Posts Tagged 'Russia'

Pizduţe răzvrătite

Despre povestea cu Pussy Riot m-au surprins câteva lucruri. În primul rând: cazul a fost discutat foarte mult în mass-media din România, de obicei destul de neatent la știri din străinătate. Este adevărat, trimiterile la povestea respectivă s-au limitat la un fel de directive de partid din care ieșeau la iveală mai mult aplauze de admirație pentru apărătorii din Occident ai fetelor agitate din Rusia (Red Hot Chili Peppers, Sting, Madonna, etc.) decât pentru faptele lor. Totuşi mi se pare ceva ciudat: România este o țară preponderent ortodoxă și dacă mâine, în plină zi,o trupă mai mult sau mai puțin punkistă va întra într-o biserică în centrul Bucureștiului, declarând ca Duhul Sfânt este căcat şi Patriarhul Daniil este o curvă, cred că nu s-ar bucura nici de simpatia voalată a presei, nici de îngăduința judecătorilor. E adevărat, poate că n-ar primi doi ani de închisoare pentru că au sărit ca maimuțele în faţa unui iconostas, dar dacă ar găsi judecătorul potrivit și avocatul greșit, un anişor cu suspendare l-ar incasa sigur. La urma urmei Art. 321 al codului penal ne spune că ”Fapta persoanei care, în public, săvârşeşte acte sau gesturi, proferează cuvinte ori expresii, sau se dedă la orice alte manifestări prin care se aduce atingere bunelor moravuri sau se produce scandal public ori se tulbură, în alt mod, liniştea şi ordinea publică, se pedepseşte cu închisoare de la unu la 5 ani”. Şi până la 7 dacă s-au tulburat grav liniştea şi ordinea publică.
Veţi spune, ei bine, dar libertatea de exprimare este sfântă și nimeni nu își poate permite să-o limiteze. Da, în esenţă, pot fi de acord, dar în lumea reală aplicabilitatea acestui principiu depinde de variabile complet decuplate de la idea de libertate. Un exemplu concret: dacă în Germania, o formaţie de skinheads RAC ar intra într-o sinagogă să cânte cea mai romantică dintre piesele ei, în ziare de a doua zi dușmanii libertății ar fi tot băieții cu Dr. Martens si Madonna nu le-ar trimite o scrisoare de dragoste. Şi atunci, de ce o atenție atât mare în mass-media din România pentru un ”spectacol” prost care, dacă ar fi avut loc la București, n-ar fi primit aplauze de la nimeni? Desigur, nu cred că Marele Arhitect al Universului a sunat-o pe Andreea Esca sau pe Cristian Tudor Popescu poruncindu-le să publice zeci de știri dedicate pizduţelor ruse. Cred însă că în presă şi în așa-zisul mediu intelectual există o dorință amețitoare de a se conforma, o adevărată excitare pentru a înghiți direcțiile dictate de mainstreamul corect politic, fără a analiza substanța și impactul acestora asupra comunității locale. Dacă povestea ar privi libertatea individului, nu s-ar înțelege de ce presa românească a reprodus ca un portavoce nebun zeci de articole preluate din agențiilor de presă străine despre pățaniile juridice ale pizduţelor ruse și închide intenționat ochii în fața Codului Penal Român, care, printre ”perle” lui, conține un act liberticid precum Legea 4/2008 privind evenimentele sportive, sau mai exact, gândită împotriva fanilor. Numai două exemple: art. 32 pedepsește pătrunderea sau încercarea de a pătrunde pe suprafața de joc cu închisoare de la șase luni la un an! Dacă te destrăbălezi în biserică este libertatea de exprimare, dacă intri pe teren este huliganism? Chiar mai grăitor este articolul 35, care pedepsește introducerea oricărui articol pirotehnic, indiferent de categorie, în incinta arenei sportive, cu închisoare de la 2 ani la 5 ani (în cazul în care nu este clar: pentru o torţă, poţi să mergi la bulău, fără a trece prin start, numai că jocul e pe bune). Şi atunci ne mai întrebam: la ce e bun acest circ mediatic? Despre ce justiţie vorbim? Despre libertatea cui?

À la guerre comme à la guerre

À la guerre comme à la guerre[1]

I tipi di Voina sono passati da Bucarest, dove hanno presentato la loro azione itinerante Voina Wanted per sostenere la causa di due membri del gruppo da tempo passati alla macchia in Russia. Voina significa “Guerra” e per Oleg Vorotnikov e Natalia Sokol la guerra è cominciata nel 2005. Più tardi si sono uniti a loro Alexei Plutser-Sarno e Leonid Nikolaev e una schiera di accoliti più o meno anonimi. L’ideologia del gruppo secondo Plutser-Sarno “è una complessa miscela di punk, anarchia e strafottenza. Di fatto all’infuori della rivoluzione, ce ne sbattiamo di tutto”. Due anni fa Vorotnikov e i suoi disegnarono sull’asfalto del ponte Liteinyi di San Pietroburgo un cazzo alto 65 metri e largo 27. L’enorme pene si rizzò in verticale di notte, quando il ponte si aprì per consentire il passaggio delle navi sul fiume Neva. Davanti ad esso il palazzo dei servizi di sicurezza, mai coincidenza fu più chiara, se ne parlò in mezzo mondo. Nel 2007 i soldati di Voina faranno irruzione in un Mc Donald’s della capitale lanciando gatti contro i dipendenti dell’odiata multinazionale, i felini e i clienti non gradirono. Un anno dopo “celebreranno” l’elezione di Medvedev (“orsacchiotto” in russo) con un’orgia collettiva nel Museo Statale di Biologia di Mosca. Come dire: possiamo anche fotterci da soli. Sulla facciata del parlamento russo, una notte, i guerrieri ci proiettano un gigantesco Jolly Roger verde. Bello spettacolo.

Gogliardia, provocazioni, un po’ di cattivo gusto, ma non solo. In “Colpo di palazzo” quelli di Voina decidono di ribaltare sette macchine della polizia nel centro di San Pietroburgo, mal gliene colse. Oleg e Leonid sono arrestati e le accuse sono pesanti, rischiano sette anni di gattabuia. A pagare la cauzione è Banksy, l’artista “fantasma” delle strade di Londra: 120.000 dollari, 20.000 per uscire di galera e 100.000 per tirare a campare (secondo Alexei Plutser-Sarno invece questa somma è stata utilizzata per aiutare altri non ben identificati prigionieri politici). Per festeggiare il capodanno qualcuno del gruppo organizza Mento-Auto-Da-Fé, ossia dà fuoco a un cellulare della polizia. Per loro è arte: “Tra arte e provocazione non esistono né confini, né altri tipi di interazione. Si trovano su piani diversi, in mondi che non si incrociano mai. Voina agisce nell’ambito di un’arte eroica, monumentale, superiore. E proprio perché le leggi attuali sono talmente cretine che le autorità considerano i nostri capolavori illegali” spiega un po’ delirando Plutser-Sarno, l’ideologo del gruppo, che poi, utilizzando una metafora tolkeniana, puntualizza: “noi partiamo dalla premessa che le proteste in Russia, ne siamo convinti, non possono svolgersi in modo pacifico, perché al potere ci stanno degli orribili mostri, orchi di Mordor e mutanti di Gollum. E gli orchi di Mordor non cederanno mai il potere attraverso i negoziati, bisogna picchiarli, bisogna prenderli a calci…” Sabato scorso parte del gruppo artistico russo è atterrato a Bucarest per promuovere la campagna Wanted Voina, cioè per appendere in diversi punti della città un telone che raffigura la faccia del latitane Oleg dietro le sbarre. Il primo tentativo avviene al museo di arte contemporanea di Bucarest (che è all’interno del Parlamento!), ma Casa Poporului è così grande che ti ci vorrebbe un telescopio per capire che quel lenzuolo bianco e nero è una opera d’arte, anzi è la guerra. Meglio allora stendere Oleg a terra, ma a questo punto arriva una cane randagio che ci si addormenta sopra. Sonnecchia come i gendarmi che stanno attorno al Parlamento.

La guerra è rimandata alla sera, sul fronte del festival del film documentario One World Romania. Qui i ribelli russi mostrano un filmetto autocelbrativo di scarsa qualità dedicato alle loro azioni e alle loro persecuzioni. Ad un certo punto sullo schermo si vede il figlio di Oleg Vorotnikov e Natalia Sokol, Kasper, due anni. Sta in braccio a un poliziotto mentre i genitori vengono fermati dalle forze dell’ordine. Come nelle peggiori pellicole di propaganda, sui sottotitoli si legge: “Kasper, manifestante di due anni, è arrestato dalla polizia”. In sala la scena è commentata ad alta voce da un ragazzo che sbraita: “Siete dei vigliacchi! Usare un bambino in una manifestazione che può trasformarsi in violenza, usarlo come scudo, vigliacchi”. I soldatini russi non ci stanno e replicano “Il vigliacco sei tu, vieni qui sul palco a dire queste cose…” Detto e fatto, solo che appena il contestatore dei contestatori mette il piede sulla scena si prende due ceffoni da Alexei Plutser-Sarno, l’intellettuale del gruppo – capirai. Ne segue un accenno di rissa a malapena sedata dagli organizzatori. Imbarazzo, stupore, ma niente scuse. Su Hot News, Vlad Mixich si domanda, non senza ragione, se le sberle assestate all’ignaro spettatore facciano parte del geniale programma artistico del gruppo Voina. Morale: se vuoi fare la guerra, falla, ma poi non piangerti addosso e soprattutto lascia dalla nonna i bambini.

[1] la foto di Bucarest l’ho presa dal blog del signor Ursulean; mentre le citazioni dei rappresentanti di Voina dall’articolo di Vasile Ernu apparso su Critic Atac


agosto: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,544 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Bypass di Fier e Valona: Governo riaprirà appalti entro settembre di quest'anno 22 agosto, 2017
    Tirana - Dopo lo scioglimento del contratto con la società che doveva costruire il bypass di Valona e quello di Fier nel mese di aprile, pare che il Governo sia pronto a riaprire gli appalti per la costruzione di questi segmenti. Secondo la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), la quale ha finanziato i progetti originali, il rilancio dei l […]
  • Mandija introduce il report sulle elezioni ai funzionari internazionali 22 agosto, 2017
    Tirana - Il Vice Premier, Ledina Mandija, ha realizzato una riunione con i rappresentanti dell'ufficio dell'Unione Europea in Albania, l'ufficio del Consiglio d'Europa e l'OSCE. Durante l'incontro, il vice Premier al termine del mandato della Task-Forze ha consegnato personalmente ai partner internazionali il materiale conclusiv […]
  • Opificio dei fili, rimossa concessione, Ministero: Si sta ammortizzando, azienda turca non ha rispettato contratto 22 agosto, 2017
    Tirana - Il Governo ha avviato le procedure per lo scioglimento del contratto di concessione dell'Opificio dei Fili e dei Cavi di Scutari. Dal 2004 questo impianto è stato dato in concessione alla società turca "Yilmaz kabllo", la quale, secondo il Ministero dell'Energia non è riuscita a realizzare i parametri del contratto e non ha inves […]
  • Lanciata offerta su industria del rame, Ministero: Concessioni a lungo termine, investimento di 119 mln di $ 22 agosto, 2017
    Tirana - Il Governo ha messo in offerta l'intera industria della trasformazione e produzione del rame, alla ricerca di investitori esteri o nazionali.  Dal mese di maggio di quest'anno, il Ministero dell'Energia e dell'Industria ha reso pubblica un'offerta tecnico-commerciale per la fornitura di strutture minerarie libere e l'el […]
  • Knezevic: Dietro all'attacco contro di me vi è un uomo d'affari dall'Azerbaigian 22 agosto, 2017
    Podgorica - Il presidente dell'Atlas Banka, Dusko Knezavic, ha dichiarato che dietro alle pressioni su di lui e la causa presentata da parte della società Kaspia Property Holdings Limited proveniente dagli Emirati Arabi Uniti (EAU) vi sono i tentativi del proprietario di un gruppo aziendale dall'Azerbaijan, ha riferito lunedì 21 agosto, il portale […]