Posts Tagged 'ROMANIA'

Pizduţe răzvrătite

Despre povestea cu Pussy Riot m-au surprins câteva lucruri. În primul rând: cazul a fost discutat foarte mult în mass-media din România, de obicei destul de neatent la știri din străinătate. Este adevărat, trimiterile la povestea respectivă s-au limitat la un fel de directive de partid din care ieșeau la iveală mai mult aplauze de admirație pentru apărătorii din Occident ai fetelor agitate din Rusia (Red Hot Chili Peppers, Sting, Madonna, etc.) decât pentru faptele lor. Totuşi mi se pare ceva ciudat: România este o țară preponderent ortodoxă și dacă mâine, în plină zi,o trupă mai mult sau mai puțin punkistă va întra într-o biserică în centrul Bucureștiului, declarând ca Duhul Sfânt este căcat şi Patriarhul Daniil este o curvă, cred că nu s-ar bucura nici de simpatia voalată a presei, nici de îngăduința judecătorilor. E adevărat, poate că n-ar primi doi ani de închisoare pentru că au sărit ca maimuțele în faţa unui iconostas, dar dacă ar găsi judecătorul potrivit și avocatul greșit, un anişor cu suspendare l-ar incasa sigur. La urma urmei Art. 321 al codului penal ne spune că ”Fapta persoanei care, în public, săvârşeşte acte sau gesturi, proferează cuvinte ori expresii, sau se dedă la orice alte manifestări prin care se aduce atingere bunelor moravuri sau se produce scandal public ori se tulbură, în alt mod, liniştea şi ordinea publică, se pedepseşte cu închisoare de la unu la 5 ani”. Şi până la 7 dacă s-au tulburat grav liniştea şi ordinea publică.
Veţi spune, ei bine, dar libertatea de exprimare este sfântă și nimeni nu își poate permite să-o limiteze. Da, în esenţă, pot fi de acord, dar în lumea reală aplicabilitatea acestui principiu depinde de variabile complet decuplate de la idea de libertate. Un exemplu concret: dacă în Germania, o formaţie de skinheads RAC ar intra într-o sinagogă să cânte cea mai romantică dintre piesele ei, în ziare de a doua zi dușmanii libertății ar fi tot băieții cu Dr. Martens si Madonna nu le-ar trimite o scrisoare de dragoste. Şi atunci, de ce o atenție atât mare în mass-media din România pentru un ”spectacol” prost care, dacă ar fi avut loc la București, n-ar fi primit aplauze de la nimeni? Desigur, nu cred că Marele Arhitect al Universului a sunat-o pe Andreea Esca sau pe Cristian Tudor Popescu poruncindu-le să publice zeci de știri dedicate pizduţelor ruse. Cred însă că în presă şi în așa-zisul mediu intelectual există o dorință amețitoare de a se conforma, o adevărată excitare pentru a înghiți direcțiile dictate de mainstreamul corect politic, fără a analiza substanța și impactul acestora asupra comunității locale. Dacă povestea ar privi libertatea individului, nu s-ar înțelege de ce presa românească a reprodus ca un portavoce nebun zeci de articole preluate din agențiilor de presă străine despre pățaniile juridice ale pizduţelor ruse și închide intenționat ochii în fața Codului Penal Român, care, printre ”perle” lui, conține un act liberticid precum Legea 4/2008 privind evenimentele sportive, sau mai exact, gândită împotriva fanilor. Numai două exemple: art. 32 pedepsește pătrunderea sau încercarea de a pătrunde pe suprafața de joc cu închisoare de la șase luni la un an! Dacă te destrăbălezi în biserică este libertatea de exprimare, dacă intri pe teren este huliganism? Chiar mai grăitor este articolul 35, care pedepsește introducerea oricărui articol pirotehnic, indiferent de categorie, în incinta arenei sportive, cu închisoare de la 2 ani la 5 ani (în cazul în care nu este clar: pentru o torţă, poţi să mergi la bulău, fără a trece prin start, numai că jocul e pe bune). Şi atunci ne mai întrebam: la ce e bun acest circ mediatic? Despre ce justiţie vorbim? Despre libertatea cui?

Annunci

Un inglese in Transilvania

Da pochi giorni  si è chiuso il Salone del Libro di Torino. Quest’anno i paesi ospiti erano due: la Spagna e la Romania. La presenza a Torino della Romania può essere letta come il suggello di un’annata davvero eccezionale per le  traduzioni in lingua italiana:   più di 20 opere apparse  nel solo 2011 (fino a qualche anno fa quando se ne stampavano cinque era già festa). Certo, spesso si tratta di libri  pubblicati da piccole case editrici e per questo non  sempre facilmente reperibili, ma  c’è lo spazio per crescere. A Torino, dove ovviamente non sono andato, si sono presentati parecchi autori e volumi romeni, alcuni sono vecchie conoscenze di Catrafuse (vedi Dan Lungu, Ana Maria Sandu o il divertissment grafico poetico  della la nobel Herta Müller  ecc.), altri   nomi quasi affermati come Mircea Cărtărescu o Ana  Blandiana. Non sono mancati i vecchi tromboni come Norman Manea e Dumitru Ţepeneag (il primo in verità più noto e apprezzato in occidente che in Romania). C’è stato spazio anche per  libri “romeni” inconsueti come la traduzione  (dal latino) delL’immagine irraffigurabile della scienza sacro-santa  del grande Dimitrie Cantemir  curato da Igor Agostini e Vlad Alexandrescu o per opere scomode come il saggio  “eretico” di Marco Costa Conducator: l’edificazione del socialismo romeno.  Tra le opere dedicate alla Romania, una avrà di  sicuro un certo successo, si tratta di  “Lungo la via incantata”[1], volume di  debutto di William Blacker pubblicato da Adelphi. Blacker è un giornalista inglese che dopo l’89 ha vissuto per alcuni anni prima in Maramureş e poi in villaggio sassone della Transilvania. Il Maramureş rappresenta  un viaggio nel tempo, o meglio fuori dal tempo. In Transilvania, invece, Blacker inizia ad avvicinarsi  alla comunità zingara. Gli si  apre un nuovo mondo. Dalla storia  d’amore con con Marishka nascerà anche un figlio e il libro: “Along the Enchanted Way: A Romanian Story”.  Anche se a volte i toni di Blacker sono un po’ troppo romantici per  miei gusti, la sua avventura   stimola molte riflessioni. La situazione delle comunità rurali  romene è paradossale, un mondo che ha attraversato le tempeste della storia praticamente indenne, svanisce in soli  vent’anni sotto i colpi della globalizzazione e lo fa di buona voglia. Lo stesso è avvenuto con i sassoni di  Transilvana che, dopo aver creato una civiltà quasi millenaria,   in tre decenni sono quasi  scomparsi a causa delle migrazioni di massa verso il mito della  ricca e libera Germania. E molto si potrebbe dire anche sugli zingari di Romania che in occidente sono stati reinventati (probabilmente per il tornaconto di qualche opera pia) come nomadi.  Per entrare nelle atmosfere della via incantata  ho tradotto un  lungo articolo-intervista  di Andreea Pocotila    apparso  nel 2009 su Romania Libera [2].

La doppia vita William Blaker: per sei mesi scrittore inglese, per sei mesi zingaro romeno
Per sei mesi l’anno William Blacker fa lo scrittore e il giornalista freelance.. Firma i suoi pezzi su pubblicazioni prestigiose  come  il Times, Daily Telegraph e The Ecologist e vive in Gran Bretagna. Per gli altri sei mesi, lo stesso William Blacker fa il contadino che lavora la terra  presso una comunità di zingari insediatasi  in un villaggio nei pressi di Sighişoara. Qui il britannico  cresce  il   figlio,  nato da una relazione  con una giovane zingara di cui si è innamorato perdutamente.
Blacker racconta a Romania Libera come è stato battezzato dagli zingarelli “Signor Uigliam” e come, a dispetto dalle controversie  scatenate dalla sua storia d’amore, da molti considerata eccentrica, abbia piantato robuste radici in Transilvania, dove ormai ha rinnovato più di 200 case antiche, abbandonate dai sassoni all’inizio degli anni ’90. L’avventura romena  di William Blacker è descritta anche in un libro  in cui si narra come ci si può innamorare  di un paese con così tanti difetti. Un paese in cui, del resto, era arrivato  quasi per caso. Nel dicembre 1989 stava  andando a Berlino, per vedere  con i suoi occhi il Muro  caduto con il crollo del regime comunista. Poi si è diretto in Romania dopo avere sentito della rivoluzione e degli affreschi dei monasteri. E qui è rimasto.
In un paese transilvano nei pressi di Sighişoara, ogni sera la gente si raduna a chiacchierare, in centro, a due passi da “Privat”, la sola  bettola  del posto. Romeni,  qualche sassone e  parecchi zingari siedono  pigramente  su pietre, sulle casse di birra vuote o sulle assi  traballanti del ponticello che attraversa il letto  secco  del vecchio  fiumiciattolo. Da “Privat” si sente, come in sordina, una  canzone  tzigana, e alcune zingarelle ridono e corrono davanti al bar. Altre ballano schioccando le dita a ritmo di musica. Sulla strada, dei vecchi se ne stanno a fumare davanti alle antiche case sassoni, mentre le zingare  parlano ad alta voce e gesticolano agitate.   Ogni sera, tutti si radunano qui e attendono il ritorno delle mucche  dal pascolo.
All’improvviso, i bambini si fermano  e corrono verso un uomo che si avvicina in bicicletta: “Signor Uigliam, signor  Uigliam!!!”. L’uomo, vestito comodo, ma gradevole,  con un berretto bianco di tela e occhiali tondi, viene subito  circondato da una da una frotta di ragazzini. Sorride, li prende in braccio, li accarezza. I paesani che se ne stanno davanti ai portoni mormorano:  ” è arrivato l’Inglese a vedere l’amante zingara”. Il nuovo arrivato si chiama William Blacker. È  nato, 46 anni fa  nel sud dell’Inghilterra. Per sei mesi all’anno questo paesino costruito centinaia di anni fa dai sassoni, ed ora abitato soprattutto da zingari, per lui significa “essere a casa”. Vive qui da nove anni ed ha un bambino di 3 anni e mezzo, frutto di una storia d’amore con una giovane  zingara del villaggio.
“Signor  Uigliam”
Lo scrittore e giornalista William Blacker accetta di  raccontare gli eventi che lo hanno portato  ad abitare in un paese  sperduto della Transilvania, ad una condizione: il nome del paese, quelli del figlio e della della madre  non saranno pubblicati.  In Inghilterra sta per apparire un libro sugli anni trascorsi in Romania , qui il villaggio si chiama Halma, il figlio Constantin e  l’ex amata Marishka. “Per favore usateli anche voi. Altrimenti il mio tentativo di proteggerne l’intimità sarebbe vano. Non voglio che vengano a bussare alla loro porta  dei turisti o delle guide che hanno letto il mio libro.”
Signor Uigliam, Villiam o l’Inglese, come lo chiamano i paesani,  da molto tempo   è parte integrante del luogo. Un giornata della sua vita in campagna non assomiglia affatto a quella dei suoi amici in Inghilterra: lavora i campi tra gli zingari, taglia l’erba con la falce, ripara l’intonaco  delle vecchie case sassoni, cadute in rovina dopo la migrazione  degli ex proprietari in Germania.   La sera,  gioca a scacchi con gli anziani  del villaggio. A volte Blacker fa visita alla sua ex ragazza, Marishka, la giovane zingara che lo spinse a trasferirsi qui, non lontano da  Sighişoara. Sono rimasti in buone relazioni, ma non stanno più insieme da prima che loro figlio nascesse. Per questo, la donna, che ora vive con un altro,   cucina   e  lava ancora  i panni dell’inglese.  “Al ritorno da un viaggio in Inghilterra l’ho trovata incinta. All’inizio non pensavo di essere io il padre, ma come vede ci assomigliamo come due gocce d’acqua”, dice William,  poi  abbraccia Constantin che ha ereditato il suo sorriso e i suoi occhi azzurri. Il piccolo vive con la madre insieme alla sua famiglia di zingari musicisti, a pochi minuti dalla casa di Blacker. S’incontrano ogni giorno, mangiano assieme, e più volte l’anno vanno tutti e tre  a visitare la famiglia di William in Inghilterra.
Da Berlino a Satu Mare
Marishka ha 31 anni, ha fatto solo le elementari, occhi marroni, sorriso impertinente e non indossa, con delusione dell’inglese,  gonne colorate. “Lo chiamo William oppure Inglese. Che dire di lui, è ed è stato abbastanza imbranato”, racconta Marishka ridendo. Si sono conosciuti parecchi anni fa, nessuno dei due ricorda esattamente quando. “Vive qui da così tanto tempo, chi se lo ricorda quando è arrivato?”, spiega la ragazza mentre toglie il bricco del caffè dal fuoco. Il caffè è per William che se ne sta  in  cortile sotto il gelso  della casa dove un tempo ha vissuto assieme alla   numerosa famiglia dell’ex compagna. Si sta seduti direttamente sull’erba, le tazzine  con  loro piattini bianchi sono poggiate  con cura su un mucchietto di terra.
“Quando lo vidi la prima volta qui in paese,   risi di lui. Abitava da alcuni sassoni e  prendeva l’acqua dal pozzo. Con quegli occhiali grandi sembrava spaurito, aveva anche un bastone in mano. Si vedeva  lontano un miglio che era straniero”. Questo primo incontro  con lo «straniero» avvenne nel  1990, a circa un anno dalla prima visita di Blacker in Romania.
“Ho messo per la prima volta piede in Romania pochi giorno dopo la rivoluzione del dicembre 1989. Avevo lasciato l’Inghilterra con l’intenzione di visitare Berlino, il Muro era appena caduto”, racconta l’inglese. Le notizie in televisione sulla rivoluzione romena e la lettura di alcuni articoli sulla bellezza dei monasteri locali lo spinsero  più a est. L’itinerario scelto fu sinuoso: prima  passò per la  Cecoslovacchia, poi cercò di entrare in Ucraina, ma non gli diedero il visto. Alla fine transitò per  l’Ungheria ed  arrivò  in Romania. “Questo paese  mi è piaciuto  fin dalle prime chiacchiere scambiate alla frontiera con i romeni. Con loro  ho riso e mi hanno spiegato di cosa dovevo preoccuparmi”. Arriva a notte fonda a Satu Mare e dorme in un albergo senza elettricità, con una candela alla reception. Al risveglio rimane a  bocca aperta: “Nella piazza centrale della città c’erano solo cavalli e carretti. Mi è sembrato stupendo. Ho pensato che il mondo dovrebbe assomigliare a qualcosa del genere, senza camion orribili”. Blacker aveva già visto l’India e diversi paesi dell’America latina, ma la Romania lo ha affascinato più di qualunque altro posto. “Avevo letto i romanzi di Thomas Hardy e Tolstoj e quando sono arrivato in Romania mi sono detto: «Incredibile, adesso posso vedere con i miei occhi le cose che descrivevano », mi è sembrava straordinario. Inizialmente,  ritornavo qui ogni anno per brevi periodi, viaggiando  per i paesi del Maramureş e della Transilvania”.  Poi, dal 1996, Blacker, zaino in spalla,   si trasferisce qui.
Ho riso e pianto con la gente del Maramureş
Fu ospitato da una famiglia di contadini  a Breb, in   Maramureş. Più precisamente a casa di mihai, figlio di Gheorghe, che era figlio di Ştefan. “Mihai era un uomo affascinante, un vecchio molto saggio. È morto lo scorso anno, aveva più di 90 anni. Mi ha aiutato a comprendere la vita dei contadini. Era un gentleman, come la maggior parte dei vecchi  che ho conosciuto nei villaggi romeni”,  ricorda William. All’inglese non bastava conoscere la vita dei contadini,  voleva diventare uno di loro: “Dovevo farlo prima che l’Occidente  arrivasse fin qui. I romeni mi hanno accolto calorosamente, non ho mai incontrato  al mondo uomini così ospitali come in Maramureş, sempre pronti a darti da mangiar e ad  accoglierti in casa loro”[3]. I ricordi rimasti dei  quattro anni trascorsi in Maramureş sono tanti. Tristi, come l’annegamento di alcuni compaesani  in un lago vicino, altri  allegri, come la visita  compiuta  in un ufficio  del centro di Bucarest, indossando il  costume tradizionale del Maramureş. La guardia giurata lo scrutò a lungo, non voleva farlo entrare. “Dovevo ritirare dei soldi lasciati da un amico. Ero vestito  come uno del Maramureş, pastrano di montone, colbacco e ciocie, parlavo  in dialetto del Maramureş – la sola variante che  conoscevo –   con uno strano accento, e in più avevo gli occhiali. Lo riconosco dovevo essere una figura piuttosto bizzarra, ma erano i soli miei vestiti invernali.  Quando vide i documenti il custode rimase perplesso. «Sei inglese?!», mi chiese con gli occhi strabuzzati.  Risposi di sì, ma che vivevo in Maramureş. La cosa gli sembrò divertente e da persona  leggermente aggressiva, divenne affabile. Da allora mi salutò sempre dicendomi: «Buon giorno signor Pastore!»”. È rimasto in Maramureş quattro anni. È fiero di avere imparato a falciare, a zappare la terra,  a sarchiare. L’inglese, o “Willy”, come lo chiamavano a Breb, ha partecipato ai matrimoni, ai funerali, alle feste, all’uccisione del maiale: “Ho sofferto, ho pianto, ho riso assieme a loro. Ho sempre considerato che  i contadini del Maramureş e delle altre zone della Romania vivano  per davvero”.
“Mio figlio è per metà zingaro e per metà inglese
William Blacker è rimasto affascinato dallo stile di vita tradizionale del Maramureş, ma è stato sempre attratto, ineluttabilmente, dalla vita più turbolenta ed  esotica degli zingari  transilvani. Nel suo libro, “Along the Enchanted Way: A Romanian Story”,  descrive gli zingari come un popolo accattivante, posseduto dal principio del “dolce far niente”,  persone che sanno cantare e ballare divinamente e che considerano  la vita  troppo breve per faticare  tutto il tempo. Non sfuggono al suo sguardo nemmeno   gli aspetti violenti della loro vita, anzi  è stato testimone  di diverse risse  e accoltellamenti avvenuti  tra i  membri della comunità, soprattutto nella bettola del paese.
“Si spaccavano  le bottiglie di birra  in testa, il sangue scorreva sui loro volti, i coltelli perforavano  velocemente le budella. Le coltellate  erano così rapide che  capivi cos’era successo  solo a fatto compiuto”, racconta lo scrittore.  Nonostante ciò, William Blacker confessa di non aver potuto   stare lontano dagli zingari. Per un  lungo periodo, l’inglese ha fatto  avanti e indietro tra il Maramureş e il paesino della   Transilvania dove oggi risiede e dove viveva la giovane zingara  di cui si era innamorato. La vita nel paese di Halma ha l’aroma  di una telenovela. Lui si innamora di Natalia, una bella zingara, “con i capelli castani,  quasi biondi,  e con gli occhi color  nocciola”.
“Era  estenuante. Tutti i giorni, tutte le notti, si andava a una festa. Natalia  era un essere piuttosto impulsivo, selvatico,  direi. Gli uomini ronzavano attorno a lei e la cosa le faceva piacere”. Ben presto stanco  dei casini combinati da  Natalia, che era anche poco fedele, William tornò in  Maramureş. Venne di nuovo  a Halma un anno più tardi,  per  un’altra ragione. “Ho sempre  amato l’architettura di  Halma, le case secolari dei Sassoni, abbandonate negli anni ’90 e ora abitate dagli  zingari” dice. Scrisse anche un articolo  sulla drammatica situazione delle case di Halma e dei  villaggi circostanti e ottenne delle  donazioni  per la loro ristrutturazione. A quel tempo dirigeva la fondazione  “Mihai Eminescu”, finanziata dal principe Carlo[4]. “Non so quanti soldi abbiamo raccolto attraverso la fondazione dall’Inghilterra e dagli Stati Uniti, ma furono  sufficienti per la ristrutturazione di 200 abitazioni, 40 delle quali a Halma,”  spiega William.
Di giorno lavorava alla ristrutturazione delle case del villaggio assieme  ad alcuni   zingari e la serata andava a bere una  birra  al bar. Qui, un anno prima, aveva assistito a una scena che non avrebbe più dimenticato. “Natalia aveva un amico molto feroce, si chiamava Lad . Come ogni sera ero andato bere una birra. Parlavo  con Marishka, la sorella di Natalia. Stavamo seduti in un angolo mentre Natalia danzava provocatoriamente al centro del bar. Voleva farmi ingelosire. All’improvviso è entrato Lad, io  sapevo che era in prigione. Ha tirato fuori un coltello e si è scagliato contro  Natalia. Marishka è saltata immediatamente in mezzo a loro. Il coltello le ha squarciato il polso e il sangue è schizzato sulla gente che ballava, creando il caos”.  Da quel momento, l’inglese cominciò a pensare a Marishka in modo diverso. Ritornando a Hanima,  si ricordò di quella scena. Iniziò  a trascorrere sempre più tempo con lei. E così tornò a vivere   di nuovo tra gli zingari, anche se in  molti gli avevano detto di non farlo.   “Alcuni romeni del paese erano aggressivi. A loro non andava a genio  che abitassi con gli zingari, che vivessi con   Marishka. Gli sembrava scandaloso che avessi scelto di stare con loro. Da parte mia, semplicemente non potevo credere che gli zingari fossero così cattivi, come me li descrivevano”. Marishka e William si trasferirono  in una casa comprata  da un sassone,  poi ristrutturata e dipinta di azzurro. “Quando la nostra casa azzurra fu pronta, io e Marishka abbiamo  iniziato una vita spensierata”. Gestivano la casa assieme, andavano a mangiare sui prati o cavalcavano sulle colline vicine, a volte dormivano dal pastore che teneva le loro pecore . Non contava che Marishka  avesse fatto solo le elementari e che lui fosse laureato in una prestigiosa università inglese. L’ha convinta, non senza fatica, a leggere. “Le ho dato una  traduzione romena di “Orgoglio e Pregiudizio”. Dopo qualche giorno già faceva dei commenti sui personaggi: «Questo Darcy è così arrogante! E riponeva il libro, indignata. Man mano che lo leggeva, il volume  diventava sempre più sottile. Utilizzava le pagine per accendere il fuoco. Percorreva il racconto  come se fosse  un viaggio, erano dei momenti fugaci di piacere, gli stessi che può dare il ballo» racconta divertito lo scrittore inglese.
Accusato di istigare gli zingari alla rivolta
William e Marishka non si sono mai sposati. “Siamo zingari con la casa. Non seguiamo le regole degli zingari con le tende. Io non ho voluto sposarmi. Da noi la gente solitamente non si sposa. Possiamo stare con chi vogliamo, la famiglia non ci impone  nulla”, così spiega  Marushka la loro relazione. Anche se non erano sposati, dovettero affrontare le cattiverie degli altri abitanti  romeni del paese. Volevano allontanare l’inglese da quella che consideravano essere la feccia della società. Minacce, denunce, visite  della polizia  chiamata da compaesani malintenzionati,  non sono servite a nulla. “Trovavano diverse scuse per litigare. Ad esempio, dicevano che  i miei gli animali varcavano i  loro confini. In realtà non sopportavano  che io  vivessi con gli zingari. A loro pareva umiliante. Chiamavano anche la polizia che stava sempre dalla parte dei romeni. Un poliziotto una volta mi ha anche detto minaccioso che avrei avuto dei problemi se avessi continuato a stare  con gli zingari. Mi ha accusato di istigare alla rivolta gli zingari”, ricorda Blacker.
” È un uomo straordinario”
Ora, dopo molti anni, quei giorni sembrano essere dimenticati. A Halma le acque si sono calmate. Romeni, zingari e tedeschi, tutti parlano bene dell’inglese. Lo straniero sbarcato dal sud dell’Inghilterra ha aiutato il villaggio  finanziariamente, ha  riparato  le case e si è comportato bene con tutti. “È  un uomo straordinario. Noi zingari lo abbiamo accolto con amore. L’abbiamo portato alle nostre feste, dove si danza tutta la notte. Gli abbiamo insegnato a ballare e gli piace la nostra musica. Non ha mai evitato gli zingari, anche se  molti gli avevano riempito la testa con cattiverie sul nostro conto.  Ora va d’accordo con zingari e romeni.  William e Marishka non sanno se loro figlio rimarrà per sempre a Halima o se vivrà  un periodo anche in Inghilterra, per avere un’educazione migliore.  Per il momento l’inglese è soddisfatto per come il figlio vive  tra gli zingari  del paese.  Mentre narra le peripezie degli ultimi 20 anni, l’inglese ogni tanto  lo indica, mentre   corre  assieme agli altri bambini zingari: “Sinceramente, a volte credo che non esista piacere maggiore  che starsene  di fronte alla casa di Marishka e guardare come gioca con gli altri bambini.  Mio figlio è metà inglese e metà zingaro. A volte mi domando come sarà la sua vita qui, in mezzo agli zingari. Sicuramente, sono felice che viva qui, in campagna, anche se questo può sembrare eccentrico”. Certo, la scelta di vivere  in un villaggio fuori dal mondo, in un paese ex comunista,  è sembrata a molti amici di William Blacker abbastanza eccentrica. “Lo riconosco, i miei genitori non hanno fatto dei salti di gioia. Avevo trent’anni e volevano che avessi un lavoro  tranquillo, non che vivessi  in un villaggio lontano, in un paese di cui non sapevano nulla. Dopo essere  venuti qui, si sono rasserenati”. La sua famiglia è rimasta affascinata dal Maramureş e dal paesino sassone e va d’accordo con Marishka.  “Piace a tutti, sembra un posto esotico, ma nessuno rimane. Io invece rimango qui”, dice l’inglese quasi ringraziando.  William Blacker non crede che la sua decisione  di vivere in Romania  sia eccentrica, piuttosto “un po’ romantica”. Ha dovuto  spiegare molte volte le ragioni di questa scelta. “Può sembrare romantico, ma, semplicemente, mi sento molto bene qui. È il posto adatto a me”. Forse  potrebbe essere una spiegazione il fatto che suo padre, quando lui era piccolo, aveva   una fattoria con mucche, pecore e cavalli, poi venduta a causa di difficoltà materiali. “Credo che volessi solo vivere di nuovo in un posto bellissimo”.

[1]il titolo originale è Along the Enchanted Way: A Romanian Story, John Murray Publishers, 2009.

[2] In rete si trova una versione molto ridotta dell’articolo in lingua italiana sul sito presseurop

[3] Per esperienza personale confermo è (o era) proprio così.

[4]La Fondazione Mihai Eminescu, patrocinata dal principe Carlo d’Inghilterra, si occupa del recupero del patrimonio culturale e ambientale dei villaggi della Transilvania. Lo stesso Charles trascorre ogni anno parte delle sue vacanze in un paesino transilvano.

Quasimemorie

Almostmemories è un archivio virtuale della fotografia anonima rumena. Le immagini provengono da collezioni private, oppure possono essere inviate al sito da chiunque. Le anonime istantanee quotidiane creano un percorso antropologico che nell’intenzione dei curatori dovrebbe coprire gli ultimi sessant’anni, articolandosi attraverso apparizioni inattese, luoghi comuni, casuali sovraesposizioni di memorie private e collettive.

Bucarest: Manifesto Ultras

Da una Bucarest a 15 gradi sotto zero ancora un capitoletto di “letteratura” protestataria su cui si è discusso parecchio in rete: Il manifesto ultras. Si tratta di uno scritto diretto e concreto, a tratti ingenuo e perciò genuino, che aiuta a capire, per chi vuole ancora capire, che i soggetti presenti sulle linee di faglia della società non sono più riconducibili ai vetusti schematismi della destra e della sinistra, al meretricio dei partiti e del mainstream mediatico. Ma al giorno d’oggi già tentare di capire una realtà come quella degli ultras sembra un’azione folle, perché folle è tutto ciò che non può rientrare nella comoda tassonomia ufficiale in auge.

IL MANIFESTO DEGLI ULTRAS ROMENI
“È inverno, possono arrivare tempi e nevicate pesanti. Possono arrivare abusi ancor più pesanti, può arrivare gente affamata a papparsi la torta, a chiedere bottini di guerra senza avervi partecipato. Può arrivare anche il nostro immobilismo, per mancanza di coesione, per la troppa confusione che rischia di diventare passività. Ma il nostro compito è quello di non fermarci. E se Piazza dell’Università si svuoterà, l’ultima persona avrà il dovere di lasciare la luce accesa, non di spegnerla. Basterebbe filtrare attraverso lo spirito Romeno il testo dell’inno nazionale e sapremmo cosa fare. Chi lo dovrebbe fare? Non siamo l’enciclopedia delle verità assolute, ma siamo in grado di fornire esempi:
– I pensionati tosti, che in questi giorni ci hanno dimostrato la profondità del detto “chi non ha  un anziano [se ne compri uno] n.d.t. …”
– gli intellettuali, quelli veri, che ringraziamo per le reazioni e il sostegno e per lo scudo insormontabile alzato contro la pseudo-intellighenzia, i demagoghi, i commissari politici e i dilettanti;
– I lavoratori, che dimostrano come l’inerzia che da 22 anni ci ha avvolto non sia attribuibile ad un popolo indolente, ma a una nazione che ha scordato quali sono le sue potenzialità;
– Gli studenti che possono dimostrare come la vera educazione non sia patrocinata da ministeri fallimentari;
– I veri giornalisti, ormai un’oasi minacciata dalle fiamme alimentate da falsi colleghi che hanno trasformato in deontologia la disinformazione, l’audience e la manipolazione;
– I gruppi socialmente emarginati, da cui possono spuntare diamanti, lo dice Cristo e anche il rapper Sisu: ultras, punk, rapper, hippy, biker, graffittari, hipster (la loro energia, usata in modo positivo, sosterrà la ricostruzione).

Perché fare tutto ciò??? Solo per lo SMURD [1] ? Solo per far cadere un governo e sostituirlo con nuovi arrivisti di un altro colore ma della stessa pasta e sempre privi di sostanza? No. Di nuovo, i motivi sono molti e non facili da articolare in modo compatto. Diamo pure degli esempi:

– Corruzione, che con la scusa della necessità di sopravvivere ormai contagia anche le persone oneste. Milioni di romeni vedono anche nel buio più pesto che da anni e anni a guidarli sono sempre le stesse organizzazioni mafiose, chiamati partiti. È incredibile, eppure è vero, viviamo in un nuovo regime e fanariota e non siamo capaci di trovare un Romeno da far salire sul trono (non è propaganda per la monarchia, è solo una metafora). C’è mancato poco che diventasse primo ministro un tedesco e tutti l’abbiamo sostenuto, perché ormai non essere Romeno è sinonimo di onestà.
– Giornali alla ricerca di sensazionalismo, audience, maestri in giochetti politici e pubblicità per troiette nude, campioni in disinformazione e manipolazione. E tuttavia, la piazza lo capisce capisce! Si potrebbe vivere una settimana senza TV? Diventeremmo come il Congo o come Atlantide?
– Stereotipi e politichese che celano la verità. Il primo ministro Boc parla di libertà di espressione, mentre i celerini annunciano al megafono “Liberate la piazza o usiamo la forza”.
– Organi repressivi costretti ad agire contro i propri fratelli. Sì vogliamo soldati al servizio dei cittadini, come vi avrebbe voluto anche Cuza [2], non mercenari macellai. Sì, lo sappiamo che anche voi tenete famiglia e tante necessità, sì, vogliamo rispettare la divisa, e per questo vogliamo ricevere rispetto, non vedere bambini spinti a terra, donne colpite e insultate e uomini che possono entrare in coma a causa di una bastonata in testa.
– Leggi costruite tramite dibattiti con i cittadini, non approvate in fretta e furia in Parlamento da una maggioranza più interessata ai giochi politici che gli interessi vitali dei cittadini. Leggi applicate solo in vista delle elezioni (arresti di sindaci corrotti come propaganda ed esca per un voto in più).
– Il Centro storico della Capitale? Sì, lo vogliamo di livello europeo, lo vogliamo rinnovato, ma non solo per il profitto dei proprietari dei locali. Lo vogliamo ripulito e valorizzato per vantarcene ed esserne orgogliosi e, perché no, per un turismo vero , che non sperpera centinaia di migliaia di euro per un logo o un portale internet.
– Vogliamo dibattere su tutte le questioni, anche sulle faccende militari. Non vogliamo lo scudo antimissile [3], anche perché non si sa nemmeno che cosa sia per davvero. Non vogliamo fregate spedite inutilmente in missione (o in “dismissione” se volete) e non vogliamo più romeni che combattono in Oriente per il proprio sostentamento, e non per una causa.
– vogliamo rispetto e dignità, non vogliamo essere classificati da avvocati-deputati come vermi, non vogliamo che un anziano (il 16 gennaio, in Piazza Univ.) arrivi con gli stivali lucidati vecchi di cinque anni e con le suole bucate, quando una divetta di provincia ha centinaia di scarpe di lusso che indossa ostentatamente.
– Vogliamo chiudere i centri commerciali e riaprire le fabbriche. Ossia vogliamo far funzionare l’industria, l’agricoltura, l’occupazione. Diciamo sì alla modernità, ma no al consumismo di bassa lega, all’incultura al rincoglionimento!
– Siamo per gli spiriti liberi, ma ne abbiamo le tasche piene di politici che lasciano circolare droghe pericolose come i cianuri di Rosia Montana [4]!
– Non vogliamo più miseria, una vita al limite della sussistenza, corruzione, fondi pubblici mal gestiti, appalti truccati, unioni politiche assurde (PSD + PNL ?? PD + UNPR?). Vogliamo vivere in pace con le altre etnie del paese, ma non vogliono vendere il nostro onore e i nostri diritti solo per sembrare “politicamente corretti”. Vogliamo una classe politica vera, e siamo abbastanza forti per crearla.
La lista potrebbe andare avanti e continuerà. Fino ad allora, consigliamo senza alcuna arroganza agli “analisti” di studiare le cause, non solo gli effetti. Siamo stufi di “pompieri” che vengono a spegnere l’incendio dopo che le stoppie bruciano (principio applicabile in molte aree, dalla scuola, dalla salute, e perché no, fino alla legge anti-tifosi).

Tramite queste rivendicazioni, alcune più importanti, gli Ultras chiedono SENZA INDUGI la revisione della Legge 4 [5], promulgata con tanta leggerezza dal Presidente. È superficiale, dilettantesca e soprattutto anticostituzionale. Non colpisce solo noi, limita i diritti di tutti i Romeni. Ogni piccolo passo verso la limitazione dei diritti rappresenta un passo enorme verso la dittatura e le catene! LIBERTÀ
Questo testo è stato scritto ad hoc da un Ultras che allo stesso tempo è un ex studente, un giovane che vuole lavorare per il suo paese non per “altri”, figlio di una famiglia comune e vicino delle signore che nutrono i cani vagabondi. Rappresentante di un modo di pensare e di diverse categorie umane.
PACIFICI e APOLITICI di nuovo in Pizza dell’Università!!! Uomini con idee non con le Molotov”

[1] SMURD è l’acronimo di Serviciul Medical de Urgenţă, Reanimare şi Descarcerare (Servizio Medico di Pronto Soccorso, Rianimazione ed Estricazione), il servizio pubblico a rischio di privatizzazione con la nuova legge sostenuta dal presidente Băsescu.

[2] Alexandru Ioan Cuza (Bârlad, 20 marzo 1820 – Heidelberg, 15 maggio 1873), principe di Moldavia e Valacchia (1859-1861), poi principe di Romania (1861-1866), considerato il promotore della moderna Romania indipendente.

[3] Si tratta dell’accordo stipulato lo scorso settembre tra Bucarest e Washington (precedentemente rifiutato da Polonia e Repubblica Ceca) sul dispiegamento in Romania entro il 2015 dei missili americani previsti dal progetto Usa dello scudo antimissile su suolo europeo .

[4] Ci si riferisce al mercato legale delle cosiddette Smart drugs e al progetto della compagnia mineraria canadese Gold Corporation che intende sfruttare l’oro residuo presente nella miniera di Rosia Montana mediante l’uso di enormi quantità di cianuro. Qui qualche ragguaglio.

[5] Le recenti modificazioni apportate alla Legge 4/2008 relativa alla prevenzione e alla lotta contro la violenza durante le manifestazioni sportive sono duramente contestate dai supporter che le considerano in parte anticostituzionali (e non hanno tutti i torti, ma ne riparleremo).

ULTRAS, ROMANIA E PROTESTE

Dietro la fumea lasciata sulle strade di Bucarest dai lacrimogeni appaiono i profili di nuovi protagonisti dello scontro sociale nella Romania di inizio millennio: gli ultras. Dipinti da tutti i commentatori ufficiali come il peggior nemico in assoluto, relegati da tristi politicanti al confine dell’umanità tra i banditi, i selvaggi o le bestie, i supporter delle curve romene escono allo scoperto e spiegano, molto meglio di altri, le mille sfaccettature delle proteste. Certo, parlare di ultras come se si trattasse di una realtà omogenea è sbagliato, a me semplicemente interessa riportare le voci di chi è sceso in piazza prendendosi le randellate dei celerini e gli insulti del mainstream mediatico. Le loro sono testimonianze scritte o raccolte a volo, che non lasciano spazio a molti fronzoli stilistici e a vuota supponenza accademica. Si tratta di frammenti semplici e lucidi che contribuiscono a dipanare il groviglio di rabbia e frustrazione presente nella piazza e a fare il punto sullo stato della scalcinata nazione romena. Ho raccolto un po’ di materiale che può servire a capire meglio questa realtà. Iniziamo con la traduzione dell’intervista a S., un ultras della Dinamo, pubblicata sul sito Vice da di Flavia Constantin. Ho eliminato solo un paio di passaggi per rendere più scorrevole il testo.

Cosa ti infastidisce di più?

L’infelicità diffusa. Non possono essere più concreto, ci sarebbe troppo da dire.

Il 15 gennaio ti sei sentito ultras o teppista?

Il 15, a commettere gli atti di vandalici sono stati solo dei romeni che hanno agito in modo teppistico. Il vandalismo non è appartenuto strettamente agli ultras. Il teppismo si è diffuso tra tutti i rumeni che conoscono le loro rivendicazioni. Le panchine sul viale Bratianu non le abbiamo spaccate né noi, né quelli della Steaua, né quelli del Rapid, ma gente presa dall’adrenalina del momento. Forse ora più persone comprendono le nostre motivazioni.

Il vandalismo era necessario?

Potremmo classificarlo nella categoria del “male necessario.” Non basta avere opinioni. Qualcuno deve assumersi il ruolo dell’istigatore. E non è un termine con connotazioni negative.

Cioè la violenza legittima la protesta?

In nessun caso. Le rivendicazioni legittimano la protesta. La violenza è solo un altro modo di comunicare, quando gli altri mezzi sono stati ignorati o non hanno avuto successo.

Pensi che tutte le persone coinvolte abbiano le stesse rivendicazioni?

No. Purtroppo molti non sanno nemmeno perché sono lì. Bisognerebbe precisare … penso che sia una cosa molta delicata.

Beh, lo è ​​…

 Ero lì perché mi sento preso per il culo da quelli che ho eletto. Ci sono stato perché ho visto che non sono l’unico che si sente in questo modo. Quindi, forse, non sono io il pazzo.

Pazzi o no, le persone hanno reagito insieme. Quella notte non c’erano solo sostenitori della Dinamo, Steaua e Rapid.

No, assolutamente. Questa è stata la cosa più bella. Eravamo tutti assieme. Disillusi e illusi oltre misura. Anche dalle proprie scelte.

Non sei furioso perché le tue aspettative sono state disattese? È come alla partita quando insulti la squadra del cuore, no?

I colpevoli, non la squadra. Li insulto quando vedo che non danno il meglio di sé nel compito che hanno giurato di affrontare nel modo migliore, spero che abbia un senso. L’avversione è contro chi ha dimenticato che sta alla guida la Romania per servire gli interessi di tutti i rumeni. Una vecchia avversione … Arafat [1] è stato solo una scintilla che non sembrava non dovesse più apparire…

Arafat è un eroe anche per gli ultras?

Non è un eroe, è un uomo che ha saputo presentare il suo disappunto per attirare l’attenzione della gente.

Qual è stata la scintilla il 15 notte? Chi ha lanciato il primo petardo?

È stato incredibile. È vero la scintilla siamo stati noi ultras. Abbiamo portato l’atmosfera degli stadi in strada. Con tutta l’adrenalina.

E la miccia?

La mancanza di risposte corrette agli eventi del giorno precedente, le distorsioni dei media che presentavano i celerini come vittime e non come aggressori, i vari discorsi delle “personalità” politiche. Oppure il primo ministro Boc che visita all’ospedale Floreasca un celerino ricoverato durante la notte per motivi non specificati, bloccando l’ingresso in ospedale per la gente che veniva da casa con il cibo per i parenti ricoverati.

Cosa è venuto prima, i lacrimogeni o i roghi, la celere o gli ultras?

I lacrimogeni. Noi abbiamo sfruttato lo spazio con i roghi. Ma non abbiamo appiccato il fuoco per difenderci, lo scopo è stato lo stesso dei lacrimogeni, cioè intimidire i gendarmi.
[…]

Pensi che le proteste avrebbero avuto una eco senza violenza, senza lo spettacolo?

No. Molto probabilmente, senza la violenza tutto si sarebbe limitato agli slogan gridati da quelli che stavano sul marciapiede ed ignorati da chi siede al potere. La circolazione del traffico era normale in un momento anomalo. Il traffico doveva essere bloccato su Boulevard Magheru. La gente voleva uscire in strada, non camminare sui marciapiedi. Si doveva capire che la folla aveva il controllo. È stato incredibile vedere lanciare delle pietre da gente che non ne aveva mai presa in mano una. In quel momento comprendi che non hai nulla da perdere, che sei già nella merda.

Come ha replicato la stampa?

So che è stato picchiato anche un giornalista. Gli ultras l’hanno aiutato. Bisogna cooperare con i media, per influenzarli e cambiare qualcosa. Ma anche la stampa, come la politica, va distrutta e poi ricostruita.

Prossimamente, si farà ancora qualcosa?

Fare qualcosa? Noi facciamo tutto il possibile.

Note:
[1] Raed Arafat è un medico di origine siriana che ha creato da zero il sistema pubblico del servizio ambulanze in Romania. Nominato sottosegretario alla Sanità nel 2007, all’inizio di gennaio si è opposto al diktat presidenziale sulla privatizzazione totale della sanità rassegnando le dimissioni e riscuotendo una vasta solidarietà da parte di migliaia di persone scese in piazza a suo sostegno.

Bucarest brucia?

Tra tutti i commenti sugli scontri di Bucarest io ho scelto (e tradotto) una voce fresca recuperata dal Blog di Vlad Ursulean. Per facilitarne la lettura ricordo semplicemente che, purtroppo, Basescu è il presidente in carica della Romania e che Arafat non è Yasser, ma Raed, il medico di origine palestinese che ha messo a punto il sistema del servizio ambulanze in Romania e che si è opposto al diktat presidenziale per la privatizzazione totale della sanità. I luoghi citati invece si trovano tutti nel centro di Bucarest. Buona lettura.

I giovani addormentati lanciano pietre. “Siamo incazzati neri”
di Vlad Ursulean

Chi sono i teppisti, chi sono i bastardi, chi ha devastato il centro di Bucarest? Ieri sera mi sono ritrovato in mezzo agli scontri di strada, ho evitato sassaiole, ho ingoiato una tanica di lacrimogeni, sono fuggito dai celerini, stavo per essere linciato da alcuni concittadini. E ho scoperto con stupore la risposta: è proprio la “generazione addormentata”, i giovani apatici, quelli che bazzicano per i pub e salvano il mondo con un like. Questa volta l’hanno salvato agitando i pugni verso i celerini, innalzando barricate e lanciando sampietrini.

Suona strano, dopo aver sentito su tutte le tv che si tratta solo di teppisti, di ultras, messi lì da chissà chi cazzo per rovinare la bellezza di una protesta pacifica. I primi scontri sono stati davvero provocati da un gruppo del genere. Poi i celerini hanno caricato spingendolo verso Piazza Unirii. Ed è accaduto qualcosa di bizzarro.

Alle 9.30, in Piazza dell’Università una voce si rincorre. Pare che in Piazza Unirii ci siano i veri casini, là ci si legna con i celerini. Non ne avevo molta voglia, mi sembrava una protesta ultra-stracca e manovrata, ma qualcosa mi ha spinto fin là. E non ero solo.

Un sacco di gruppetti si staccano dalla massa che grida Abbasso Basescu, passano per il sottopassaggio e confluiscono in un torrente di persone alimentato da tutte le stradine del centro storico. Dallo slargo della lupa capitolina non si può passare, c’è un cordone di celerini. Un tipo se ne sta di fronte a loro e sbraita verso quei caschi: “Aho, io non sarei qui se avessi di che nutrire mia figlia!” Facciamo il giro per altri vicoli, dove è pieno di agenti della polizia locale molto rilassati, alla fine troviamo una breccia solo alla locanda Hanul di Manuc.

“Che cazzo?!”
Quando arrivo in Piazza Unirii resto paralizzato e mi viene la pelle d’oca. In mezzo alla strada ci sono due grandi roghi, più lontano si alza una colonna di fumo, verso il mcdonalds, si sentono dei botti come durante un bombardamento e, ooh, urla terribili …

Una squadra di celerini vestiti da tartarughe ninja mi passa vicino di corsa. Uno grida alla radio di adottare nonsoche posizione di lotta di fronte a H & M … Aho, sei pazzo? A Bucarest? Avevo visto cose del genere a Londra, ma qui? “Che cazzo?!” Grida uno dal marciapiede, rispecchiando i miei pensieri.

Mi metto a seguire di corsa i gendarmi, passiamo vicino al secondo rogo, qui fanno una piccola deviazione per affibbiare un po’ di mazzate a quelli che attraversavano la strada, poi si uniscono a un’altra squadra e bloccano la strada di fronte al centro commerciale Unirea. Partono verso il parco Tineretului battendo i manganelli sugli scudi. Fuori dal sottopassaggio li accolgono le pietre. Alcuni ragazzi con sciarpe sul volto escono da dietro un palazzo e li bombardano.

Rispondono con due colpi di lacrimogeni e con dei fuochi d’artificio che gettano scintille dappertutto, spettacolare, come a capodanno. Allora questi erano i botti, penso sollevato, ma non faccio a tempo a finire il ragionamento che devo ficcarmi dietro una macchina per non prendermi una nuova ondata di pietre.

“Siamo incazzati neri!”
I celerini si ritirano. A cento metri, davanti alla millenium bank, alcuni ragazzi devastano la fermata dell’autobus. Spaccano tutti i vetri con delle grosse mazze. Se li incontrassi per strada ti verrebbe da da chiedergli ripetizioni di matematica. Occhiali, capelli ben pettinati, dolcevita vintage, abiti da sfoggiare per le feste.

Inseguiti da tutti gli angoli della piazza approfittano del ritiro dei celerini e si raccolgono all’incrocio del mcdonalds. Scacciano a sassate anche l’ultima camionetta dei celerini, poi esplodono in ovazioni che durano diversi minuti. Arafat! Libertà! Via i bastardi! Sembrano ipnotizzati, camminano sorridendo, come a Capodanno.

Saranno circa 300 persone. Hipster, quelli dell’arcobaleno, loschi metallari, la gente variegata che di solito si può vedere in Lipscani. Sono il pubblico target delle grandi aziende, i consumatori ideali. Ora però non consumano più, distruggono. “Siamo incazzati neri!” grida uno quando la folla se ne ritorna verso l’Università, facendo scorta di sampietrini.



“Basta foto, piglia un sasso!”

Dalle case lì intorno entra nella folla anche una schiera di squatters, rabbiosi perché le hanno prese dalle guardie mentre se ne andavano tranquilli per strada. Li hanno presi per zingari… In prima linea ci stanno i tanto vituperati ultras, a prima vista una decina di persone. Non li si riconosce dai vestiti, anch’io indosso giubbotto, cuffia nera e sciarpa fino al naso per difendermi dai lacrimogeni. Si vede però che sono meglio organizzati, sanno come si muovono i celerini, sono i soli che hanno esperienza di scontri.

All’incrocio con via Coltea ci imbattiamo nei celerini. Si confrontavano con alcune persone, quando hanno visto la folla si sono ritirati verso l’ospedale. Hanno creato un cordone lungo tutta la strada e ci accolgono con due lanci di lacrimogeni e dei fuochi d’artificio spettacolari. I giovani replicano a sassate e cominciano a costruire barricate. Le recinzioni tra le corsie del viale si riempiono una ad una di gruppetti di ragazzi che le sconquassano fino a farle cadere, per poi gettarle su barricate simili a una diga di castori.


“Sti ignoranti ci hanno mandato contro i celerini”

Quelli rimasti più indietro trovano altre attività ricreative. Un tizio scrive con lo spray nero un LIBERTÀ lungo quanto la strada. Una ragazza con borsa a bisaccia “Hello Kitty” a stento trattiene le lacrime quando dice al suo ragazzo: “Questo non se ne va, oh, qualsiasi cosa si faccia!” Dietro di loro, un tizio vestito elegantemente, con un sacchetto in mano, solleva una pietra spigolosa e la accarezza nel suo palmo, ne verifica la tessitura, come fosse un oggetto extraterrestre. Altri giovani discutono di politica. “‘Sti qui non c’hanno manco un po’ di cultura, ‘sti ignoranti c’hanno mandato contro i celerini!” Assomigliano proprio agli studenti che qualche tempo fa hanno occupato la Facoltà di storia. Tutti calpestiamo un tappeto di scatarrate cui abbiamo contribuito diligentemente ogni volta che abbiamo ricevuto in regalo dei gas lacrimogeni.

È facile dire la colpa è dei supporter, in realtà i manifestanti erano molto diversi. Sia quelli che agitavano striscioni, sia quelli che lanciavano pietre. Presso la statua dell’Università c’era un gruppo frichettoni con un pezzo di cartone su cui c’era disegnato solo un grande cuore. In piazza Rosetti un gruppo di supporter spaccava i vetri di una Dacia del Ministero degli Interni, e dieci metri più in là degli hipster occhialuti e anticapitalisti fermavano le macchine e urlavano: “Dove andate? Scendete a protestare! ”

Forse sono stati tutti provocati e manipolati. Ma sulle strade si diffondeva la loro rabbia, vera come il gas dei lacrimogeni. Rabbia per i corrotti, gli incompetenti, per un sistema che li maltratta e li caccia dal loro paese. Questa rabbia non era fasulla. E la gente imparava a rilanciare i lacrimogeni contro i celerini con la stessa naturalezza con cui si impara a giocare a Farmville.

“Ehi, stronzi, lasciate stare i giornalisti!”

Indietro a Via Coltei, la situazione diviene disperata. I manifestanti hanno resistito a numerosi assalti, ma ora i celerini si avvicinano anche dall’altra parte, da piazza Unirii. “Ci prenderanno, oh, nel mezzo, come delle minchie!” grida un tizio sfigurato dalla disperazione. Tutto diventa più brutale. Si sfasciano cartelloni pubblicitari. La fermata presso Sfantul Gheorghe è fatta a pezzi. Con bastoni, pietre, ferri raccolti da terra. Uno è salito su un’edicola e scardina una telecamera di sorveglianza, poi la sfascia in tripudi. Gli slogan diventano più radicali. “Facciamo il culo anche a quelli delle tv, che fanno milioni sulle nostre spalle!”

Improvvisamente, un tizio si accorge che ho una videocamera in mano e un’altra sulla testa e che ho filmato tutto. Si precipita verso di me e gli altri lo seguono. “Ehi, sono giornalista!” riesco a dire prima che questi si piantino sul mio petto, spintoni, uno afferra la videocamera, gliela riprendo, gli do uno strattone e faccio un salto indietro, poi appaiono altre persone che mi difendono – “Ooh, stronzi, lasciate stare i giornalisti!”

“Far piangere mia mamma? Che pianga la tua, ahoo!”

Auguro un felice anno nuovo ai miei salvatori e me la svigno per le stradine, aggirando i celerini che avanzano battendo le mazze sugli scudi. È il momento perfetto per la ritirata, perché questa volta li caricheranno per bene. Il ministro degli Interni ha approntato un’unità di crisi, si inviano rinforzi, le truppe speciali di pronto intervento si infiltrano nel centro.

Di fronte al Circolo Militare, in un androne accanto a Pizza Hut, decine di giovani circondati dalle forze speciali stanno rannicchiati . Nessuno si muove, sembrano dieci polli congelati. Uno degli agenti urla agitando il manganello: “A me lanci pietre, eh? Per far piangere mia mamma? Che pianga la tua, ahoo! “Quando vede la mia telecamera si precipita verso di me con il manganello. Gli ficco sotto gli occhi la tessera di giornalista e si rilassa un po’, abbassa il manganello e mi spinge via con la bici e tutto il resto.

Gustave Le Bon in azione

Entro in un bar del centro storico, dove si sono radunati molti giornalisti per discutere su che cazzo sia successo. Al nostro tavolo sta anche uno di quelli che la TV aveva descritto come un ultras. “Che macello, amico! ! Gustave Le Bon in azione” Ingoia un sorso di birra e aggiunge sorridendo: “Oh ma quanto costerà uno spot per detersivi nel prime time della rivoluzione”?

All’una e mezza me ne torno a casa. Viale Brătianu è uno specchio, la nettezza urbana lavora da fare invidia al servizio ambulanze, ti accorgi appena che è accaduto qualcosa. Sembra che il vento abbia soffiato un po’ troppo forte.

Le puttane sono al loro posto sui viali, passando accanto a loro, mi ricordo divertito della frase che questa notte mi ha levato più volte dai guai: “faccio solo il mio dovere!”

Le foto e l’articolo Tinerii adormiți aruncă cu pietre. “We are fucking angry!” sono di Vlad Ursuleanu la traduzione è mia.

Guardando verso Est -2




 

Prendi gli occhi di un giapponese e guarda verso Est. C’è la Serbia con Mitrovica, il Delta del Danubio con i pescatori lipoveni. Vi trovi la guerra in Nagorno-Karabakh e la miseria dell’Armenia.   Vai in Crimea tra i cosacchi – nonna Nilde mi raccontò di questi guerrieri arrivati in Friuli durante la guerra: uomini-albero, selvatici e, in quanto alberi, tutti d’un pezzo. Vi trovi gli Yagnobi nelle montagne del Tagikistan, ma anche i tossici ucraini con l’aids, i tuffi gelati per la Kreshenie (Epifania), i conflitti in Kyrgyzstan , la città di Samara, l’acciaio dei kombinat che,  come la storia dell’ex impero sovietico, cola  in un fiume incandescente di vita e morte. Gli occhi e le foto sono quelli di Ikuru Kuwajima.

(colonna sonora: Blood Axis – Born Again)

Kyrgyzstan

 

 


ottobre: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,859 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.