Posts Tagged 'John Cage'

Sogni Zingari

L’altro giorno ho sognato il mio ex vicino di casa di strada Hebe in salopette, grassoccio e con un solo baffo – a manubrioda lui spacciato come l’ultimo ritrovato della moda al maschile. Epici sono i sogni di Sua Eccellenza Toniutti Massimo, che dovrebbe metterli per iscritto (in Isvizzera a questo punto!). Davvero belli quelli di Fellini raccontati a disegni

Anche mia moglia (un omaggio morfologico al signor Mario, il mio ex pizzaiolo di fiducia a Timisoara) a sogni non scherza: anni fa, a casa del Tommaso Cerno, una visione onirica di Miro – una sposa cinese – fu elaborata attraverso un programma informatico che poi, con accento partenopeo, sentenziò i numeri per un terno, non pingue, ma nemmeno da buttare! In un bel libro della fine dell’800 intitolato Del popolo nomade degli zingari, Heinrich von Wlislocki ci racconta che gli zingari della Transilvania chiamano i sogni Devlesqro dragostipe = il saluto di Dio. Wlislocki elenca anche come molte immagini dei sogni sono interpretate dalle indovine gitane. Ve ne servo una po(r)zione:

Mangiare delle mele = pericolo

Ricevere delle mele = fortuna

Essere impiccato = fortuna e onore

Vedere un letto = fortuna

Essere disteso a letto = pericolo

Fare il bagno = malattia

Colore azzurro scuro = buone notizie

Mangiare pere = grande successo

Api = litigi

Bere aceto = buon guadagno

Pesci = malattia o morte

Perdere il naso o girare nudi = insuccesso

Stufa = gioia

Scarpe o calze = la famiglia cresce

Bambini e gamberi = ira

Mano = fortuna

Andare in giro su un mezzo di trasporto = fallimento

Luna e uomini = preoccupazioni

Farina = paura

Topi = grande gioia

Oche = salute e onore

Ortiche = denaro e successo

Moglie = successo

Marito = insuccesso

Io da anni sogno spesso funghi di tutti i tipi:

Pleurotus, Coprinus, Vesce, Porcini, Finferli, Psalliote, Russole, Amanite, Manine, Lattari, Trombette di morto, Agarici (da non leggersi alla romena), Lepiote e altri inventati, fosforescenti, trasparenti, sonori…mi sento bene in questi sogni micotici, sorrido come John Cage a Lascia o raddoppia Secondo le veggenti zingare da me interrogate i funghi rivelano amicizia e amore come quando (fuori piove) si sogna sale e sole!

Annunci

SILENZIO

Scappo dall’Italia – come craxi ! – vado a rifugiarmi sulla spiaggia di Braila – a guardare i lucci e a pensare al brigante Terente . Nell’ultimo mese e spiccioli, in Italia si è parlato così tanto e così tanto a vanvera di Romania che ho scelto il gioco del silenzio a braccia conserte. Troppo odor di tappo, freschino e stic’ su giornali e TV e sorrisi e canzoni (mi è venuta così). Il gioco del silenzio – però per altre ispirazioni e altri intenti – l’ha scelto anche un blog che di tanto in tanto usavo per andare in Jugoslavia, non a comprare la carne come facevo con il mio babbo e la sua 600, ma per passione a vedere un mondo dileguato: quello di babsi jones. Nel suo caso la scelta è definitiva e battezzata poeticamente la Reinvenzione del silenzio. Per il parastas (il banchetto del funerale), quindi niente bande zingare, ma lo spartito di 4’33” del buon john cage che ultimamente riassaggio con piacere inaspettato.

il carattere è Gloucester MT Extra Condensed


dicembre: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 61,221 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.