JR contro JR

Ieri sul Corsera hanno celebrato la morte di JR scrivendo così:

Immagine

L’aneddoto sul fantomatico incontro tra Ceausescu e Larry Hangman a me pare una bufala giornalistica in piena regola, ma si sa il giornalismo del copia incolla non ammette verifiche o dubbi ispirati dalla semplice logica. Però è   anche vero che tutta l’esistenza (in fondo pure la morte) dell’ex Conducator romeno può essere letta come un garbuglio di episodi assurdi, paradossali che rendono automaticamente possibile qualsiasi affermazione che lo riguardi. Basta pensare ai titoli accademici o ai riconoscimenti riscossi in Europa da Ceausescu e signora, per comprendere che a volte la realtà va oltre a qualsiasi immaginazione possibile (clic  per rinfrescarsi la memoria). Anche in Romania la notizia su JR è stata ripresa pari pari, come se si trattasse di una verità assodata. L’unica voce dissonante è quella dello storico Cioroianu che pacatamente spiega: “Uno scenario di questo tipo mi sembra poco credibile. A Bucarest, in quel periodo, non è esistito nemmeno un manifesto con J.R. Nessun bucarestino ricorda di averlo visto, è più probabile che si tratti di uno scherzo fatto da Hagman ad un giornalista americano. È vero che Dallas è stato trasmesso in Romania negli anni 80, diventando molto popolare, ma non riesco a capire come il regime Ceauşescu avrebbe potuto utilizzare l’immagine di Hagman. Propendo per lo scherzo, anche perché sul conto di Ceauşescu si può dire qualsiasi cosa”. All’attore americano, inoltre, è sempre piaciuto vantarsi del ruolo svolto da Dallas nella caduta del regime Ceausescu, ingigantendo a dismisura il contributo avuto dal telefilm nell’immaginario dei “rivoluzionari” romeni. Non sarebbe molto strano, dunque, pensare che Hangman abbia inventato di sana pianta la vicenda dell’incontro con Ceausescu o ancor meglio che abbia romanzato una visita avvenuta 10 anni dopo la morte del dittatore comunista. L’attore americano, infatti, in Romania c’è stato davvero. Nel 1999 partecipò alla campagna pubblicitaria della Luckoil (come si vede  nella foto tratta dal Corriere) e sempre in quell’occasione fu ospitato assieme alla moglie nel ranch Southfork, non in Texas, ma dalle parti di Slobozia, nel profondo sud romeno dove esiste una copia fedele (un po’ più grande) della tenuta resa celebre dal telefilm americano. La riproduzione  di Dallas fu costruita  da Ilie Alexandru, un traffichino come molti altri che nei primi anni novanta si trasformò, nottetempo, in miliardario. Qui, oltre Hangman e consorte, soggiorneranno anche il fratello di George Bush Jr., l’ex premier Nastase, l’ex presidente Constantinescu e altri tipetti del genere. Per non farsi mancare nulla, Alexandru mise vicino al Southfork ranch anche una copia della Torre Eiffel. Ilie Alexandru, non c’è più, è morto un paio di anni fa. Era finito sul lastrico dopo svariate “sventure” giudiziarie. La sua “Dallas” invece sembra resistere e da  qui se ne può gustare qualche scorcio. Chissà è forse con lui che si consumò la transazione citata dal Corsera, poi romanzata dal vero JR in un incontro con Ceausescu. Qualche anno fa Eugen Nistodor raccolse nel suo inconfondibile stile le confessioni del JR romeno dalla prigione in cui era rinchiuso: buona lettura (la traduzione è mia).

Immagine

Ilie Alexandru: Torre Eiffel e Dallas a Slobozia, 12 anni di galera

(da Academia Catavencu, 5 luglio 2005)

L’Introduzione di Ilie Alexandru:
“Ho una brutta notizia per lei: è venuto fin qui, nella prigione di Slobozia, dove sconto una condanna a 12 anni per truffa. So che sul suo suo giornale si scherza ma io non vorrei essere preso in giro. Ora la mia situazione è la seguente: non sono più il capo, nella mia camerata ci sono 30 persone. Grazie al mio nome però posso ancora stare da solo nel letto.”
Il sommario di Ilie Alexandru
“Nel 1989 abitavo a Slobozia, facevo il pugile a Calarasi. Bene. È arrivata la rivoluzione o quello che è stato. Mi sono informato sui viaggi in Turchia. Avevo una Lada e ho portato da Istanbul tenaglie, pinze, seghetti, cioccolate, quaderni, carta assorbente. Quei sacchetti di plastica pieni di soldi. Io! Il primo negozio privato di Slobozia! Di sera, che paura! Decine e decine di secchi pieni di soldi. In un anno, sigarette dalla Grecia, merce da Budapest, cento secchi, un milione di dollari. Senza alcuna esperienza. Al lavoro ho studiato dei libri, dando una svolta al mio commercio. C’era di tutto da me. Forzato dalle circostanze, inizio ad assumere, apro una catena di pasticcerie, una di allevamenti di animali, una sfilza di terreni, grandi allevamenti equini, esporto quantità enormi di animali vivi e carcasse, catene di fabbriche: televisori, confezioni, latticini, un parco auto di 300 macchine, filiali a Istanbul e Mosca, 2.500 dipendenti. |Ho avuto poca lungimiranza e mi sono affidato a cattivi consiglieri. Avevo soldi a palate, ero malaccorto, ero sfinito dalle visite degli uomini del governo, dei partiti politici, delle ambasciate. Lavoravo anche di notte. Questi arrivavano con le macchine vuote e ripartivano con i fari all’insù, verso Dio! I miei televisori? Mah, ho dovuto chiudere la fabbrica che tutti pretendevano che glieli dessi gratis. Credevano che per questo mi facevo pubblicità alla trasmissione Robingo.
Il parco Dallas
Sono stato in un luna-park a Copenhagen. La verità è che, sissignore, come dicono molti romeni, sono tutti kitsch. Poteva dare dei frutti però, e un bel profitto. Ho pensato di fare lo stesso. Dallas! Ma ho avuto la pessima idea di portarci Emil Constantinescu, nel 1995, con Zoe Petre, Mona Musca, Ion Diaconescu, Catarama [*]. Questo poi mi è sembrato un incapace. Si è infuriato per non so che cosa gli avrei fatto. Sissignore, certo, a causa degli interessi bancari, ho sempre dato alle banche, ma non potevo stare al passo. Fino al 1997, quando mi hanno arrestato, ho avuto 300 milioni di dollari. Dalle mie conoscenze tra la polizia ho saputo che mi avrebbero arrestato, ma ero un uomo, no? Mi hanno arrestato. Me, quello da cui erano venuti tutti i miliardari del mondo, il fratello di Bush, Larry Hagman. Il parco Dallas andava una meraviglia! Mi hanno tenuto dentro 2 anni, per 22 milioni di lei di IVA, quanto ne davo in un giorno ai poveri. Poi mi hanno affibbiato altri 2 anni per non non ho ben capito che donna e il grano sovvenzionato, che ne sapevo io da dove prendeva quella il grano. Ho scontato un anno e mezzo. Poi sono uscito, non avevo più nulla, ho aiutato mio fratello in piccoli affari e mi sono rivolto a un tedesco per il commercio di colza. Mi hanno arrestato per truffa, 12 anni, anche se il tedesco non aveva sporto denuncia.
Dallas
Me lo permetteva la posizione dell’allevamento. Nel telefilm Dallas si entrava in una strada secondaria, poi a destra. Da me si girava a sinistra, la sola differenza rispetto al telefilm. Il luogo mi permetteva di ricostruire lo stesso scenario dalle nostre parti. Non c’erano montagne, cascate, nessuna attrazione, nemmeno un lago, dovevo riempire questo posto con una trovata. Erano le condizioni di vita del posto che mi attraevano. Mi piaceva quando in Dallas facevano il loro apprendistato nelle stalle. Anch’io allevavo cavalli. Nel telefilm fin da piccoli li mandavano a raccogliere il letame, sissignore ! Io ho sempre amato i cavalli e questo telefilm mi ha colpito anche perché era l’unico al tempo di Ceausescu. Io tenevo per JR, aveva uno stile reale, dopo un’esperienza come la mia mi sono reso conto che se ti comporti come Bobby, perdi. Io ammiravo JR, ma sono stato come Bobby. Il Bobby dentro di me mi ha distrutto. Con le donne era più strano, a me piaceva una che stava con JR, le aveva comprato JR un appartamento, aveva quegli occhi verdi, brillavano da quanto erano verdi, ma non ricordo come si chiamava. Sono stato contento quando Almasanu ci ha fatto una trasmissione: Chi assomiglia ai personaggi di Dallas.
E quando è venuto JR da me, a Dallas, JR la mine, la Dallas, ci sono rimasto male. Era avvizzito, molliccio, con una moglie di quelle che non se la sposerebbe nemmeno un attore romeno. Uno dei miei figli a tavola mi ha chiesto: «Come, papà, questo sarebbe JR?».

Immagine

La Torre Eiffel
Devo dirle una cosa, certo la gente è così com’è, kitsch o no, ma lei crede che tutta sta gente ha i soldi per andare a Parigi? Sissignore, non è kitsch, è una copia di quella autentica.
Romania
Anche Constantinescu mi si è rigirato contro. Mi hanno detto: «Scappa!». Ma io no, perché questa miseria romena è l’alimento della mia anima. Si rende conto, sono stato in 40 paesi. Ma quando, il giorno dell’inaugurazione, ho innalzato a Dallas la bandiera del mio paese, quel giorno mi sono sentito un uomo, deve credermi. Allora ho pianto come un bambino, ecco come mi sono sentito. Sì! Ero ingenuo! Sì! Ero megalomane! Ma amavo il mio paese!
Toffler
Ho letto, durante la seconda condanna che mi hanno rifilato, La terza ondata e Lo shock del futuro. Se legge quei libri, capirà cosa mi è capitato. Questo passaggio da una vita aspra , senza carne, cioccolata, ad una in cui avevo 25 Mercedes  e tutte le macchine del mondo dai 30.000 dollari in su, e completi, che cambiava una volta al giorno e qualsiasi ora e non finivano mai. Quanta roba da mangiare, quante roba da bere! Mi aveva travolto l’ ondata, la terza ondata. Una cosa è essere figlio di un riccone, altra è studiare.
Sono stato in Austria, in Germania e rimanevo sorpreso nel vedere un imprenditore con una Toyota così piccola. Ero contrariato. Esisteva una stupida diceria, che al tempo, quando è venuto il fratello di Bush da me, c’era solo un bagno funzionante, gli altri erano tutti in fondo al giardino. Lì, avrei pagato qualcuno per rimanere chiuso nel WC e dire: «Ocupation» affinché gli ospiti americani usassero solo il gabinetto buono. Sono tutte menzogne! Ci tengo a dire che avevo più gabinetti che a i Dallas!
La conclusione di Ilie Alexandru
Le chiedo una cortesia. La prego, in questa circostanza, di inviare un vero giornalista, come Popeanga del Gardian[**]. Voglio parlare della mafia del PSD.”

[*] Si tratta dell’ex presidente romeno (Constantinescu) e di politici a lui legati.

[**] Si tratta della giornalista Lidia Popeangă-Mitchievici.

0 Responses to “JR contro JR”



  1. Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




novembre: 2012
L M M G V S D
« Ott   Dic »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 58,741 hits

Catrafuse Photos

rokkaku

drieu

carmelo

perec

Michael Wolf

Altre foto

RSS la rinascita balcanica

  • Il Collegio dell'SDA si esprime in merito a Dodik, Ivanic e Govedarica 6 dicembre, 2016
    Sarajevo - Il Collegio dell'SDA ha adottato, nel corso di una sessione, le conclusioni che l'SDA non accetterà la proposta di legge sulla Corte costituzionale, che l'SNSD ha annunciato, la quale esclude i giudici stranieri dalla Corte costituzionale, o modifica il processo decisionale in questa Corte, se non verranno effettuati tutti i cambiam […]
  • Frolov investe in un piccolo luogo della Dalmazia 105 milioni di euro 6 dicembre, 2016
    Zagabria - Il quotidiano croato, Jutarnji list, ha riferito, mercoledì 7 dicembre, che l'uomo d'affari russo, Alexey Frolov, proprietario della società Aqua Relaxio, arriva in Croazia con i suoi collaboratori. Due anni fa, Frolov ha acquistato per 30 milioni di kune dal Comune di Tisno 64 mila metri quadrati di terreni, in una attraente zona turist […]
  • Hahn esorta 6 Paesi dei Balcani occidentali ad aumentare sforzi per collegamento stradale 6 dicembre, 2016
    Podgorica - Il Commissario europeo per l'allargamento, Johannes Hahn, martedì 6 dicembre, ha esortato i Ministri dei trasporti dii sei paesi dei Balcani occidentali ad aumentare gli sforzi in attuazione delle riforme per accelerare il processo di collegamento di trasporto nella Regione, e utilizzare i fondi promessi dall'Unione Europea (UE). Hahn h […]
  • Vucic ha chiarito a Dodik di essere cosciente di azioni ostili 6 dicembre, 2016
    Belgrado - Slobodan Vaskovic ha scritto sul suo Blog che il Premier della Serbia, Aleksandar Vucic, e il presidente della Republika Srpska (RS), Milorad Dodik, hanno tenuto un incontro segreto a Belgrado, circa dieci giorni fa, il che è stato confermato da fonti di alti circoli politici di Belgrado, riferisce la RTVBN, martedì 6 dicembre. Secondo le fonti di […]
  • Borenovic-Merkel: Forte sostegno al cammino europeo ed alle riforme della BiH 6 dicembre, 2016
    Banja Luka - Il Presidente del Partito del Progresso Democratico (PDP), Branislav Borenovic, durante il congresso dell'Unione Cristiano-Democratica (CDU) tenutosi ad Essen, ha parlato con il cancelliere tedesco, Angela Merkel, e numerosi parlamentari e funzionari del partito di governo in Germania. E' stato sottolineato il forte sostegno al cammino […]

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: