica domanda cui si evita di rispondere in modo chiaro in questa ostinata difesa dell’ACTA è la seguente: Che bisogno c’è di questo accordo, quando rispetto al diritto d’autore esiste una normativa già consolidata, sia a livello comunitario, sia a livello mondiale… a questo punto è legittimo diventare maliziosi. A me pare che la vicenda ACTA abbia delle ricadute che vanno al di là della libertà della rete e che coinvolgono la struttura stessa delle istituzioni europee. È emblematico che davanti alle prime proteste popolari, soprattutto virtuali, siano sempre più numerosi i rappresentanti europei, i governi e i politici che prendono le distanze dall’ACTA. Si arriva al paradosso della slovena Helena Drnovsek Zorko che afferma di avere firmato l’accordo per distrazione e superficialità. Più dignitosa sembra la “ribellione” di Kader Arif, membro della Commissione sul commercio internazionale e relatore europeo per l’ACTA, che il giorno della firma dell’accordo ha annunciato dal suo blog di rassegnare le dimissioni a causa delle pressioni subite per accelerare i tempi di discussione dell’ACTA, da lui definito una pagliacciata. Nei giorni scorsi in Polonia, Bulgaria e Slovenia sono stati gli stessi governi ad esprimere dei dubbi sull’utilità di questa intesa e qualche riserva sta apparendo anche in Germania. L’immagine che se ne ricava è quella di una politica europea distante anni luce dai cittadini e piuttosto opaca anche per i governi nazionali. Scandagliando questa realtà aliena mi sono imbattuto in un interessante duello tra la popolare Marielle Gallo [2] e la piratessa svedese Amelia Andersdotter [3] sulla questione ACTA trasmesso dalla TV del parlamento europeo:


Per meglio comprendere la complessità della faccenda ACTA val la pena leggere la dichiarazione pubblicata dalla stessa Amalia Andersdotter lo scorso 31 gennaio sul quotidiano romeno Adevarul, eccone un succoso sunto:
“L’accordo ACTA è passato attraverso tutte le tappe di sensibilizzazione delle istituzioni. Tra il 2007 e il 2010, le sole persone che hanno avuto accesso e hanno potuto influenzare il suo contenuto sono stati i rappresentanti dell’industria del copyright. Poi alcune bozze sono iniziate a trapelare, rendendo impossibile ai negoziatori di proteggersi contro le critiche di altri settori industriali, come ad esempio le telecomunicazioni, e della società civile. Ora, che Secondo uno studio realizzato lo scorso anno per conto del Parlamento europeo, la firma dell’accordo vorrebbe dire che gli stati membri e il Parlamento europeo permettono ai rappresentanti della Commissione europea di andare oltre al loro mandato nelle negoziazioni. L’ACTA forza i confini attuali della cooperazione europea in materia doganale e la Commissione non possiede formalmente la delega di rinegoziare le leggi europee relative agli accordi commerciali internazionali. Pertanto, la scelta è se soprassedere o no sull’elusione da parte della Commissione europea delle normali procedure legislative.
Secondariamente, alcune tra le maggiori economie emergenti, come l’India e la Cina, sono contrariate per non avere preso parte ai negoziati. Questi paesi non sono d’accordo relativamente ai contenuti, allo scopo e al fatto che è stato negato loro la possibilità di contribuire ai negoziati. In sostanza, dobbiamo decidere se vogliamo presentarci come un’Unione che agisce, senza scrupoli, alle spalle dei suoi maggiori partner commerciali oppure no. Terzo, si tratta di una scelta di piattaforma della rete. Attualmente abbiamo un solo internet, un luogo dinamico che si basa sulle interazioni transfrontaliere commerciali e non commerciali. L’imposizione di misure di autoregolamentazione per le piattaforme online e per i fornitori di servizi internet porterà a una armonizzazione al minimo comune denominatore tra il materiale consentito e le differenze tra paese e paese. In primo luogo perché tutto ciò che non sarà permesso in una giurisdizione sarà rimosso dalle piattaforme di tutte le giurisdizioni, con un impatto simile a quello della chiusura di MegaUpload avvenuta due settimane fa. Secondariamente, i fornitori dovranno unire i loro pacchetti di servizi con le piattaforme online di distribuzione: in pratica, significa che ogni provider sarà trasformato in una rete di contenuti separata dalla rete di contenuti degli altri internet service provider . Che ne sarà del futuro dell’innovazione o dell’imprenditoria online ? Virtualmente, diventerà impossibile”.
In chiosa una domanda retorica: ma i vari Vittorio Prodi[4], Iva Zanicchi[5] o Fiorello Provera[6] che rappresentano l’Italia al PE, per non parlare dei romeni Eba Basescu[7], Traian Ungureanu[8] e Gigi Becali[9], hanno sentito parlare dell’ACTA?

[1]Lo slogan l’ho rubato ai manifestanti bulgari anti-ACTA, sono disposto a pagare tutti i diritti d’autore in birra!
[2] Parlamentare francese iscritta al gruppo dei Popolari Europei.
[3] È la più giovane parlamentare europea, è stta eletta in Svezia dal Partito Pirata.
[4] Parlamentare europeo italiano del PD, sì è il fratello di Romano.
[5] Sì è la famosa cantante e sta in Europa per il PDL.
[6] Fa capo alla Lega Nord.
[7] Sarebbe una parlamentare europea indipendente, in realtà è la figlia dell’atuale capo dello stato romeno.
[8] Si tratta di un semplice euroleccaculo.
[9] Presidente della squadra di calcio Steaua, eletto alle europee nelle file del Partito Grande Romania (PRM).

Annunci

0 Responses to “ACTA LA VISTA, BABY!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




febbraio: 2012
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
272829  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,540 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Possibile arbitrato tra Croazia e BiH a causa della centrale elettrica Gacko 21 agosto, 2017
    Zagabria/Sarajevo - E' sempre più certo che la Croazia dovrà avere un altro arbitrato con i vicini, questa volta con la Bosnia ed Erzegovina (BiH), riportano, lunedì 21 agosto, i media croati, citando i media bosniaci. La scadenza di tre mesi per raggiungere un accordo tra Hrvatska elektkroprivreda (HEP) e Rudnik i termoelektrana Gacko (RiTE Gacko) (Min […]
  • Confermare l'amicizia e continuare la cooperazione tra Serbia e Russia 21 agosto, 2017
    Belgrado/Mosca - Il Ministro della Difesa della Serbia, Aleksandar Vulin, ha incontrato, sabato 12 agosto, il Ministro della Difesa della Federazione Russa, Sergey Shoygu, nel poligono di Alabino nei pressi di Mosca, dove, su invito dell'omologo russo, ha partecipato alle cerimonie di chiusura dei "Giochi di Guerra Internazionali" di quest […]
  • Djuro Djakovic produce carri merci per il cliente tedesco 21 agosto, 2017
    Zagabria - La Djuro Djakovic Specijalna vozila (Djuro Djakovic Veicoli speciali), società del gruppo Djuro Djakovic,ha firmato con il cliente tedesco il contratto sulla consegna di carri merci per il trasporto di lamiere metalliche e il valore del contratto è di 62 milioni di HRK, ha riferito, mercoledì 16 agosto, la società Djuro Djakovic. I carri saranno f […]
  • Magazinovic: Testo di legge adottata in Serbia include territorio e risorse della BiH 21 agosto, 2017
    Sarajevo - Per mezzo della legge sull'attuazione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica Serbia e il Governo della Repubblica dell'Italia sulla cooperazione nel settore dell'energia, è stata concordata la cooperazione che include il progetto della Drina Media (Srednja Drina), e altri progetti sul territorio della Bosnia-Erzegovina, h […]
  • Rappresentanza della Republika Srpska a Cipro 21 agosto, 2017
    Banja Luka - Il Governo della Republika Srpska (RS) ha fondato la Rappresentanza della RS nella Repubblica di Cipro, con sede a Nicosia, riferisce Glas Srpske il 22 agosto. La decisione in merito alla fondazione di tale rappresentanza è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della RS, dove è stato riportato che tale istituzione svolgerà affari per le nece […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: