Archive for the 'ROMANIA' Category

DE VEGHE ÎN LANUL CU SUPORTERI

Duminică dimineața, de Ziua Italiei o melodie bântuie în capul meu:

Te trezești dimineața și abia aștepți să fii acolo! Pe ploaie sau sub soare, suntem suporteri și vom cânta așa! Vom fi mulți sau puțini, dacă va înscrie echipa mea Peluza va exploda! Suntem aici numai pentru voi! Noi suntem aici pentru voi! Suntem aici numai pentru voi!

Sunt băieți de la Civico care mă pun în temă: Azi 2 iunie Politehnica joacă în deplasare la Bacova. Opțiuni: mașină sau tren. Aleg varianta old school: CFR-ul. Umplu rucsacul cu doze de bere și plec. În gară, după zeci de salutări ne îndreptăm spre trenul ”nostru” care se află în zona gri ”spre Reșita”. Pe peron Nașu’ ne mai întreabă de echipă și de meciurile următoare, apoi râzând ne previne: „Dacă sunteți așa de mulți ca la Chizătău, nu veți încăpea în tren!” Înțeleg ce vrea să spună când vine trenul:e mai vechi și mai scurt decât tramvaiul șapte. Are două vagoane, cu locomotor cu tot. Vine și o patrulă de polițiști se uită spre javra metalică ca la  un film al fraților Lumière.

Pornim, se deschid dozele, discuțiile despre ce a fost și ce va fi se intersectează fără o ordine precisă. Vagonul se zguduie de parcă asistăm la un cutremur de medie intensitate. Ca niște statui dintr-o altă eră, trei babe înfofolite în baticuri se uită în gol. Un călător mai în vârstă ne îndeamnă să privim afară spre un teren de fotbal și zice: „Va amintiți? Deplasarea de la Urseni!” probabil și el citește din goranmrakic.wordpress.com! La un moment dat urcă un trib de cetățenii de etnie neprecizată, cerem să se deschidă geamurile și sperăm într-o providențială intervenție a zeilor.

Ajungem la Bacova, alte zeci de salutări, echipele ies pe teren și spectacolul începe. Mai închinăm spre cer câte o doză și cântăm. Fac primul recensământ al berilor: populația a scăzut dramatic, c’est la vie. Îmi alin durerea urmărind meciul și sorbind din peisajul bucolic care ne înconjoară: în spatele terenului se înalță o pădure deasă, parcă e o faleză întunecată, jur împrejur defilează câte un cal, o turmă de oi și doi jandarmi. Aceștia sparg semințe la greu și vorbesc întruna, probabil încearcă să înțeleagă rostul lor acolo, de veghe în lanul cu suporteri. Vine primul gol și se duce ultima bere. La pauză, plec cu un alt cercetaș pentru alimentarea cambuzei. La magazinul satului, ca de obicei, au primit ordin de sus să nu vândă alcool în timpul meciului. Încercăm o operă de convingere, dar arta retoricii nu funcționează, vânzătoarea este o adevărată eroină a prohibiționismului, dacă se năștea la Chicago în anii ’30 ar fi primit o medalie. Curios, șerifa noastră, în timp ce ne explică că legea e lege și ordinele de sus sunt ordine de sus, vinde orice alt produs din magazin și încasează bani cu nonșalanță fără a emite un amărât de bon fiscal. În acest domeniu nu există niciun ordin de sus. Ne întoarcem spre meci și dăm de o babă, mai în glumă, mai în serios o întrebăm dacă are țuică de vânzare?

”Eu nu, dar vecina mea, da!’

”Putem să gustăm?”

”Sigur!”

Baba dispare și după câteva minute se întoarce cu un sfert de litru de rachiu într-o cană. Degustarea ar fi arhisuficientă, dar mai sunt alte gâturi uscate care ne așteaptă, deci luăm jumătate de litru la preț de ofertă. Pe teren este 2-0, au mai apărut alte beri, oile stau tot acolo, jandarmii imperturbabili mai mănâncă semințe. Mai e timp de discuții, de cântatul pentru Poli, de glume și de al treilea gol. La întoarcere găsesc un loc în mașină cu herțogheria. Până la Timișoara mai cântăm în cinstea echipei și a Banatului, convinși că cei mai frumoși ani sunt cei ce vor veni.

bacova

Viaggio per l’aldilà

Crulic – Drumul spre dincolo (La strada per l’aldilà) è un documentario di Anca Damian dedicato alla vicenda di Claudiu Crulic un giovane romeno morto, nel gennaio 2008, in un carcere di Cracovia dopo un lungo sciopero della fame, nell’indifferenza più totale delle autorità polacche e romene. La regista romena ricostruisce questa storia di ordinaria e crudele ingiustizia attraverso una splendida animazione, nonostante un budget limitatissimo. La scelta di rinunciare alla forma documentaristica tradizionale, a favore di una tecnica insolita come quella dell’animazione, amplifica la forza emotiva del film e coinvolge immediatamente lo spettatore nel mondo di Crulic. La squadra di animatori che ha realizzato il film è formata da giovani artisti romeni: Dan Panaitescu, uno dei piloni del film, Raluca Popa, Dragoş Ştefan, Roxana Benţu e Tuliu Oltean Forse però la vera colonna portante del documentario non è costituita dalle immagini, ma dalla narrazione dell’attore Vlad Ivanov, nato nella stessa zona di Claudiu Crulic, che attraverso le linee melodiche dolci e rustiche del dialetto moldavo riporta in vita la voce del giovane romeno. Crulic/Ivanov ci accompagna lungo le tappe salienti della sua esistenza e della sua disavventura giudiziaria con un monologo frammischiato di malinconia, ingenuità, dolore e soffusa ironia. Un bellissimo e straziante omaggio a tutti i Crulic o ai Cucchi finiti, per davvero finiti, nel silenzio nelle nostre galere.

 

SFORTUNATO IL PAESE CHE NON HA EROI

Timișoara 17 dicembre 1989:

1. Andrei Maria, 25 anni, casalinga, sul Ponte  Decebal. Bruciata al crematorio.

2. Aparaschivei Valentin, 48 anni, autista, Calea Girocului.

3. Apro Mihai, 31 anni,  carpentiere, Calea Girocului. Bruciato al crematorio.

4. Avram Ioan Vasile, 40 anni, responsabile del controllo qualità, Opera.

5. Balmuș Vasile, 26 anni, operaio, Cattedrale. Bruciato al crematorio.

6. Balogh Pavel, 69 anni, pensionato, Str. Transilvaniei angolo con Str. Reșita. Bruciato al crematorio

7. Bărbat Lepa, 43 anni, contabile, Piazza  Libertății. Bruciata al crematorio.

8. Banciu Leontina, 39 anni, operaia, sul Ponte Decebal. Bruciata al crematorio.

9. Belehuz Ioan, 41 anni, ferroviere, Str. 13 Decembrie. Bruciato al crematorio

10. Belici Radian, 25 anni, pompiere, Mercato 700. Bruciato al crematorio

11. Bonte Petru Ioan, 22 anni, operaio, Str. Transilvaniei. Identificato nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

12. Botoc Luminița, 14 anni, studente, Calea Lipovei. Identificata nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

13. Căceu Margareta, 40 anni, impiegata, Cattedrale. Bruciata al crematorio.

14. Căceu Mariana Silvia, 37 anni, impiegata, Cattedrale.

15. Carpin Danut, 29 anni, parchettista, Calea Aradului. Bruciato al crematorio

16. Chorosi Alexandru, 24 anni, operaio, presso l’Opera. Bruciato al crematorio

17. Ciobanu Constantin, 43 anni, operaio, Str. Transilvania (nel terrazzo dell’abitazione). Bruciato al crematorio

18. Cruceru Gheorghe, 25 anni, operaio, presso l’Opera. Bruciato al crematorio

19. Csizmarik Ladislau, 55 anni, professore di musica, Opera. Bruciato al crematorio

20. Ewinger Slobodanca, 21 anni, operaio, sul Ponte Decebal. Bruciata al crematorio.

21. Fecioru Lorent, 38 anni, operaio.

22. Ferkel-Suteu Alexandru, 43 anni, saldatore, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

23. Florian Antoniu Tiberiu, 20 anni, studente, Campus Universitario. Bruciato al crematorio

24. Girjoaba Dumitru Constantin, 24 anni, elettricista,  Cattedrale. Bruciato al crematorio

25. Grama Alexandru, 18 anni, operaio, Calea Aradului.

26. Hațegan Petru, 47 anni, elettricista,  presso l’Opera. Bruciato al crematorio

27. Ion Maria, 57 anni, pensionata, Calea Girocului (in macchina). Il marito afferma che le spararono anche all’ospedale.

28. Iosub Constantin, 17 anni, studente, Cattedrale. Bruciato al crematorio

29. Iotcovici Gheorghe Nutu, 25 anni, tornitore, Opera. Bruciato al crematorio

30. Istvan Andrei, 42 anni, operaio, Cattedrale.

31. Juganaru Dumitru, 37 anni, mosaicista, Calea Girocului.

32. Lăcătuș Nicolae, 28 anni, operaio, Piazza  Traian. Bruciato al crematorio

33. Luca Rodica, 30 anni, impiegata, Calea Girocului. Bruciata al crematorio.

34. Lungu Cristina, 2 anni, Calea Girocului.

35. Mardare Adrian, 20 anni, operaio.

36. Mariș Ștefan, 40 anni, meccanico, Calea Girocului.

37. Miron Ioan, 58 anni, pensionato, Calea Lipovei. Bruciato al crematorio

38. Motohon Silviu, 35 anni, aiutante artigiano, Str. Ialomita. Bruciato al crematorio

39. Munteanu Nicolae Ovidiu, 25 anni, studente, Campus universitario. Bruciato al crematorio

40. Nagy Eugen, 17 anni, studente, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

41. Opre Gogu, 30 anni, elettricista, Opera. Bruciato al crematorio

42. Osman Dumitru, 24 anni, barista, Opera. Bruciato al crematorio

43. Otelița Aurel, 34 anni, operaio, Calea Lipovei (nella propria abitazione). Bruciato al crematorio

44. Păduraru Vasile, 30 anni, operaio.

45. Pinzhoffer Georgeta, 35 anni, operaio, Calea Lipovei.

46. Popescu Rozalia Irma, 55 anni, pensionata, investita da un blindato presso il Ponte  Decebal.

47. Radu Constantin, 33 anni,  tornitore, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

48. Sava Angela Elena, 25 anni, operaio, Cattedrale. Bruciata al crematorio.

49. Sava Florica, 33 anni,  commessa, Piazza  Traian.

50. Simicin Nicolae, 32 anni, operaio, Calea Lipovei.

51. Sporer Rudolf Herman, 33 anni, imbianchino, Calea Lipovei. Bruciato al crematorio

52. Stanciu Ioan, 42 anni, operatore chimico, Cattedrale. Bruciato al crematorio

53. Tako Gabriela Monica, 10 anni, scolara, Bd. Republicii.

54. Tasala Remus Marian, 23 anni, attrezzista e stampatore, Piazza  700 (con una ferita superficiale alla fronte). Accompagnato da amici all’Ospedale Provinciale, fu ritrovato con  una ferita d’arma da fuoco all’ospedale.

55. Todorov Miroslav, 25 anni, operaio, Str. Vasile Alecsandri.

56. Țîntaru Teodor Octavian, 21 anni, elettricista,  Ponte Decebal.

57. Varcuș Ioan Claudiu, 15 anni, studente, Calea Girocului.

58. Wittman Petru. Bruciato al crematorio

59. Zabulica Constantin, 30 anni, operaio, Piazza  Stefan Furtuna. Bruciato al crematorio

60. Blindu Mircea. Fucilato presso la Stazione   Est dal  milite Atomii Radu.

61. Zornek Otto, 53 anni, imbianchino. Ufficialmente dichiarato disperso. Probabilmente  fu bruciato assieme agli altri al crematorio.

62. Pisek Stefan. Ufficialmente dichiarato disperso. Probabilmente  fu bruciato assieme agli altri al crematorio.

63-70. Certificati medici non ritirati (del gruppo delle persone cremate). 5 di questi certificati potrebbero appartenere agli individui bruciati al crematorio rimaste senza certificato medico (la loro morte è stata stabilita tramite testimonianze), ossia  Csizmarik Ladislau, Florian Antoniu Tiberiu, Ewinger Slobodanca, Ianos Paris, Radu Constantin.

Timișoara 18 dicembre 1989:

1. Ciopec Dumitru Marius, 20 anni, meccanico elettricista, Calea Girocului.

2. Ianoș Paris, 18 anni, disoccupato, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

3. Leia Sorinel Dinel, 23 anni, operatore chimico, Cattedrale. Identificato nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

4. Mariutac Ioan, 20 anni, operaio, Cattedrale.  Identificato nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

5. Nemțoc Vasile Marius, 19 anni, operaio, Cattedrale.

Timișoara 19 dicembre 1989:

1. Curic Veronica, 32 anni, casalinga, Mercato 1 Maggio (Iozefin).

2. Reiter Edita Irina, 39 anni, impiegata, Bd. Tinereții.
Immagine

Cititorilor în limba română recomand acest articol (care este și sursa mea iconografică pentru acest mic act de cinstire)

Porci și ferestre

Fereastra mea

Acoperă ferestrele mele de aproape o lună. Nu numai ale mele, ci cele ale altor patru etaje. Pe acest uriaș cearceaf agățat de bloc apare numele lui: Ben – Oni Ardelean. Mă întreb: Ben – Oni dar ce dracu’ de nume este ? Apoi descopăr că tipul, nu numai că are un nume de “copilul nefericirii”, ci  este chiar pastor neo-protestant. Și se pare că nu este singurul, dimpotrivă. Citind prin presă am aflat că este oarecum la modă să ai un candidat neoprotestant, iată o listă fără pretenții de exhaustivitate preluată din saitul stiricrestine.ro:

Dorel Popa în județul Arad, Ben Oni Ardelean în județul Timiș, Florica Chereches în județul Bihor, Orest Onofrei în județul Suceava, Iosif Blaga în județul Hunedoara, Mihaita Bojin, Ovidiu Ciuhandu,  Marius Dugulescu în județul Timiș,  Gheorghe David în județul Timiș, Radu Tarle în județul Bihor, Doru Liviu Ilioi în Diaspora,  Mircea Lubanovici în Diaspora, Dumitru Mihalescul – colegiul nr. 7 Vicov – Solca, Daniel Ungurian pentru Colegiul nr. 8 Siret, Nicodim Bulzesc în Vrancea, Ilie Bertea Timiș, Dorel și George Sangeorzan Diaspora, Ioan Denes în Bistrița.

De ce partidele politice sunt interesate de pocăiții din România, adică de o minoritate între minoritățile religioase din această țară? În primul rând în bisericile lor este permisă, sau chiar apreciată, organizarea unor adevărate întruniri electorale, o activitate netolerată (cel puțin oficial) de celelalte culte religioase. Alegerea politică, deci, corespunde cu o alegere ”spirituală” și în vremurile cu participare scăzută la urne câteva mii de voturi sigure într-un colegiu sunt foarte comode. Probabil are o anumită importanță și legătura directă între aceste “filiale” și sediile- mumă din State, care reprezintă un generos izvor de bani. Pe saitul unei asemenea biserici din Timisoara, de pildă, putem citi: Suntem focalizați pe biserica formată din pietre vii, si nu din cărămizi, dar Dumnezeu ne-a surprins dăruindu-ne un teren de 100.000 Euro (după valoarea estimată în 2003) și încă 200.000 Euro pentru a ne putea muta într-un loc mai larg și confortabil și astfel să putem împlini mai bine scopurile Lui. Aș vrea să spun aleluia, însă zic pula mea! Mai ales după ce am aflat că unu’ dintre sponsorii americani ai acestei biserici este un anume James Mcdonald implicat în mai multe aventuri financiare nu prea duhovnicești.

O altă fereastră

La fiecare stație de autobus, pe aproape fiecare bloc, pe stâlpi, în fața bisericilor, din fluturași care înfundă cutia poștală candidații etalează niște expresii idioate însoțite de sloganuri goale precum privirile lor. Împotriva acestui atac la demnitatea orașelor câteva spirite mai vii au decis să se implice. La București, Mihai Tociu a afișat pe fațada blocului unde locuiește un enorm text luminos, întrebând un pic a la Caragiale un pic a la Debord: “Eu cu cine votez?”

Eu-cu-cine-votez-Mihai-Tociu

Tociu a explicat presei că “E o formă de protest şi față de politicieni, cu toate că lor nu le reproșez ceva anume. Ei au făcut ce și-au propus de la început: să se organizeze în găști, să sindicalizeze pentru a obţine profit cât mai mare. Toţi  cei pe care i-am auzit incriminați n-au fost pedepsiți”. De acord cu el.

Porci eligibili

La Cluj Laurentiu Ridichie, profesor la un liceu artistic, a lansat campania A.P.A.P ( ALL POLITICIANS ARE PIGS), iată câteva mărturii:

 

DSC01542 DSC01480 DSC01530 DSC01523 DSC01485 DSC01549

Pentru a închide  o metaforă porcino-electorală   aleatorie pescuită la Reghin:

porcideanzare

JR contro JR

Ieri sul Corsera hanno celebrato la morte di JR scrivendo così:

Immagine

L’aneddoto sul fantomatico incontro tra Ceausescu e Larry Hangman a me pare una bufala giornalistica in piena regola, ma si sa il giornalismo del copia incolla non ammette verifiche o dubbi ispirati dalla semplice logica. Però è   anche vero che tutta l’esistenza (in fondo pure la morte) dell’ex Conducator romeno può essere letta come un garbuglio di episodi assurdi, paradossali che rendono automaticamente possibile qualsiasi affermazione che lo riguardi. Basta pensare ai titoli accademici o ai riconoscimenti riscossi in Europa da Ceausescu e signora, per comprendere che a volte la realtà va oltre a qualsiasi immaginazione possibile (clic  per rinfrescarsi la memoria). Anche in Romania la notizia su JR è stata ripresa pari pari, come se si trattasse di una verità assodata. L’unica voce dissonante è quella dello storico Cioroianu che pacatamente spiega: “Uno scenario di questo tipo mi sembra poco credibile. A Bucarest, in quel periodo, non è esistito nemmeno un manifesto con J.R. Nessun bucarestino ricorda di averlo visto, è più probabile che si tratti di uno scherzo fatto da Hagman ad un giornalista americano. È vero che Dallas è stato trasmesso in Romania negli anni 80, diventando molto popolare, ma non riesco a capire come il regime Ceauşescu avrebbe potuto utilizzare l’immagine di Hagman. Propendo per lo scherzo, anche perché sul conto di Ceauşescu si può dire qualsiasi cosa”. All’attore americano, inoltre, è sempre piaciuto vantarsi del ruolo svolto da Dallas nella caduta del regime Ceausescu, ingigantendo a dismisura il contributo avuto dal telefilm nell’immaginario dei “rivoluzionari” romeni. Non sarebbe molto strano, dunque, pensare che Hangman abbia inventato di sana pianta la vicenda dell’incontro con Ceausescu o ancor meglio che abbia romanzato una visita avvenuta 10 anni dopo la morte del dittatore comunista. L’attore americano, infatti, in Romania c’è stato davvero. Nel 1999 partecipò alla campagna pubblicitaria della Luckoil (come si vede  nella foto tratta dal Corriere) e sempre in quell’occasione fu ospitato assieme alla moglie nel ranch Southfork, non in Texas, ma dalle parti di Slobozia, nel profondo sud romeno dove esiste una copia fedele (un po’ più grande) della tenuta resa celebre dal telefilm americano. La riproduzione  di Dallas fu costruita  da Ilie Alexandru, un traffichino come molti altri che nei primi anni novanta si trasformò, nottetempo, in miliardario. Qui, oltre Hangman e consorte, soggiorneranno anche il fratello di George Bush Jr., l’ex premier Nastase, l’ex presidente Constantinescu e altri tipetti del genere. Per non farsi mancare nulla, Alexandru mise vicino al Southfork ranch anche una copia della Torre Eiffel. Ilie Alexandru, non c’è più, è morto un paio di anni fa. Era finito sul lastrico dopo svariate “sventure” giudiziarie. La sua “Dallas” invece sembra resistere e da  qui se ne può gustare qualche scorcio. Chissà è forse con lui che si consumò la transazione citata dal Corsera, poi romanzata dal vero JR in un incontro con Ceausescu. Qualche anno fa Eugen Nistodor raccolse nel suo inconfondibile stile le confessioni del JR romeno dalla prigione in cui era rinchiuso: buona lettura (la traduzione è mia).

Immagine

Ilie Alexandru: Torre Eiffel e Dallas a Slobozia, 12 anni di galera

(da Academia Catavencu, 5 luglio 2005)

L’Introduzione di Ilie Alexandru:
“Ho una brutta notizia per lei: è venuto fin qui, nella prigione di Slobozia, dove sconto una condanna a 12 anni per truffa. So che sul suo suo giornale si scherza ma io non vorrei essere preso in giro. Ora la mia situazione è la seguente: non sono più il capo, nella mia camerata ci sono 30 persone. Grazie al mio nome però posso ancora stare da solo nel letto.”
Il sommario di Ilie Alexandru
“Nel 1989 abitavo a Slobozia, facevo il pugile a Calarasi. Bene. È arrivata la rivoluzione o quello che è stato. Mi sono informato sui viaggi in Turchia. Avevo una Lada e ho portato da Istanbul tenaglie, pinze, seghetti, cioccolate, quaderni, carta assorbente. Quei sacchetti di plastica pieni di soldi. Io! Il primo negozio privato di Slobozia! Di sera, che paura! Decine e decine di secchi pieni di soldi. In un anno, sigarette dalla Grecia, merce da Budapest, cento secchi, un milione di dollari. Senza alcuna esperienza. Al lavoro ho studiato dei libri, dando una svolta al mio commercio. C’era di tutto da me. Forzato dalle circostanze, inizio ad assumere, apro una catena di pasticcerie, una di allevamenti di animali, una sfilza di terreni, grandi allevamenti equini, esporto quantità enormi di animali vivi e carcasse, catene di fabbriche: televisori, confezioni, latticini, un parco auto di 300 macchine, filiali a Istanbul e Mosca, 2.500 dipendenti. |Ho avuto poca lungimiranza e mi sono affidato a cattivi consiglieri. Avevo soldi a palate, ero malaccorto, ero sfinito dalle visite degli uomini del governo, dei partiti politici, delle ambasciate. Lavoravo anche di notte. Questi arrivavano con le macchine vuote e ripartivano con i fari all’insù, verso Dio! I miei televisori? Mah, ho dovuto chiudere la fabbrica che tutti pretendevano che glieli dessi gratis. Credevano che per questo mi facevo pubblicità alla trasmissione Robingo.
Il parco Dallas
Sono stato in un luna-park a Copenhagen. La verità è che, sissignore, come dicono molti romeni, sono tutti kitsch. Poteva dare dei frutti però, e un bel profitto. Ho pensato di fare lo stesso. Dallas! Ma ho avuto la pessima idea di portarci Emil Constantinescu, nel 1995, con Zoe Petre, Mona Musca, Ion Diaconescu, Catarama [*]. Questo poi mi è sembrato un incapace. Si è infuriato per non so che cosa gli avrei fatto. Sissignore, certo, a causa degli interessi bancari, ho sempre dato alle banche, ma non potevo stare al passo. Fino al 1997, quando mi hanno arrestato, ho avuto 300 milioni di dollari. Dalle mie conoscenze tra la polizia ho saputo che mi avrebbero arrestato, ma ero un uomo, no? Mi hanno arrestato. Me, quello da cui erano venuti tutti i miliardari del mondo, il fratello di Bush, Larry Hagman. Il parco Dallas andava una meraviglia! Mi hanno tenuto dentro 2 anni, per 22 milioni di lei di IVA, quanto ne davo in un giorno ai poveri. Poi mi hanno affibbiato altri 2 anni per non non ho ben capito che donna e il grano sovvenzionato, che ne sapevo io da dove prendeva quella il grano. Ho scontato un anno e mezzo. Poi sono uscito, non avevo più nulla, ho aiutato mio fratello in piccoli affari e mi sono rivolto a un tedesco per il commercio di colza. Mi hanno arrestato per truffa, 12 anni, anche se il tedesco non aveva sporto denuncia.
Dallas
Me lo permetteva la posizione dell’allevamento. Nel telefilm Dallas si entrava in una strada secondaria, poi a destra. Da me si girava a sinistra, la sola differenza rispetto al telefilm. Il luogo mi permetteva di ricostruire lo stesso scenario dalle nostre parti. Non c’erano montagne, cascate, nessuna attrazione, nemmeno un lago, dovevo riempire questo posto con una trovata. Erano le condizioni di vita del posto che mi attraevano. Mi piaceva quando in Dallas facevano il loro apprendistato nelle stalle. Anch’io allevavo cavalli. Nel telefilm fin da piccoli li mandavano a raccogliere il letame, sissignore ! Io ho sempre amato i cavalli e questo telefilm mi ha colpito anche perché era l’unico al tempo di Ceausescu. Io tenevo per JR, aveva uno stile reale, dopo un’esperienza come la mia mi sono reso conto che se ti comporti come Bobby, perdi. Io ammiravo JR, ma sono stato come Bobby. Il Bobby dentro di me mi ha distrutto. Con le donne era più strano, a me piaceva una che stava con JR, le aveva comprato JR un appartamento, aveva quegli occhi verdi, brillavano da quanto erano verdi, ma non ricordo come si chiamava. Sono stato contento quando Almasanu ci ha fatto una trasmissione: Chi assomiglia ai personaggi di Dallas.
E quando è venuto JR da me, a Dallas, JR la mine, la Dallas, ci sono rimasto male. Era avvizzito, molliccio, con una moglie di quelle che non se la sposerebbe nemmeno un attore romeno. Uno dei miei figli a tavola mi ha chiesto: «Come, papà, questo sarebbe JR?».

Immagine

La Torre Eiffel
Devo dirle una cosa, certo la gente è così com’è, kitsch o no, ma lei crede che tutta sta gente ha i soldi per andare a Parigi? Sissignore, non è kitsch, è una copia di quella autentica.
Romania
Anche Constantinescu mi si è rigirato contro. Mi hanno detto: «Scappa!». Ma io no, perché questa miseria romena è l’alimento della mia anima. Si rende conto, sono stato in 40 paesi. Ma quando, il giorno dell’inaugurazione, ho innalzato a Dallas la bandiera del mio paese, quel giorno mi sono sentito un uomo, deve credermi. Allora ho pianto come un bambino, ecco come mi sono sentito. Sì! Ero ingenuo! Sì! Ero megalomane! Ma amavo il mio paese!
Toffler
Ho letto, durante la seconda condanna che mi hanno rifilato, La terza ondata e Lo shock del futuro. Se legge quei libri, capirà cosa mi è capitato. Questo passaggio da una vita aspra , senza carne, cioccolata, ad una in cui avevo 25 Mercedes  e tutte le macchine del mondo dai 30.000 dollari in su, e completi, che cambiava una volta al giorno e qualsiasi ora e non finivano mai. Quanta roba da mangiare, quante roba da bere! Mi aveva travolto l’ ondata, la terza ondata. Una cosa è essere figlio di un riccone, altra è studiare.
Sono stato in Austria, in Germania e rimanevo sorpreso nel vedere un imprenditore con una Toyota così piccola. Ero contrariato. Esisteva una stupida diceria, che al tempo, quando è venuto il fratello di Bush da me, c’era solo un bagno funzionante, gli altri erano tutti in fondo al giardino. Lì, avrei pagato qualcuno per rimanere chiuso nel WC e dire: «Ocupation» affinché gli ospiti americani usassero solo il gabinetto buono. Sono tutte menzogne! Ci tengo a dire che avevo più gabinetti che a i Dallas!
La conclusione di Ilie Alexandru
Le chiedo una cortesia. La prego, in questa circostanza, di inviare un vero giornalista, come Popeanga del Gardian[**]. Voglio parlare della mafia del PSD.”

[*] Si tratta dell’ex presidente romeno (Constantinescu) e di politici a lui legati.

[**] Si tratta della giornalista Lidia Popeangă-Mitchievici.

George Acsinteanu: Escadrila albă (1942)

Ieri am scris un articolaș în limba italiană despre Escadrila albă, astăzi revin despre acest subiect cu un material din vremurile respective, de data aceasta în limba română. Este vorba de o cărticică scrisă de George Acsinteanu în 1942. Opera are multe limite, totuși ne ajută să zărim Zeitgeist-ul de atunci.

materialul l-am cules aici, eu m-am limitat să-l transform într-un singur pdf.

In volo

L’altro giorno scorrendo la rivista cinematografica Lo schermo (anno 1942), leggo: «Si gira La squadriglia bianca, il film Italo-romeno dell’eroismo». Incuriosito, mi immergo in una storia che non conoscevo. La Squadriglia Bianca fu un’unità di aeromobili sanitari dell’Aviazione Romena pilotata da sole donne. Grazie alla loro destrezza e al loro coraggio, queste aviatrici salvarono più di 1500 vite durante il secondo conflitto mondiale. L’idea parte dalla principessa Marina Ştirbey, la prima donna pilota di Romania, che, ispirandosi alle volontarie finlandesi del Lotta Svärd, ottiene il permesso di fondare uno squadrone aereo di assistenza medica. Il nucleo costitutivo della „Squadriglia Bianca” è formato da Mariana Drăgescu, Virginia Duţescu, Nadia Russo, Virginia Thomas, Marina Ştirbey e Irene Burnaia, a queste si aggiungeranno qualche anno dopo Victoria Pokol, Maria Nicolae, Stela Huţan Palade, Smaranda Brăescu e altre ancora. L’unica ancora in vita è Mariana Drăgescu. Ha compiuto cent’anni lo scorso settembre. Con quest’occasione, dopo decenni di oblio, le autorità romene si sono ricordate di lei: l’hanno promossa capitano. Ora potrà realizzare il suoultimo desiderio: essere ammessa al Cimitero Militare Ghencea, accanto ai suoi commilitoni. Mariana Drăgescu riassume con tono calmo lo scorrere tumultuoso della sua vita: “Ci sono stati molti momenti spaventosi e molti momenti di gloria, tanti da bastare per 10 vite intere. Dopo Stalingrado, dove si contarono centocinquemila soldati romeni morti o dispersi, si pensò che tutto dovesse finire. Ma non fu così, arrivò anche la campagna di Crimea. E poi andai nel Kuban e nel Caucaso, dove vidi romeni e tedeschi cadere come mosche”. Ma partiamo dall’inizio. Figlia di colonnello, Mariana è attratta da sempre dall’attività fisica: “A Lugoj si nuotava sul Timis. Là ho fatto anche canotaggio. Più tardi, una volta arrivata a Bucarest, mi sono iscritta alla scuola di equitazione del 4° Reggimento Roşiori. Ero fatta così!” Lei  però voleva volare e per realizzare il suo sogno si iscrive alla scuola di pilotaggio di Ioana Cantacuzino, un’altra nobildonna con la passione degli aerei. Qui conoscerà Marina Ştirbey : “Mi sembra di vedere ancora Marina mentre scende dal suo Messerschmitt e attraversa la pista. Era splendida. Quella fu per me la più lunga e luminosa estate della mia vita: un’incredibile continuo librarsi in volo.” Tra le allieve della scuola aeronautica c’è anche Nadia Russo con cui stringerà un’amicizia indissolubile. Era una russa bellissima, figlia del generale zarista Brjozovski. Allo scoppio della Rivoluzione bolscevica perderà entrambi i genitori. Riuscirà a riparare fortunosamente a Chişinău, dove sposerà un possidente locale, da cui divorzierà ben presto. Arrivata a Bucarest s’iscrive a Belle Arti, studia da infermiera e impara a volare. È la prima donna ad essere ammessa ai concorsi di volo più prestigiosi. Alla vigilia della guerra è già una celebrità. “Questa era la mia amata Nadia Russo, l’amica di una vita”.
Dal 22 giugno 1941 anche la “squadriglia bianca” fa il suo ingresso nel conflitto. Ogni giorno i piccoli aerei sanitari bianchi raggiungono il fronte per evacuare i feriti. Atterraggi di emergenza, voli notturni, raffiche di mitraglia schivate per un pelo, ma soprattutto vite salvate. La guerra non fa sconti a nessuno, brucia corpi ed anime. Mariana in una lettera scritta nel 1942 da Plodovitoye, nella lontana Calmucchia, confessa: “Sì, siamo dei bersagli senza difesa. Né la contraerea, né i caccia, ci possono aiutare. Siamo in balia della sorte. A proteggerci ci ha pensato ancora una volta Dio. (…) Nadia dice che non ce la fa più. È troppo per noi! Io non le ho detto nulla, ma sento il cuore farsi debole. Ho riposato per due giorni al villaggio, ogni volta che sentivo arrivare un aereo russo, avevo delle fitte al cuore. Il dottore mi ha dato del Bromural e per la notte prendo il Phenobarbital, per non essere tormentata dagli incubi. Ora sono tranquilla, non tremo, sono in uno stato di perfetta calma, però sento di non avere più le forze, di avere un blocco di ghiaccio allo stomaco”. A chi oggi le chiede se non ha mai avuto paura, risponde senza battere ciglio: “Certo! Se non hai paura, sei incosciente. Essere incoscienti non significa avere coraggio. Non c’è alcun merito nello sconfiggere un sentimento che non conosci”. Nelle sue missioni ebbe modo di attraversare luoghi incredibili e incontrare persone straordinarie, brevi bagliori che illuminavano l’atmosfera tetra del conflitto. A Simferopol, in Crimea, conosce Katerina Dostoevskaja, la nuora del grande scrittore russo, e sua sorella Nina Falz-Fein. “Delle vere signore, che magnifico passato si intravedeva attraverso la modestia in cui vivevano. Da  loro c’era una vera oasi, dove la guerra non esisteva più, in cui ho trascorso delle ore irreali. Raccontavano delle enorme ricchezze un tempo possedute, della vita precedente, dei loro palazzi e dei loro abiti in crinolina, dei nobili russi e del parco zoologico di cui un tempo erano state proprietarie. Io portavo loro libri, medicine e cioccolata e in cambio mi offrivano un’evasione dal mondo della guerra. La casa era stata requisita dai tedeschi, a loro due rimaneva una sola stanza. I tedeschi però avevano appeso sull’abitazione un cartello su cui si scriveva: “Qui vive la nuora del grande Dostoevskij. Vi preghiamo di rispettarla!”
La guerra continua, la Romania cambia alleati, ora i sovietici sono “amici”. Mariana vola ancora, questa volta verso Vienna. “Sorvolando la Valle della Moravia, passai sopra il Mausoleo di Austerlitz. Rimasi impressionata, mi sembrava di volare sulla storia. Una volta arrivata in Austria, la prima immagine che vidi fu quella di carri carichi di quadri, suppellettili e mobili sequestrati dai sovietici. A trainarli però non c’erano dei cavalli, ma  soldati tedeschi imbrigliati come animali, al loro fianco un russo con la frusta. Mi venne allora in mente  un’immagine vista sull’Illustration, subito dopo la fine della prima guerra mondiale: il generale Petain dopo la battaglia di Verdun passava in rassegna i prigionieri tedeschi saltandoli portando la mano destra alla visiera. Non bisognava umiliare  i nemici,  anche loro avevano fatto il loro dovere”. L’immagine dei prigionieri tedeschi ridotti a bestie da soma sembra  una premonizione su ciò che attenderà le pluridecorate ragazze della Squadriglia Bianca alla fine della guerra. Le più fortunate, come ad esempio Irina Burnaia e Virginia Thomas, riuscirono a scappare all’estero. Anche a Mariana, in fondo, andò bene, gli sgherri del regime comunista le sequestrano tutte le decorazioni ufficiali, i brevetti di volo, la tuta, la bussola, poi la sottopongono ad interrogatori improvvisati, ma alla fine la lasciano perdere. Smaranda Brăescu, una leggenda dell’aviazione e del paracadutismo internazionali ( nel 1932 aveva stabilito a Sacramento in California il record mondiale di salto lanciandosi dall’altezza di 7400 metri), prenderà parte alla resistenza anticomunista, aderendo all’organizzazione delle Casacche Nere (Sumane Negre). Braccata, riuscirà a nascondersi fino alla fine. Marina Ştirbey e Ioana Cantacuzino furono ridotte alla fame. Per Nadia Russo, la “sorella maggiore”, che era stata sempre accanto a Mariana, le cose andarono molto peggio. Nel 1951, dopo un processo farsa viene condannata a 6 anni di prigione per spionaggio. “Nadia è rimasta sei anni  in prigione, perché è stata così folle da recuperare i feriti dal fronte, invece di elogi si è presa sei anni di galera… ma non è finita lì, perché nel ’57 l’hanno deportata in Baragan assieme agli altri moldavi fuggiti dall’URSS, tutti colpevoli di avere voluto riunirsi ai romeni. Sono riuscita a vederla, viveva nella miseria più nera, accanto a Maria Antonescu, la moglie del Maresciallo, e a Elena Codreanu, la povera consorte del Capitano. Abitavano in casupole con il tetto di paglia e il pavimento d’argilla. In quel momento capii che tutto era finito, che le nostre medaglie non servivano più a nulla, che noi non contavamo più nulla”.

Il materiale per questo articolo è stato liberamente tradotto e rimaneggiato attingendo alle seguenti fonti:
Horia Ţurcanu, Zburatoarea, Formula AS, 2003, nr. 579;
ESCADRILA ALBA – SINGURELE AVIOANE SANITARE DIN LUME PILOTATE DE FEMEI IN AL DOILEA RAZBOI MONDIAL;
Escadrila albă, documentario.


agosto: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,540 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Possibile arbitrato tra Croazia e BiH a causa della centrale elettrica Gacko 21 agosto, 2017
    Zagabria/Sarajevo - E' sempre più certo che la Croazia dovrà avere un altro arbitrato con i vicini, questa volta con la Bosnia ed Erzegovina (BiH), riportano, lunedì 21 agosto, i media croati, citando i media bosniaci. La scadenza di tre mesi per raggiungere un accordo tra Hrvatska elektkroprivreda (HEP) e Rudnik i termoelektrana Gacko (RiTE Gacko) (Min […]
  • Confermare l'amicizia e continuare la cooperazione tra Serbia e Russia 21 agosto, 2017
    Belgrado/Mosca - Il Ministro della Difesa della Serbia, Aleksandar Vulin, ha incontrato, sabato 12 agosto, il Ministro della Difesa della Federazione Russa, Sergey Shoygu, nel poligono di Alabino nei pressi di Mosca, dove, su invito dell'omologo russo, ha partecipato alle cerimonie di chiusura dei "Giochi di Guerra Internazionali" di quest […]
  • Djuro Djakovic produce carri merci per il cliente tedesco 21 agosto, 2017
    Zagabria - La Djuro Djakovic Specijalna vozila (Djuro Djakovic Veicoli speciali), società del gruppo Djuro Djakovic,ha firmato con il cliente tedesco il contratto sulla consegna di carri merci per il trasporto di lamiere metalliche e il valore del contratto è di 62 milioni di HRK, ha riferito, mercoledì 16 agosto, la società Djuro Djakovic. I carri saranno f […]
  • Magazinovic: Testo di legge adottata in Serbia include territorio e risorse della BiH 21 agosto, 2017
    Sarajevo - Per mezzo della legge sull'attuazione dell'Accordo tra il Governo della Repubblica Serbia e il Governo della Repubblica dell'Italia sulla cooperazione nel settore dell'energia, è stata concordata la cooperazione che include il progetto della Drina Media (Srednja Drina), e altri progetti sul territorio della Bosnia-Erzegovina, h […]
  • Rappresentanza della Republika Srpska a Cipro 21 agosto, 2017
    Banja Luka - Il Governo della Republika Srpska (RS) ha fondato la Rappresentanza della RS nella Repubblica di Cipro, con sede a Nicosia, riferisce Glas Srpske il 22 agosto. La decisione in merito alla fondazione di tale rappresentanza è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della RS, dove è stato riportato che tale istituzione svolgerà affari per le nece […]