Archive for the 'POLITICA' Category

Io canto

Vreau să-l cinstesc pe Hugo Chavez aṣa:

Porci și ferestre

Fereastra mea

Acoperă ferestrele mele de aproape o lună. Nu numai ale mele, ci cele ale altor patru etaje. Pe acest uriaș cearceaf agățat de bloc apare numele lui: Ben – Oni Ardelean. Mă întreb: Ben – Oni dar ce dracu’ de nume este ? Apoi descopăr că tipul, nu numai că are un nume de “copilul nefericirii”, ci  este chiar pastor neo-protestant. Și se pare că nu este singurul, dimpotrivă. Citind prin presă am aflat că este oarecum la modă să ai un candidat neoprotestant, iată o listă fără pretenții de exhaustivitate preluată din saitul stiricrestine.ro:

Dorel Popa în județul Arad, Ben Oni Ardelean în județul Timiș, Florica Chereches în județul Bihor, Orest Onofrei în județul Suceava, Iosif Blaga în județul Hunedoara, Mihaita Bojin, Ovidiu Ciuhandu,  Marius Dugulescu în județul Timiș,  Gheorghe David în județul Timiș, Radu Tarle în județul Bihor, Doru Liviu Ilioi în Diaspora,  Mircea Lubanovici în Diaspora, Dumitru Mihalescul – colegiul nr. 7 Vicov – Solca, Daniel Ungurian pentru Colegiul nr. 8 Siret, Nicodim Bulzesc în Vrancea, Ilie Bertea Timiș, Dorel și George Sangeorzan Diaspora, Ioan Denes în Bistrița.

De ce partidele politice sunt interesate de pocăiții din România, adică de o minoritate între minoritățile religioase din această țară? În primul rând în bisericile lor este permisă, sau chiar apreciată, organizarea unor adevărate întruniri electorale, o activitate netolerată (cel puțin oficial) de celelalte culte religioase. Alegerea politică, deci, corespunde cu o alegere ”spirituală” și în vremurile cu participare scăzută la urne câteva mii de voturi sigure într-un colegiu sunt foarte comode. Probabil are o anumită importanță și legătura directă între aceste “filiale” și sediile- mumă din State, care reprezintă un generos izvor de bani. Pe saitul unei asemenea biserici din Timisoara, de pildă, putem citi: Suntem focalizați pe biserica formată din pietre vii, si nu din cărămizi, dar Dumnezeu ne-a surprins dăruindu-ne un teren de 100.000 Euro (după valoarea estimată în 2003) și încă 200.000 Euro pentru a ne putea muta într-un loc mai larg și confortabil și astfel să putem împlini mai bine scopurile Lui. Aș vrea să spun aleluia, însă zic pula mea! Mai ales după ce am aflat că unu’ dintre sponsorii americani ai acestei biserici este un anume James Mcdonald implicat în mai multe aventuri financiare nu prea duhovnicești.

O altă fereastră

La fiecare stație de autobus, pe aproape fiecare bloc, pe stâlpi, în fața bisericilor, din fluturași care înfundă cutia poștală candidații etalează niște expresii idioate însoțite de sloganuri goale precum privirile lor. Împotriva acestui atac la demnitatea orașelor câteva spirite mai vii au decis să se implice. La București, Mihai Tociu a afișat pe fațada blocului unde locuiește un enorm text luminos, întrebând un pic a la Caragiale un pic a la Debord: “Eu cu cine votez?”

Eu-cu-cine-votez-Mihai-Tociu

Tociu a explicat presei că “E o formă de protest şi față de politicieni, cu toate că lor nu le reproșez ceva anume. Ei au făcut ce și-au propus de la început: să se organizeze în găști, să sindicalizeze pentru a obţine profit cât mai mare. Toţi  cei pe care i-am auzit incriminați n-au fost pedepsiți”. De acord cu el.

Porci eligibili

La Cluj Laurentiu Ridichie, profesor la un liceu artistic, a lansat campania A.P.A.P ( ALL POLITICIANS ARE PIGS), iată câteva mărturii:

 

DSC01542 DSC01480 DSC01530 DSC01523 DSC01485 DSC01549

Pentru a închide  o metaforă porcino-electorală   aleatorie pescuită la Reghin:

porcideanzare

La stessa storia

Nel mondo del tweet, del like feisbucchiano, andarsi a rileggere articoli scritti due o tre anni fa sembra essere eresia pura. Da eretico per vocazione, ripropongo delle vecchie catrafuse a commento di quanto sta accadendo a GAZA. Qui si può capire (dati alla mano) che danni creano i “famigerati” razzi sparati dai palestinesi. Il secondo contributo è una riflessione di Chris Hedges, la lascio in inglese, per pigrizia e con la speranza che venga letta dai vari lettori sparsi un po’ in tutto il pianeta.

The incursion and bombardment of Gaza is not about destroying Hamas. It is not about stopping rocket fire into Israel, it is not about achieving peace. The Israeli decision to rain death and destruction on Gaza, to use lethal weapons of the modern battlefield on a largely defenseless civilian population, is the final phase in a decades-long campaign to ethnically-cleanse Palestinians. Israel uses sophisticated attack jets and naval vessels to bomb densely rowded refugee camps, schools, apartment blocks, mosques, and slums to attack a population that has no air force, no air defense, no navy, no heavy weapons, no artillery units, no mechanized armor, no command in control, no army… and calls it a war. It is not a war, it is murder.

Jan 12, 2009 Chris Hedges

P.S. Un livello decente di informazione si trova qui

Stampa del Capitano

Oggi ascoltando alla radio la rassegna stampa dei quotidiani italiani, mi è rimbalzato all’orecchio il nome di Corneliu Zelea Codreanu. Era associato a quello di Chiara Colosimo. Codreanu so chi è, mentre della Colosimo non sapevo nulla. Alla fine ho capito che è giovane, è una ex pugile, è una ex cubista, è la nuova capogruppo del PDL alla regione Lazio, ma soprattutto ho compreso che qualche anno fa ha concesso un’intervista durante la quale, alle sue spalle, appariva un “affresco” su cui si poteva leggere una citazione tratta da un libro di Codreanu e ammirare una riproduzione un po’ maldestra del suo volto. La frase appiccicata alla parete recitava così:

Per noi non esiste sconfitta e capitolazione, giacché la forza di cui vogliamo essere gli strumenti è invincibile per l’eternità

Sull’incontro fortuito tra la pugilatrice del PDL e il Capitano ha ritenuto opportuno esprimere la sua opinione Riccardo Pacifici, il rabbino capo di Roma, che sul Corriere di oggi esordisce alla grande: «Non ho visto quelle immagini, ma su Codreanu non ci sono dubbi: i movimenti a lui ispirati, che stanno prendendo piede in Romania, Ungheria e Grecia rappresentano un serio pericolo per la libertà e l’Europa». Pacifici non ha dubbi, io invece ho una una certezza: non sa chi è Codreanu. Sarebbe interessante avere delucidazioni sui fantomatici movimenti politici in ascesa che si ispirano a Codreanu, in particolare su quelli ungheresi! Ancora più intrigante sarebbe se Pacifici spiegasse quali sono le fonti delle sue informazioni storiche, soprattutto quando afferma: «Codreanu era un fanatico cattolico che propagandava una visione del Cristianesimo preconciliare che prevedeva una sudditanza anacronistica verso (sic) la religione ebraica…» Peccato che Codreanu fosse ortodosso (come il 90% della popolazione romena del resto) e che l’Ortodossia sia l’elemento centrale della “dottrina” della Legione dell’Arcangelo Michele. A voler essere precisi poi, il testo “incriminato” non appartiene nemmeno a Corneliu Codreanu, ma a un articolo di Ion Moţa, intitolato “La Icoana” (All’Icona) pubblicato sul primo numero della rivista “Pământul Strămoşesc” nell’Agosto 1927, in cui si tratta appunto del primato dell’esperienza spirituale ortodossa sulla militanza politica [1]. Ora la domanda sorge spontanea: perché la gente parla di cose che non conosce? Perché nel nome della lotta all’antisemitismo una persona può sciorinare dotte idiozie senza timore di essere corretto o contraddetto?

[1] Se ne parla anche qui

Pizduţe răzvrătite

Despre povestea cu Pussy Riot m-au surprins câteva lucruri. În primul rând: cazul a fost discutat foarte mult în mass-media din România, de obicei destul de neatent la știri din străinătate. Este adevărat, trimiterile la povestea respectivă s-au limitat la un fel de directive de partid din care ieșeau la iveală mai mult aplauze de admirație pentru apărătorii din Occident ai fetelor agitate din Rusia (Red Hot Chili Peppers, Sting, Madonna, etc.) decât pentru faptele lor. Totuşi mi se pare ceva ciudat: România este o țară preponderent ortodoxă și dacă mâine, în plină zi,o trupă mai mult sau mai puțin punkistă va întra într-o biserică în centrul Bucureștiului, declarând ca Duhul Sfânt este căcat şi Patriarhul Daniil este o curvă, cred că nu s-ar bucura nici de simpatia voalată a presei, nici de îngăduința judecătorilor. E adevărat, poate că n-ar primi doi ani de închisoare pentru că au sărit ca maimuțele în faţa unui iconostas, dar dacă ar găsi judecătorul potrivit și avocatul greșit, un anişor cu suspendare l-ar incasa sigur. La urma urmei Art. 321 al codului penal ne spune că ”Fapta persoanei care, în public, săvârşeşte acte sau gesturi, proferează cuvinte ori expresii, sau se dedă la orice alte manifestări prin care se aduce atingere bunelor moravuri sau se produce scandal public ori se tulbură, în alt mod, liniştea şi ordinea publică, se pedepseşte cu închisoare de la unu la 5 ani”. Şi până la 7 dacă s-au tulburat grav liniştea şi ordinea publică.
Veţi spune, ei bine, dar libertatea de exprimare este sfântă și nimeni nu își poate permite să-o limiteze. Da, în esenţă, pot fi de acord, dar în lumea reală aplicabilitatea acestui principiu depinde de variabile complet decuplate de la idea de libertate. Un exemplu concret: dacă în Germania, o formaţie de skinheads RAC ar intra într-o sinagogă să cânte cea mai romantică dintre piesele ei, în ziare de a doua zi dușmanii libertății ar fi tot băieții cu Dr. Martens si Madonna nu le-ar trimite o scrisoare de dragoste. Şi atunci, de ce o atenție atât mare în mass-media din România pentru un ”spectacol” prost care, dacă ar fi avut loc la București, n-ar fi primit aplauze de la nimeni? Desigur, nu cred că Marele Arhitect al Universului a sunat-o pe Andreea Esca sau pe Cristian Tudor Popescu poruncindu-le să publice zeci de știri dedicate pizduţelor ruse. Cred însă că în presă şi în așa-zisul mediu intelectual există o dorință amețitoare de a se conforma, o adevărată excitare pentru a înghiți direcțiile dictate de mainstreamul corect politic, fără a analiza substanța și impactul acestora asupra comunității locale. Dacă povestea ar privi libertatea individului, nu s-ar înțelege de ce presa românească a reprodus ca un portavoce nebun zeci de articole preluate din agențiilor de presă străine despre pățaniile juridice ale pizduţelor ruse și închide intenționat ochii în fața Codului Penal Român, care, printre ”perle” lui, conține un act liberticid precum Legea 4/2008 privind evenimentele sportive, sau mai exact, gândită împotriva fanilor. Numai două exemple: art. 32 pedepsește pătrunderea sau încercarea de a pătrunde pe suprafața de joc cu închisoare de la șase luni la un an! Dacă te destrăbălezi în biserică este libertatea de exprimare, dacă intri pe teren este huliganism? Chiar mai grăitor este articolul 35, care pedepsește introducerea oricărui articol pirotehnic, indiferent de categorie, în incinta arenei sportive, cu închisoare de la 2 ani la 5 ani (în cazul în care nu este clar: pentru o torţă, poţi să mergi la bulău, fără a trece prin start, numai că jocul e pe bune). Şi atunci ne mai întrebam: la ce e bun acest circ mediatic? Despre ce justiţie vorbim? Despre libertatea cui?

Morire ammazzati come bestie selvatiche


Per chi segue con passione le vicende romene questo è un libro da non perdere. Si tratta della ricostruzione degli ultimi giorni della coppia Ceaușescu realizzata dal giornalista Grigore Cartianu. Il volume fa parte di una triologia dedicata ai retroscena della cosiddetta rivoluzione romena che, oltre a questo corposo saggio, include Crimele Revoluţiei (I crimini della rivoluzione) e Teroriştii printre noi. Adevărul despre ucigaşii Revoluţiei (I terroristi tra di noi. La verità sugli assassini della Rivoluzione). L’opera è dettagliatissima e svela molti particolari inediti, chiarendo in modo difficilmente oppugnabile che la cosiddetta rivoluzione del 1989 fu un colpo di stato organizzato dall’ala gorbaciovista del partito comunista romeno appoggiato direttamente da Mosca con la benedizione di Washington. Cartianu ha il merito di affermare un’altra scomoda verità: gran parte dei circa 1000 morti del Dicembre 1989 non cadde per ordine di Ceaușescu, ma a causa della deliberata opera di disinformazione messa in atto dai vertici del Fronte di Salvezza Popolare che mirò a seminare caos e terrore nel paese per legittimare la propria immagine di salvatori della nazione. Leggere i libri di Cartianu oggi, può aiutare a capire anche quello che sta avvenendo in un paese lontano come la Siria. Si pensi ad esempio all’uso propagandistico della minaccia dei „terroristi” (che paradossalmente si diceva fossero libici e siriani) fatto dal governo rivoluzionario di Bucarest. Questi avrebbero massacrato, stuprato, torturato migliaia di civili inermi, in realtà non ne fu catturato nemmeno uno. Era disinformazione per sparare sulla gente, sulla polizia o per fare accoppare i militari tra loro (come nel caso del massacro dell’Aeroporto Otopeni del 23 dicembre). Lo scopo? Creare terrore e consolidare la propria autorità. Quando ho letto che dietro la strage di Ḥūlāh ci sarebbero gli shabiha, dei fantomatici teppisti al servizio della famiglia di Asad, a me sono tornati in mente i terroristi del dicembre 89 romeno… ma forse sono solo mie allucinazioni, meglio tornare alla Fine dei Ceaușescu. Sull’edizione italiana del libro di Cartianu ho trovato su Rinascita un bell’articolo scritto da Luca Bistolfi (a cui va anche il merito della traduzione del volume), lo riproduco qui sotto:

Per la prima volta dopo oltre vent’anni dal crollo del regime comunista romeno, l’Italia ha a disposizione la prima e più completa ricostruzione, precisa sin nel dettaglio, di quel lontano dicembre 1989. Si tratta de La fine dei Ceausescu. Morire ammazzati come bestie selvatiche, del giornalista romeno Grigore, tradotto e curato dallo scrivente.
Nemmeno in Romania, nonostante il profluvio di saggi composti dopo quell’anno e che ancora si stanno scrivendo e pubblicando, nessuno ha rivelato così tante notizie e sollevato così tante domande, come ha fatto Cartianu. Il quale – vale la pena ricordarlo – ha proseguito la sua indagine in altri due libri, cui ne seguirà un quarto, intitolati Crimele revoluției (I crimini della rivoluzione) e Teroriștii printre noi (I terroristi tra di noi), che ci auguriamo anch’essi potranno vedere la luce nel nostro Paese.
I primi due lavori, usciti entrambi nel 2010 presso le edizioni del quotidiano “Adevărul” di cui Cartianu è caporedattore, hanno venduto circa duecentomila copie, partecipando alle più importanti rassegne librarie della Romania e il libro appena apparso in Italia è già stato tradotto in diversi Paesi, tra cui Francia e Germania.
Dopo l’uscita del volume, l’autore si è trovato davanti, oltreché a un ingente sostegno da parte dei lettori, al fuoco di sbarramento di buona parte dei politici romeni protagonisti, diretti e indiretti, di quel lontano dicembre. Anzitutto di Ion Iliescu, primo presidente della Romania cosiddetta democratica, e tra i principali artefici di quello che ormai moltissimi definiscono non già rivoluzione bensì colpo di Stato.
Il lettore appassionato di storia e politica il quale però sia stato costretto a bere menzogne scritte e ripetute a ufo in questi oltre vent’anni, si avvedrà sin dalle prime pagine dell’inganno cui ogni mezzo di comunicazione, storici e giornalisti lo hanno imbrigliato e imbrogliato. La verità, ancorché infossata negli ipogei della storia dai vincitori, a poco a poco tende, come un corpo gettato in mare, a riemergere, ed esser così restituita ai legittimi proprietari per degna sepoltura.
Tra i molti risvolti inediti, veniamo a scoprire, per esempio, che la fine truculenta del dittatore era stata decisa da George Bush e Mihail Gorbaciov all’inizio di dicembre e contestualmente l’immagine dello statista sovietico sarà ridotta di molto e riportata, almeno in parte, alla sua giusta dimensione, politica e umana. Scopriremo inoltre che Ceauşescu, in realtà, non fuggì mai dalla sede del Comitato centrale, ma fu costretto a scappare per poi essere incastrato e arrestato, così come verremo a sapere che Ion Iliescu, il socialista dal volto umano ma dall’animo diabolico, ricevette precisi ordini da Mosca, la quale, alla sua volta, prese direttive da Washington. E sorpresa nella sorpresa: il sanguinario dittatore, come è ancora definito, non era affatto sanguinario, anzi: pagò cara la sua tolleranza nei confronti degli oppositori politici interni. Ma di più: il lettore conoscerà molto da vicino anche i protagonisti nascosti della truce avventura decembrista, quali militari e dirigenti del Partito comunista romeno i cui nomi, presso il grande pubblico italiano, non hanno mai avuto corso legale. Il libro è inoltre arricchito da una folta serie di Appendici in cui sono presenti tutti i documenti essenziali di quei tempestosi giorni, quali per esempio le riunioni d’emergenza del Comitato politico esecutivo, gli ultimi discorsi del Conducator e la trascrizione completa dello stenogramma del cosiddetto processo. La fine dei Ceausescu è in buona sostanza un’inchiesta giornalistica che mette a punto e in chiaro una torbida faccenda che, di chiaro e preciso, non ebbe mai niente sin dall’inizio. Il libro non è affatto una difesa politica di Nicolae Ceauşescu (Cartianu al contrario è spietato nei confronti del Conducator) perché, invero, non si tratta nemmeno di condannare o assolvere Ceauşescu: bensì di fare in modo che studiosi e semplici lettori possano avere a disposizione tutti gli elementi necessari per giudicare ciò che per venti e più anni i magliari della storia occidentale hanno gabellato come verità e che scopriamo oggi per la prima volta essere una brutale menzogna. O, per esprimerci con la parola che lo stesso Conducator ebbe il coraggio e la lucidità di pronunciare durante il «processo stalinista» cui fu sottoposto, una mascaradă, ovvero una pagliacciata.
Il testo è completato da una mia Postfazione intitolata “Il fango e la neve. Romania 1989-Duemila”, in cui amplio e integro le testimonianze portate da Cartianu con una notevole serie d’ulteriori documenti e informazioni. Racconterò, per esempio, come e perché un notissimo giornalista italiano d’una grande testata nazionale, se ne andò via proprio a causa d’una pesante censura voluta da alcuni poteri forti e quale ruolo giocò la finanza mondiale nell’estromissione di Ceauşescu.
Questo lavoro nel suo complesso costituisce il quadro definitivo di quegli eventi, che hanno segnato, in molteplici sensi, non solo la storia della Romania, ma altresì dell’Italia e di tutto il continente eurasiatico e le cui conseguenze viviamo e subiamo ancora oggi. Alla fine della lettura, inoltre, non avremo incontrato solo il coté politico della faccenda, bensì anche quello umano, ché scoprire la verità su quegli accadimenti così centrali nella vita del Paese carpatico, sarà d’aiuto anche per comprendere la sofferenza d’un popolo costretto a emigrare in massa, abbandonando affetti e radici per cercare fortuna all’Ovest. Si stava meglio quando si stava peggio? Sì, no, forse, non tocca noi dare una risposta. Limitiamoci ad apprendere la verità dei fatti e a raccontarla con onestà. Gli animi onesti trarranno le loro dovute conclusioni.

“La fine dei Ceausescu. Morire ammazzati come bestie selvatiche” di Grigore Cartianu
Edizione Aliberti, 2012

ACTA LA VISTA, BABY!

ACTA LA VISTA, BABY![1]

Nonostante il freddo polare, anche in Romania si è scesi in piazza contro l’ACTA, l’ACCORDO COMMERCIALE ANTICONTRAFFAZIONE che prevede, tra l’altro, misure restrittive sull’uso del web e sulla libera circolazione dei materiali. Il dibattito attorno a questa intesa cresce, tant’è che uno dei maggiori quotidiani del paese (Adevarul) si è fatto promotore di una petizione anti-Acta da consegnare al parlamento romeno. Chi fosse interessato a capire meglio i contenuti di questo patto può visitare il sito della Commissione Europea da dove si accede al testo finale dell’accordo tradotto nelle varie lingue dell’UE. La stessa commissione ha provveduto a creare una sorta di task-force informativa per smentire tutte le accuse che circolano attorno all’ACTA, redigendo dei brevi testi in stile catechistico intitolati “Che cos’è l’ACTA”, “Che cosa non è l’ACTA”, “10 miti attorno all’ATCA” e, dulcis in fundo, istituendo una rubrica per le FAQ.
Sorpreso dalla portata dei mezzi messi in campo mi sono armato di pazienza e ho cominciato a leggere il tutto. In sostanza, la Commissione Europea tenta di convincere che l’ACTA non modifica nulla della legislazione vigente nei paesi europei (con la precisazione paradossale che alcuni però dovranno adeguare le proprie leggi alla normativa comunitaria) e non restringe i diritti di nessuno, ma si limita ad applicare i meccanismi di protezione dei diritti d’autore.
L’unica domanda cui si evita di rispondere in modo chiaro in questa ostinata difesa dell’ACTA è la seguente: Che bisogno c’è di questo accordo, quando rispetto al diritto d’autore esiste una normativa già consolidata, sia a livello comunitario, sia a livello mondiale… a questo punto è legittimo diventare maliziosi. A me pare che la vicenda ACTA abbia delle ricadute che vanno al di là della libertà della rete e che coinvolgono la struttura stessa delle istituzioni europee. È emblematico che davanti alle prime proteste popolari, soprattutto virtuali, siano sempre più numerosi i rappresentanti europei, i governi e i politici che prendono le distanze dall’ACTA. Si arriva al paradosso della slovena Helena Drnovsek Zorko che afferma di avere firmato l’accordo per distrazione e superficialità. Più dignitosa sembra la “ribellione” di Kader Arif, membro della Commissione sul commercio internazionale e relatore europeo per l’ACTA, che il giorno della firma dell’accordo ha annunciato dal suo blog di rassegnare le dimissioni a causa delle pressioni subite per accelerare i tempi di discussione dell’ACTA, da lui definito una pagliacciata. Nei giorni scorsi in Polonia, Bulgaria e Slovenia sono stati gli stessi governi ad esprimere dei dubbi sull’utilità di questa intesa e qualche riserva sta apparendo anche in Germania. L’immagine che se ne ricava è quella di una politica europea distante anni luce dai cittadini e piuttosto opaca anche per i governi nazionali. Scandagliando questa realtà aliena mi sono imbattuto in un interessante duello tra la popolare Marielle Gallo [2] e la piratessa svedese Amelia Andersdotter [3] sulla questione ACTA trasmesso dalla TV del parlamento europeo:


Per meglio comprendere la complessità della faccenda ACTA val la pena leggere la dichiarazione pubblicata dalla stessa Amalia Andersdotter lo scorso 31 gennaio sul quotidiano romeno Adevarul, eccone un succoso sunto:
“L’accordo ACTA è passato attraverso tutte le tappe di sensibilizzazione delle istituzioni. Tra il 2007 e il 2010, le sole persone che hanno avuto accesso e hanno potuto influenzare il suo contenuto sono stati i rappresentanti dell’industria del copyright. Poi alcune bozze sono iniziate a trapelare, rendendo impossibile ai negoziatori di proteggersi contro le critiche di altri settori industriali, come ad esempio le telecomunicazioni, e della società civile. Ora, che Secondo uno studio realizzato lo scorso anno per conto del Parlamento europeo, la firma dell’accordo vorrebbe dire che gli stati membri e il Parlamento europeo permettono ai rappresentanti della Commissione europea di andare oltre al loro mandato nelle negoziazioni. L’ACTA forza i confini attuali della cooperazione europea in materia doganale e la Commissione non possiede formalmente la delega di rinegoziare le leggi europee relative agli accordi commerciali internazionali. Pertanto, la scelta è se soprassedere o no sull’elusione da parte della Commissione europea delle normali procedure legislative.
Secondariamente, alcune tra le maggiori economie emergenti, come l’India e la Cina, sono contrariate per non avere preso parte ai negoziati. Questi paesi non sono d’accordo relativamente ai contenuti, allo scopo e al fatto che è stato negato loro la possibilità di contribuire ai negoziati. In sostanza, dobbiamo decidere se vogliamo presentarci come un’Unione che agisce, senza scrupoli, alle spalle dei suoi maggiori partner commerciali oppure no. Terzo, si tratta di una scelta di piattaforma della rete. Attualmente abbiamo un solo internet, un luogo dinamico che si basa sulle interazioni transfrontaliere commerciali e non commerciali. L’imposizione di misure di autoregolamentazione per le piattaforme online e per i fornitori di servizi internet porterà a una armonizzazione al minimo comune denominatore tra il materiale consentito e le differenze tra paese e paese. In primo luogo perché tutto ciò che non sarà permesso in una giurisdizione sarà rimosso dalle piattaforme di tutte le giurisdizioni, con un impatto simile a quello della chiusura di MegaUpload avvenuta due settimane fa. Secondariamente, i fornitori dovranno unire i loro pacchetti di servizi con le piattaforme online di distribuzione: in pratica, significa che ogni provider sarà trasformato in una rete di contenuti separata dalla rete di contenuti degli altri internet service provider . Che ne sarà del futuro dell’innovazione o dell’imprenditoria online ? Virtualmente, diventerà impossibile”.
In chiosa una domanda retorica: ma i vari Vittorio Prodi[4], Iva Zanicchi[5] o Fiorello Provera[6] che rappresentano l’Italia al PE, per non parlare dei romeni Eba Basescu[7], Traian Ungureanu[8] e Gigi Becali[9], hanno sentito parlare dell’ACTA?

[1]Lo slogan l’ho rubato ai manifestanti bulgari anti-ACTA, sono disposto a pagare tutti i diritti d’autore in birra!
[2] Parlamentare francese iscritta al gruppo dei Popolari Europei.
[3] È la più giovane parlamentare europea, è stta eletta in Svezia dal Partito Pirata.
[4] Parlamentare europeo italiano del PD, sì è il fratello di Romano.
[5] Sì è la famosa cantante e sta in Europa per il PDL.
[6] Fa capo alla Lega Nord.
[7] Sarebbe una parlamentare europea indipendente, in realtà è la figlia dell’atuale capo dello stato romeno.
[8] Si tratta di un semplice euroleccaculo.
[9] Presidente della squadra di calcio Steaua, eletto alle europee nelle file del Partito Grande Romania (PRM).


agosto: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,544 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Bypass di Fier e Valona: Governo riaprirà appalti entro settembre di quest'anno 22 agosto, 2017
    Tirana - Dopo lo scioglimento del contratto con la società che doveva costruire il bypass di Valona e quello di Fier nel mese di aprile, pare che il Governo sia pronto a riaprire gli appalti per la costruzione di questi segmenti. Secondo la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), la quale ha finanziato i progetti originali, il rilancio dei l […]
  • Mandija introduce il report sulle elezioni ai funzionari internazionali 22 agosto, 2017
    Tirana - Il Vice Premier, Ledina Mandija, ha realizzato una riunione con i rappresentanti dell'ufficio dell'Unione Europea in Albania, l'ufficio del Consiglio d'Europa e l'OSCE. Durante l'incontro, il vice Premier al termine del mandato della Task-Forze ha consegnato personalmente ai partner internazionali il materiale conclusiv […]
  • Opificio dei fili, rimossa concessione, Ministero: Si sta ammortizzando, azienda turca non ha rispettato contratto 22 agosto, 2017
    Tirana - Il Governo ha avviato le procedure per lo scioglimento del contratto di concessione dell'Opificio dei Fili e dei Cavi di Scutari. Dal 2004 questo impianto è stato dato in concessione alla società turca "Yilmaz kabllo", la quale, secondo il Ministero dell'Energia non è riuscita a realizzare i parametri del contratto e non ha inves […]
  • Lanciata offerta su industria del rame, Ministero: Concessioni a lungo termine, investimento di 119 mln di $ 22 agosto, 2017
    Tirana - Il Governo ha messo in offerta l'intera industria della trasformazione e produzione del rame, alla ricerca di investitori esteri o nazionali.  Dal mese di maggio di quest'anno, il Ministero dell'Energia e dell'Industria ha reso pubblica un'offerta tecnico-commerciale per la fornitura di strutture minerarie libere e l'el […]
  • Knezevic: Dietro all'attacco contro di me vi è un uomo d'affari dall'Azerbaigian 22 agosto, 2017
    Podgorica - Il presidente dell'Atlas Banka, Dusko Knezavic, ha dichiarato che dietro alle pressioni su di lui e la causa presentata da parte della società Kaspia Property Holdings Limited proveniente dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) vi sono i tentativi del proprietario di un gruppo aziendale dall'Azerbaijan, ha riferito lunedì 21 agosto, il portale […]