Posts Tagged 'Banat'

DE VEGHE ÎN LANUL CU SUPORTERI

Duminică dimineața, de Ziua Italiei o melodie bântuie în capul meu:

Te trezești dimineața și abia aștepți să fii acolo! Pe ploaie sau sub soare, suntem suporteri și vom cânta așa! Vom fi mulți sau puțini, dacă va înscrie echipa mea Peluza va exploda! Suntem aici numai pentru voi! Noi suntem aici pentru voi! Suntem aici numai pentru voi!

Sunt băieți de la Civico care mă pun în temă: Azi 2 iunie Politehnica joacă în deplasare la Bacova. Opțiuni: mașină sau tren. Aleg varianta old school: CFR-ul. Umplu rucsacul cu doze de bere și plec. În gară, după zeci de salutări ne îndreptăm spre trenul ”nostru” care se află în zona gri ”spre Reșita”. Pe peron Nașu’ ne mai întreabă de echipă și de meciurile următoare, apoi râzând ne previne: „Dacă sunteți așa de mulți ca la Chizătău, nu veți încăpea în tren!” Înțeleg ce vrea să spună când vine trenul:e mai vechi și mai scurt decât tramvaiul șapte. Are două vagoane, cu locomotor cu tot. Vine și o patrulă de polițiști se uită spre javra metalică ca la  un film al fraților Lumière.

Pornim, se deschid dozele, discuțiile despre ce a fost și ce va fi se intersectează fără o ordine precisă. Vagonul se zguduie de parcă asistăm la un cutremur de medie intensitate. Ca niște statui dintr-o altă eră, trei babe înfofolite în baticuri se uită în gol. Un călător mai în vârstă ne îndeamnă să privim afară spre un teren de fotbal și zice: „Va amintiți? Deplasarea de la Urseni!” probabil și el citește din goranmrakic.wordpress.com! La un moment dat urcă un trib de cetățenii de etnie neprecizată, cerem să se deschidă geamurile și sperăm într-o providențială intervenție a zeilor.

Ajungem la Bacova, alte zeci de salutări, echipele ies pe teren și spectacolul începe. Mai închinăm spre cer câte o doză și cântăm. Fac primul recensământ al berilor: populația a scăzut dramatic, c’est la vie. Îmi alin durerea urmărind meciul și sorbind din peisajul bucolic care ne înconjoară: în spatele terenului se înalță o pădure deasă, parcă e o faleză întunecată, jur împrejur defilează câte un cal, o turmă de oi și doi jandarmi. Aceștia sparg semințe la greu și vorbesc întruna, probabil încearcă să înțeleagă rostul lor acolo, de veghe în lanul cu suporteri. Vine primul gol și se duce ultima bere. La pauză, plec cu un alt cercetaș pentru alimentarea cambuzei. La magazinul satului, ca de obicei, au primit ordin de sus să nu vândă alcool în timpul meciului. Încercăm o operă de convingere, dar arta retoricii nu funcționează, vânzătoarea este o adevărată eroină a prohibiționismului, dacă se năștea la Chicago în anii ’30 ar fi primit o medalie. Curios, șerifa noastră, în timp ce ne explică că legea e lege și ordinele de sus sunt ordine de sus, vinde orice alt produs din magazin și încasează bani cu nonșalanță fără a emite un amărât de bon fiscal. În acest domeniu nu există niciun ordin de sus. Ne întoarcem spre meci și dăm de o babă, mai în glumă, mai în serios o întrebăm dacă are țuică de vânzare?

”Eu nu, dar vecina mea, da!’

”Putem să gustăm?”

”Sigur!”

Baba dispare și după câteva minute se întoarce cu un sfert de litru de rachiu într-o cană. Degustarea ar fi arhisuficientă, dar mai sunt alte gâturi uscate care ne așteaptă, deci luăm jumătate de litru la preț de ofertă. Pe teren este 2-0, au mai apărut alte beri, oile stau tot acolo, jandarmii imperturbabili mai mănâncă semințe. Mai e timp de discuții, de cântatul pentru Poli, de glume și de al treilea gol. La întoarcere găsesc un loc în mașină cu herțogheria. Până la Timișoara mai cântăm în cinstea echipei și a Banatului, convinși că cei mai frumoși ani sunt cei ce vor veni.

bacova

Annunci

LA LEGA DEL BANATO

Il Banato è forse l’unica regione europea dove svariate etnie (almeno 10) non solo convivono assieme senza particolari tensioni, ma addirittura affermano che questa diversità sia il legante dell’identità della regione stessa. La questione regionalista in Banato è una specie di fiume carsico che ogni tanto riaffiora, già negli anni ’20 Sever Bocu promuoveva l’idea di un’organizzazione per tutelare gli interessi del Banato. Negli ultimi anni l’equilibrio di questo ecosistema etnico ha subito dei danni praticamente irreparabili a causa del fenomeno migratorio verso Occidente. In particolare dall’orizzonte banateano è praticamente scomparsa la componente tedesca (svevi/şvabi[1]) che nel giro di qualche decennio è passata da 750.000 a 75.000 individui. Qualche giorno fa a Timisoara si è discusso della creazione della Liga Bănățeană (Lega Banateana) e  ho l’impressione che ne sentiremo parlare  in futuro. Io dovevo andarci poi però sono incappato nei compiti di mio figlio e allora vi posso offrire solo la traduzione un po’ adattata dell’articolo che l’edizione locale del quotidiano Adevarul ha dedicato all’evento. Sono certo che in futuro sentiremo parlare spesso di questa realtà e non sempre in termini elogiativi, per il momento accontentiamoci dell’articolo di Ştefan Both:

La gente del Banato si organizza per sostenere dal punto di vista culturale, storico e sociale e per promuovere gli interessi di questa regione, anticipando così la futura introduzione in Romania del sistema regionale in ambito economico e amministrativo come chiesto dalla UE. La società civica banateana ha deciso di accelerare i tempi e creare un’organizzazione che porterà il nome di Liga Bănățeană (Lega Banateana). Con questa iniziativa in primo luogo si vuole smuovere il Banato dal torpore in cui sprofonda giorno dopo giorno. L’intenzione è quella di risvegliare la tradizione multietnica della zona, anch’essa in via di estinzione, di promuovere i valori e la storia locale, di riallacciare i rapporti con i banateni della diaspora, con gli svevi che hanno lasciato il Banat, ma anche con i banateni di Serbia e Ungaria. Il primo incontro dedicato alla fondazione della Liga Bănățeana si può definire un successo. Numerose personalità di Timisoara che sono intervenute all’incontro organizzato dall’associazione Sara Banateana hanno sottolineato che la nascita della Liga trova le sue origini nel punto 11 del Proclama di Timisoara letto dal balcone dell’Opera l’11 marzo 1990, in cui si affermava:
“Timișoara intende tenere in seria considerazione e utilizzare il principio del decentramento economico e amministrativo. Si è anche proposto di sperimentare nella provincia Timis un modello di economia di mercato, che parta dalle grandi capacità e competenze degli specialisti locali …”.
Al tempo questo passaggio del Proclama venne accusato di secessionismo. Oggi la regionalizzazione è solo questione di tempo e il governo romeno ipotizza varie soluzioni per suddividere il paese in nuove entità amministrative.
“L’ideea di una Lega Bănățeană esiste da più di un anno. Vogliamo tornare ad essere l’orgoglio del paese. Per questa ragione dobbiamo fare lobby a livello nazionale e internazionale. Vogliamo far uscire il Banato dalla letargia in cui è piombato. In Romania esistono già realtà che riescono a promuoversi bene senza possedere una storia come la nostra”, ha dichiarato Bogdan Herzog, uno dei promotori della Liga Bănățena e organizzatore della serata. Lo storico Sorin Forțiu ha ricordato che il decadimento del Banato parte dal livellamento regionale imposto dal regime comunista e ha chiesto ai futuri iscritti alla Lega di avere una mentalità aperta, spiegando: “L’organizzazione sarà aperta a tutti, a prescindere dalle differenze di etnia, confessione o orientamento politico. Non ci rivolgiamo a una cerchia ristretta di persone. Chiediamo solo apertura mentale nei nostri confronti. Vogliamo vigilare sugli eletti locali, vogliamo che ci rendano conto sulle cose che non vanno nella giusta direzione”. Entusiasta rispetto all’iniziativa è anche il professor Nicolae Țăran “Mi compiaccio che finalmente ci si schieri. C’era bisogno di un’organizzazione di questo genere. Il Banato ha bisogno di organizzazione e struttura. Ceaușescu organizzò una vera epurazione etnica in Banato, di cui non si hanno altri esempi nella storia. Nimeni nu a făcut o dezbatere publică pe tema astassuttito su questo tema. C’è del malcontento. Bisogna ristabilire la verità storica. Fortunatamente, il Banato possiede ancora documenti, anche se alcuni sono a Vienna o Budapest. Farò tutto il possibile per aiutare questa associazione, per difendere i nostri interessi, per ricostruire la solidarietà di un tempo tra romeni, ungheresi, tedeschi, serbi e le altre etnie”.
Lo scrittore Daniel Vighi, presidente del gruppo Ariergarda e membro della Società Timișoara, ha identificato due direzioni per la Lega Banateana: una politica e l’altra civico-culturale.
“La politica è molto importante. Il presidente e Băsescu, il premier, i partit più importanti sono favorevoli alla regionalizzazione. Ce lo chiede l’Europa. Ma questa regionalizzazione romena la si vuole senza identità storiche, senza nomi, come al tempo di Ceaușescu: regiune ovest, est, sud, nord. Dobbiamo negoziare con i partiti, incontrarli e chiedere: Noi vogliamo una capoluogo di regione, autogoverno, decentralizzazione, parlamento regionale”, ha dichiarato Daniel Vighi. Relativamente all’aspetto culturale, Daniel Vighi sostiene che bisogna preservare il patrimonio della città, oggi infatti sono troppi gli edifici in rovina, i monumenti occultati, troppa la storia amputata: „La nostra storia è diversa da quella della Transilvania. Dobbiamo sapere chi siamo. L’importante è evitare lo sciovinismo, perché Timisoara è una città aperta che accolto persone da Basarabia, Oltenia, Bihor, Moldavia, Maramureş. Non si spaventino a Bucarest non siamo secessionisti. Vogliamo solo decentramento e regionalizzazione”, ha aggiunto Vighi.
All’incontro si è puntata l’attenzione anche sull’annosa questione delle tasse “prodotte” in Banato che ritornano solo in minima parte in questa regione ricordando che, sebbene il distretto Timiş sia al secondo posto, preceduto solo da Bucarest, tra i contribuenti fiscali, poi riceve solo il 20 per cento di quanto raccolto. Anche Lucian Ristea, ex diplomatico presso l’ Ambasciata della Romania a Belgrado, è disposto a sostenere la Lega Banateana. “Ho lavorato a Bucarest e vi avverto: là non vi guarderanno con simpatia. Non ci stenderanno un tappeto rosso. Nessuno accetterà un Banato con una tradizione che desidera affermarsi in modo naturale. Questa non è mai stata una regione qualunque e mai lo sarà. Non vogliamo separarci. È giusto che la Lega voglia riportare a casa le persone che se ne sono andate dal Banato. Non ho mai incontrato un banateano partito da qui che non sia fiero delle sue origini”, ha detto Lucian Ristea.
Un’altra priorità sarà la promozione della bandiera del Banato, assieme allo stemma e al vessillo di Timișoara, che ancor oggi Bucarest non ha approvato, ancorché esistano regioni in Romania che fanno sventolare la propria bandiera presso le istituzioni pubbliche. Durante l’incontro si è anche proposto di celebrare la Giornata del Banato il 18 ottobre, per ricordare la liberazione di Timişoara dalla dominazione ottomana avvenuta nel 1716 con l’ingresso a Timişoara delle truppe guidate da Eugenio di Savoia.

[1]: gli şvabi (svevi) sono gruppi di tedescofoni (di varia origine) che si sono installati in Banato a partire dal 1718.

Nobel o non nobel?

Herta Müller con Oskar Pastior

Herta Müller con Oskar Pastior

Letto attraverso le lenti della critica culturale romena il premio Nobel assegnato a Herta Müller  anima voci contrastanti. Paul Goma, il più noto tra gli scrittori dissidenti costretti all’esilio durante il comunismo, è tagliente: “Il nobel a Herta Müller non ha nulla a che spartire con la Romania”. Goma, che po’ rompicoglioni lo è per natura, retoricamente si domanda: “Come potrebbe il nobel a Herta Müller significare qualcosa per la Romania? Mi sembra che lei non si definisca una scrittrice romena, ma banateana”. E per rincarare la dose conclude: “Il suo non è stato un esilio, ma un’operazione di recupero da parte della Germania”. In realtà l’interesse della securitate verso Herta Müller e verso molti altri scrittori romeni di lingua tedesca (in primis gli appartenenti all’Aktionsgruppe Banat) fu ossessivo. Per farcene un’idea basta guardare la rassegna di documenti della polizia segreta comunista pubblicata dal cofondatore del Gruppo di azione Banat, William Totok, in Halbjahresschrift, alcuni dei quali riguardano proprio la novella nobel (da uno di questi ricavo di essere stato in qualche modo un vicino “postumo”  della Müller  str. Hebe 15!). Un intervento sulla premiazione  più mansueto è quello di Mircea Cărtărescu che in passato ha più volte ricordato la passione con cui lesse i versi  dei poeti tedeschi di Romania negli anni ’80 e l’importanza di queste letture per la sua poesia. Qui la digressione letteraria è d’obbligo: la svolta poetica della generazione ’80 dei poeti romeni deve moltissimo all’antologia Vant potrivit pana la tare che raccoglieva i versi dei seguenti poeti della minoranza tedesca (sveva e sassone): Anemone Latzina, Franz Hodjac, Rolf Frieder Marmont, Johann Lippet, William Totok, Richard Wagner, Rolf Bossert, Helmut Britz (Herta Müller non c’era). Questa incredibile raccolta poetica la potete acchiappare qui. Ritornando a Cartarescu, lui, che oggi è il più noto scrittore contemporaneo romeno, si sdebita verso la  rappresentante di questa letteratura in limine Romaniae così: “Sono felicissimo per il riconoscimento accordato a Herta Müller. Il premio è in primo luogo suo, ma non possiamo nascondere che proietterà una nuova luce sulla letteratura romena. È un evento gioioso, che dovrebbe renderci molto fieri della nostra compatriota”. Originale, polemico, al solito acido, ma non banale è il commento di Cristian Tudor Popescu, uno dei giornalisti più quotati e caustici di Romania. CTP crede che il premio assegnato a Herta Müller sia soprattutto accordato allo spazio spirituale e culturale tedesco e, a suo avviso, questa scelta porta con sé una forte componente politica. “È un bene che abbia ricevuto questo premio ed è un bene che si possa scrivere sugli schermi dei televisori: «Herta Müller, scrittrice nata in Romania», tuttavia non posso non pensare che non hanno ricevuto il nobel Petru Dumitriu, Marin Preda, Marin Sorescu, Ileana Mălăncioiu, per non parlare di Tudor Arghezi. La signora Herta Müller, una persona assolutamente rispettabile, è una scrittrice di lingua tedesca, non romena. Se non se ne fosse andata nel 1987 dalla Romania, non avrebbe mai ricevuto questo premio. Il contributo della Romania all’opera di Herta Müller è la vita da lei vissuta sotto il regime Ceauşescu negli anni ’70-’80. Si potrebbe dire che il principale fautore del premio assegnato alla Müller è Nicolae Ceauşescu. Ho assistito alla conferenza stampa della neo laureata: per tutto il tempo ha parlato di dittatura, non di letteratura. Sembrava fosse Nelson Mandela. Forse le avrebbero dovuto dare il Nobel per la Pace” (che – aggiungo io – sarebbe stato meglio che darlo ad Obama). Alle affermazioni di CTP va però apportata una precisazione: Herta Müller  in realtà ha scritto anche un libro  in romeno. Si tratta di Este sau nu este Ion, una strana raccolta di poesie scritte attraverso dei collage di ritagli di giornali accompagnata da un cd audio pubblicata qualche anno fa dalla Polirom. Proseguendo nella rassegna  dei pareri passo al barone della critica letteraria romena Nicolae Manolescu, che se la cava con alcune frasi di circostanza ricordando che il premio rappresenta, senza alcun dubbio, un onore anche per la Romania, l’opera per cui è stata premiata la scrittrice, infatti, dimostra che non possono essere ignorate le sue radici romene. Poi aggiunge: “Mi pare straordinario e sono contento per Herta e per la letteratura romena per questo piuttosto inatteso riconoscimento perché quando vedi la lista degli altri candidati, che comprende scrittori come Amos Oz o Philip Roth, ti sembra impossibile che qualcuno possa tenere conto di una scrittrice tedesca ancora giovane che proviene dalla Romania e che affronta problematiche interessanti per entrambi i paesi e per l’intera Europa”. Secondo il presidente dell’Istituto Culturale Romeno Horia Roman Patapievici (con cui lo scorso anno la Muller ebbe una un scambio  di opinioni al vetriolo in merito al “recupero” da parte dell’istituzione romena di alcuni intellettuali – Sorin Antohi e Andrei Corbea – ex-collaboratori della polizia segreta comunista) l’assegnazione del Nobel ad una scrittrice di espressione tedesca nata in Romania costituisce un segnale attraverso il quale il Comitato ha voluto ricordare il  ventennale dalla caduta del comunismo nell’Europa dell’Est. In coda alla rassegna inserisco il commento del filosofo Andrei Pleşu che afferma di ammirare la scrittrice per il suo modo di stare sempre aldilà delle convenzioni e dei modelli, a tal punto che per lei, a suo parere, bisognerebbe inventare un premio Nobel per la qualità umana, ricordando che grazie a lei una parte oscura della storia della Romania entra nel circuito della storia europea”. Per chiudere ricordo un bel quadretto della Müller dipinto dal caro amico Daniel Vighi lo trovate qui, in romeno però!


ottobre: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,859 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.