Posts Tagged 'TIMISOARA'

NOMEN OMEN

Ieri am aflat că un grup de profesori universitari se opune la numirii unei străzi din centru (actualmente anonimă) după PetreŢuţea. Argumentele formulate de contestatari sunt două: Tuţea nu are nici o relație biografică cu orașul Timișoara și, mai ales, a colaborat în diferite ipostaze cu Mișcarea Legionară. Protestul începe bine spunând: “Considerăm că numirea unei străzi este unul din gesturile simbolice importante ale unei localități având un rol de identificare și construcție identitară. Imaginea de ansamblu a numelor străzilor orașului formează împreună cu denumirile instituțiilor publice, cu monumentele și celelalte obiecte urbane o configurație fizică, concretă a valorilor noastre”. Mi se pare corect, dar nu înțeleg însă de ce grija lor pentru toponomastica orașului nu s-a concentrat până acum pe cazuri destul de absurde.Fiind un mare călător urban, de mai multe ori m-am întrebat de ce în Timișoara există Strada BUSUIOC? Poate se referă la ”renumita” vedetă locală? Şi Strada ROZMARINULUI? Strada CAPREI ce reprezintă? O sinecdocă a vecinului? Strada SACULUI are sau nu are mâța prinsă? Strada PALMIERILOR, am înțeles-o! Este evident o prevestire. Strada PELICANULUI şi Strada DROPIEI, se referă la orătănii banatensis? FELIX din strada respectivă este motan? Şi Strada VERDE? Strada SECERII a pierdut ciocanul? Să nu pomenim de Strada SEPIA sau de Strada TIGRULUI. Şi de ce nu au observat că marele tenor Enrico Caruso pe tăblițele agățate de ziduri a pierdut prenumele lui și, prin compensare, a primit un s în plus,devenind Carusso! Sau cum prenumele lui Machiavelli devine Nicola.Rezultă evident că între un pelican și un tigru, la umbra unor palmieri sau mirosind niște rozmarin prin greșeli ortografice,Petre Ţuţea nu ar strica prea mult identitatea rutieră a capitalei Banatului. Rămâne cealaltă obiecție, adică: Petre Țuțea este un simbol legat de o viziune politică nedemocratică, deci nu poate să aibă o stradă a lui. Şi în acest caz faptele destructurează axioma profesorilor: orașul Timișoara de ani buni găzduiește Piața Mircea Eliade, Strada Emil Cioran, Strada Constantin Noica, Strada Ion Barbu etc., în alte cuvinte intelectuali, nu chiar bănățeni,care în mod diferit au flirtat cu Arhanghelul Mihail, și nimeni a simțit lezată identitatea orașului. Dar există cazuri încă mai frapante. Străzile doctor Paulescu, Ion Slavici, Octavian Goga, B.P.Hașdeu țin vie amintirea unor minți strălucite, care totuși de mai multe ori au polemizat virulent cu minoritățile tării. Oare ar trebuit să ștergem prezența lor din nomenclatorul stradal al urbei? Strada Tristan Tzara, se află undeva spre Calea Aradului, desigur prezența ei pe hartă e justificată prin opera lui artistică, și nu prin osanalele aduse regimului comunist din România din partea tătucului Dadaismului. Plimbându-ne prin centru putem să admirăm Strada Maximilian (scris chiar asa!) Robespierre, un adevărat democratic care în numele libertății a justificat măcelul a mii de persoane. Cinstit toponomastic a fost și Edvard Beneš,cel de-al doilea președinte al Cehoslovaciei, care în 1945 a ordonat expulzarea și confiscarea tuturor averilor a 2,4 milioane de nemți foști cetățeni cehoslovaci. O ”curățare” care s-a terminat cu cel puțin 30.000 de morți (unele surse vorbesc chiar de 200.000 de victime). Din păcate pentru ei erau nemți și moartea lor nu valorează ca moartea altora. Presupun că toate aceste personalități s-au stabilit pe străzile noastre în virtutea unui proces de decantare care a evidențiat aspectele din gândirea lor în consonanță cu sensibilitatea unei părți consistente a populației(recunosc că în cazul lui Beneš nu prea focalizez această legătură, dar poate este o limită personală). Cazul Străzii Petre Țuțea ar constitui un caz diferit? Nu prea cred. Am impresia că multă lume îl îndrăgește pe Țuțea pentru imaginea lui din anii 90, pentru stilul lui direct și informal de a trata temele grele și fundamentale. Un spirit liber, senin și fără resentimente. Prin interviurile lui lumea a început să recupereze și să reevalueze o perioadă importantă și complexă a istoriei.Probabil din aceste considerente numele lui apare liniștit pe străzile sau instituții din București, Iași, Cluj Napoca, Brașov,Brăila etc. La Timișoara ar fi interesant să se ceară cetățenilor să exprime direct opinia lor despre cazul Țuțea, și, în general,despre gestionarea nomenclatorului orașului. Ar fi o ocazie pentru a întări conștiința comună a orașului, dincolo de elitismul și cenzurile mai mult sau mai puțin academici.Immagine

Annunci

SFORTUNATO IL PAESE CHE NON HA EROI

Timișoara 17 dicembre 1989:

1. Andrei Maria, 25 anni, casalinga, sul Ponte  Decebal. Bruciata al crematorio.

2. Aparaschivei Valentin, 48 anni, autista, Calea Girocului.

3. Apro Mihai, 31 anni,  carpentiere, Calea Girocului. Bruciato al crematorio.

4. Avram Ioan Vasile, 40 anni, responsabile del controllo qualità, Opera.

5. Balmuș Vasile, 26 anni, operaio, Cattedrale. Bruciato al crematorio.

6. Balogh Pavel, 69 anni, pensionato, Str. Transilvaniei angolo con Str. Reșita. Bruciato al crematorio

7. Bărbat Lepa, 43 anni, contabile, Piazza  Libertății. Bruciata al crematorio.

8. Banciu Leontina, 39 anni, operaia, sul Ponte Decebal. Bruciata al crematorio.

9. Belehuz Ioan, 41 anni, ferroviere, Str. 13 Decembrie. Bruciato al crematorio

10. Belici Radian, 25 anni, pompiere, Mercato 700. Bruciato al crematorio

11. Bonte Petru Ioan, 22 anni, operaio, Str. Transilvaniei. Identificato nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

12. Botoc Luminița, 14 anni, studente, Calea Lipovei. Identificata nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

13. Căceu Margareta, 40 anni, impiegata, Cattedrale. Bruciata al crematorio.

14. Căceu Mariana Silvia, 37 anni, impiegata, Cattedrale.

15. Carpin Danut, 29 anni, parchettista, Calea Aradului. Bruciato al crematorio

16. Chorosi Alexandru, 24 anni, operaio, presso l’Opera. Bruciato al crematorio

17. Ciobanu Constantin, 43 anni, operaio, Str. Transilvania (nel terrazzo dell’abitazione). Bruciato al crematorio

18. Cruceru Gheorghe, 25 anni, operaio, presso l’Opera. Bruciato al crematorio

19. Csizmarik Ladislau, 55 anni, professore di musica, Opera. Bruciato al crematorio

20. Ewinger Slobodanca, 21 anni, operaio, sul Ponte Decebal. Bruciata al crematorio.

21. Fecioru Lorent, 38 anni, operaio.

22. Ferkel-Suteu Alexandru, 43 anni, saldatore, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

23. Florian Antoniu Tiberiu, 20 anni, studente, Campus Universitario. Bruciato al crematorio

24. Girjoaba Dumitru Constantin, 24 anni, elettricista,  Cattedrale. Bruciato al crematorio

25. Grama Alexandru, 18 anni, operaio, Calea Aradului.

26. Hațegan Petru, 47 anni, elettricista,  presso l’Opera. Bruciato al crematorio

27. Ion Maria, 57 anni, pensionata, Calea Girocului (in macchina). Il marito afferma che le spararono anche all’ospedale.

28. Iosub Constantin, 17 anni, studente, Cattedrale. Bruciato al crematorio

29. Iotcovici Gheorghe Nutu, 25 anni, tornitore, Opera. Bruciato al crematorio

30. Istvan Andrei, 42 anni, operaio, Cattedrale.

31. Juganaru Dumitru, 37 anni, mosaicista, Calea Girocului.

32. Lăcătuș Nicolae, 28 anni, operaio, Piazza  Traian. Bruciato al crematorio

33. Luca Rodica, 30 anni, impiegata, Calea Girocului. Bruciata al crematorio.

34. Lungu Cristina, 2 anni, Calea Girocului.

35. Mardare Adrian, 20 anni, operaio.

36. Mariș Ștefan, 40 anni, meccanico, Calea Girocului.

37. Miron Ioan, 58 anni, pensionato, Calea Lipovei. Bruciato al crematorio

38. Motohon Silviu, 35 anni, aiutante artigiano, Str. Ialomita. Bruciato al crematorio

39. Munteanu Nicolae Ovidiu, 25 anni, studente, Campus universitario. Bruciato al crematorio

40. Nagy Eugen, 17 anni, studente, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

41. Opre Gogu, 30 anni, elettricista, Opera. Bruciato al crematorio

42. Osman Dumitru, 24 anni, barista, Opera. Bruciato al crematorio

43. Otelița Aurel, 34 anni, operaio, Calea Lipovei (nella propria abitazione). Bruciato al crematorio

44. Păduraru Vasile, 30 anni, operaio.

45. Pinzhoffer Georgeta, 35 anni, operaio, Calea Lipovei.

46. Popescu Rozalia Irma, 55 anni, pensionata, investita da un blindato presso il Ponte  Decebal.

47. Radu Constantin, 33 anni,  tornitore, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

48. Sava Angela Elena, 25 anni, operaio, Cattedrale. Bruciata al crematorio.

49. Sava Florica, 33 anni,  commessa, Piazza  Traian.

50. Simicin Nicolae, 32 anni, operaio, Calea Lipovei.

51. Sporer Rudolf Herman, 33 anni, imbianchino, Calea Lipovei. Bruciato al crematorio

52. Stanciu Ioan, 42 anni, operatore chimico, Cattedrale. Bruciato al crematorio

53. Tako Gabriela Monica, 10 anni, scolara, Bd. Republicii.

54. Tasala Remus Marian, 23 anni, attrezzista e stampatore, Piazza  700 (con una ferita superficiale alla fronte). Accompagnato da amici all’Ospedale Provinciale, fu ritrovato con  una ferita d’arma da fuoco all’ospedale.

55. Todorov Miroslav, 25 anni, operaio, Str. Vasile Alecsandri.

56. Țîntaru Teodor Octavian, 21 anni, elettricista,  Ponte Decebal.

57. Varcuș Ioan Claudiu, 15 anni, studente, Calea Girocului.

58. Wittman Petru. Bruciato al crematorio

59. Zabulica Constantin, 30 anni, operaio, Piazza  Stefan Furtuna. Bruciato al crematorio

60. Blindu Mircea. Fucilato presso la Stazione   Est dal  milite Atomii Radu.

61. Zornek Otto, 53 anni, imbianchino. Ufficialmente dichiarato disperso. Probabilmente  fu bruciato assieme agli altri al crematorio.

62. Pisek Stefan. Ufficialmente dichiarato disperso. Probabilmente  fu bruciato assieme agli altri al crematorio.

63-70. Certificati medici non ritirati (del gruppo delle persone cremate). 5 di questi certificati potrebbero appartenere agli individui bruciati al crematorio rimaste senza certificato medico (la loro morte è stata stabilita tramite testimonianze), ossia  Csizmarik Ladislau, Florian Antoniu Tiberiu, Ewinger Slobodanca, Ianos Paris, Radu Constantin.

Timișoara 18 dicembre 1989:

1. Ciopec Dumitru Marius, 20 anni, meccanico elettricista, Calea Girocului.

2. Ianoș Paris, 18 anni, disoccupato, Calea Girocului. Bruciato al crematorio

3. Leia Sorinel Dinel, 23 anni, operatore chimico, Cattedrale. Identificato nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

4. Mariutac Ioan, 20 anni, operaio, Cattedrale.  Identificato nel gennaio  1990 nella fossa comune  del Cimitero degli Eroi.

5. Nemțoc Vasile Marius, 19 anni, operaio, Cattedrale.

Timișoara 19 dicembre 1989:

1. Curic Veronica, 32 anni, casalinga, Mercato 1 Maggio (Iozefin).

2. Reiter Edita Irina, 39 anni, impiegata, Bd. Tinereții.
Immagine

Cititorilor în limba română recomand acest articol (care este și sursa mea iconografică pentru acest mic act de cinstire)

La macchina del tempo

La macchina del tempo l’hanno inventata a Torino, funziona benissimo e si chiama Memoro la  Banca della Memoria. Si tratta di un sito che raccoglie centinaia di video interviste a persone nate prima del 1940 che raccontano pezzi della loro (e dunque della nostra) vita… Questa splendida iniziativa è portata avanti da quattro giovani piemontesi (che Dio vi benedica!), ma chiunque può caricare filmati con brevi „racconti anziani”. La collezione di personaggi è stupenda: volti, voci, rughe di una bellezza incredibile, che ti fanno davvero riconciliare con il tuo Paese (anche in tempi di effetto papi). Una cosa del genere però in forma cartacea si era fatta anche qui a Timisoara. Il progetto era coordinato da Smaranda Vultur e ha raccolto le memorie delle varie componenti etniche della regione (tedeschi, serbi, slovacchi, ebrei, ungheresi, ma anche italiani, boemi ecc.). Dai racconti con le comunità tedesche (qui li chiamano „svevi”) ne uscì un libro bellissimo dedicato alle memorie dei deportati in Baragan (una sorta di pianura -steppa freddissima d’inverno e caldissima d’estate) Istorie trăită – istorie povestită. Deportarea în Bărăgan. (1951-1956). Sarebbe bello se Smaranda seguisse l’esempio italiano e mettesse a disposizione in rete i racconti raccolti. Per i lettori di Catrafuse ho preso a prestito dalla Banca della Memoria uno dei tanti esilaranti racconti di Giuseppe Picco alias Picu Pacu ( classe 1938) ex ladro più volte ospite delle carceri di Torino: un vero portento di vitalità.

Vodpod videos no longer available.

more about “Pico Pacu“, posted with vodpod

LA STRADA, IL KEBAB PROIBITO E L’IMAM SVENUTO

ceauseshaormaIeri l’altro  in Italia la  chiamavano legge anti-kebab.  Oggi, se ho capito bene,  si  palesa  come  delibera contro i tavolini. La vicenda  mi avrebbe  interessato  poco, se non che da questa uscita  legislativa insipida ne è scaturito, per fermentazione suppongo, un articolo  speziatissimo a firma di  Pietrangelo Buttafuoco, di cui riporto l’acuto di chiusura:
“Addio ai monti allora, e addio alle patate bollite, ai carciofi arrosto, alle lumache dette crastoni, al polpo bollito e salato, al pane coi ricci e, infine, addio al quarume. Trattasi di cartilagini, amorevolmente cucinate in mezzo al traffico. Trattasi di cose strane che riempiono la pancia, come il pane con la meuza, ossia quella milza che la regola di socialità – alla faccia della cucina molecolare – propone secondo due regole: schetta o maritata. Traduzione: signorina o coniugata. E perciò milza coniugata con pecorino, con ricotta e limone, o con nobile caciocavallo. Ragusano, va da sé”.  Se  l’acquolina è salita alla bocca il resto lo trovate qui. A  me  quell’anarchico al nero di seppia del Buttafuoco ha fatto, prima, vagheggiare un esilio in Sicilia,  e poi, sciogliere un groppo di idee su cibo,  strada,   città,  Romania e  Oriente. L’Oriente rappresentato attraverso l’Impero ottomano è pezzo essenziale della cucina romena, lo dimostra  l’origine turca  di tanto lessico gastronomico. Vado un po’ a caso: mezel, pastrama, patlagea, baclava, susan, caimac, halva, ciorba, iaurt, serbet, cafea, cascaval, ciulama, sarma, fistic, musaca, midie ecc. Persino l’alcolico rahiu ha origini osmaniche (a dimostrazione che il rapporto tra Islam e Turchia è più complesso di quanto si voglia credere). Tra le delizie etimologiche turche  non posso tacere su rahat che in romeno significa sia  “similgelatina dolcissima” sia, attraverso tagliente  ironia  metaforica, “merda”. La potenza della cucina turco-romena  l’ho identificata  parecchi anni fa a Bucarest nell’imam baialdi (credo che in turco si scriva bayildi): l’imam svenuto! Ero a casa di Sanda in  Strada Traian,  quando a tavola fece  il suo ingresso il beato imam: melanzane cotte al forno e farcite con  pomodori, cipolle e aglio saltati in padella, limone, origano, prezzemolo e un pizzico di cannella:  lo svenimento fu assicurato. imam Sanda ora  non c’è più, ma  la porta  verso l’Oriente gastronomico  non si è chiusa. A Bucarest per me la tiene  ben aperta Luminita. Con lei non discuto sull’origine turca della  musaca romena o della ciulama, mi limito a  ingollare queste delizie: sapete com’è Lumi di cognome fa Panait e le sue ataviche origini greche non gradirebbero cedere ai turchi nemmeno i nomi delle pietanze.  Bucarest   è  una capitale molto  kebabbata, ma  ciò che in Italia si chiama  kebab, o kebap  come si preferisce scrivere da queste parti, solitamente si vende sotto il nome di shaorma (le varianti ortografiche si sprecano), o molto più raramente lo si chiama alla greca gyros. Shaorma è la parola  araba (shawarma) che indica  il doner kebap cioè la carne marinata e  impilata  che gira come i famosi dervisci e poi,  tagliata a striscioline, viene impacchettata assieme a una salsetta all’aglio con  vegetali vari nella lipie, un  pane tondo che vagamente potrebbe ricordare la piadina. Kebap invece è il  termine con cui si indicano  vari tipi di carne serviti al piatto. In Romania la  shaorma  è arricchita – onore  al merito –  con  cavolo cappuccio crudo, ma,  ahi me,  in modo improvvido si è  ammesso nelle varianti più laide  l’uso del  ketchup e persino della maionese! Per quanto riguarda   le patatine  fritte,  che io ritenevo orribile innovazione  valacca, ebbene ho scoperto  che hanno fatto la loro apparizione all’interno del panetto cilindrico  parecchi anni or sono in Turchia, spaccando in due il mondo dei “doneristi”: da un lato gli innovatori , dall’altro i tradizionalisti (non serve che io dica da che parte mi schiero, vero?). Qui a Timisoara la shaorma è sicuramente  la  regina dei cibi da strada, ma  è sempre più difficile trovarne delle versioni credibili. Altri alimenti da passeggio  in voga in questa città sono le  placinte (sfoglie  riempite con carne, formaggio, verza ecc.), i langos,  fritelle dal nome magiaro  spalmate con olio all’aglio o  panna acida e formaggio fresco, le pogaci,  focaccine  con i ciccioli oppure la  plescavita (o pleskavitza)  che rappresenta la vendetta serba contro l’imperialismo gastronomico di Mc Donald.  Nel cibo da strada  si cauterizzano le ferite  più o meno profonde  apparse nel corso del tempo  sul mosaico etnico di queste zone:  romeni, serbi, ungheresi, turchi si rispecchiano reciprocamente nell’alterità di questi spuntini.    Consumarli in piedi risulta naturale:  come si potrebbe, infatti,   starsene comodamente seduti innazi  a dei pezzi di  storia ?

VOTO O NON VOTO

Tempo di elezioni qui in Romania. Ieri nell’indifferenza più totale si sono svolte le politiche. Alla fine della giornata ne è uscito un encefalogramma piatto: presenza alle urne 39%!!!!!!!!!!!!! Mi ricordo che ai miei tempi dopo ogni astensione dal voto mi  arrivava  a casa una cartolina  che mi intimava di presentarmi al mio  comune per giustificare l’assenza alle urne…Io non ci sono mai andato e quindi non ho idea a chi si sarebbe dovuto confessare il peccato di astensionismo. Non so manco se e quando sia stata   abolita questa pratica. Certo che se l’usanza italiana fosse adottata qui in Romania in alcuni comuni si dovrebbero fare gli straordinari per scrivere le cartoline destinate agli impenitenti astensionisti. Non oso immaginare cosa accadrebbe se si dovesse anche stare ad ascoltare   le loro giustificazioni. A Timisoara ad esempio l’astensionismo viaggia attorno al 70%! votatCon queste cifre  è  grottesco vedere  i leader dei vari partiti esultare, rivendicare trionfi e future  posizioni di comando. Ma in che sistema solare  vive questa gente? Comunque sia,  le  statistiche uscite  dalle urne romene danno al primo posto  un ibrido composto da Partito Sociale Democratico e Partito Conservatore con circa il 33% (cioè  con il 33% del 39%, ossia poco più del 10% dei voti potenziali!) segue il Partito Democratico Liberale del presidente Basescu con circa il 32%,   al terzo posto il Partito Nazionale Liberale del premier uscente Tariceanu più o meno al 19%, in quarta posizione gli ungheresi dell’UDMR attestati all’incirca al 6%, tutti gli altri rimangono sotto  la soglia di sbarramento del 5%. Le tre “maggiori”  formazioni mimano una pretesa collocazione compresa tra il centrodestra (PNL e PDL) e il centrosinistra (PSD),  in realtà le differenze  tra questi  partiti  non sono ideologiche ma  pragmatiche, dipendenti dai feudi di provenienza e dai gruppetti di vassalli, valvassori e valvassini loro connessi.  La tanto strombazzata riforma elettorale (dal voto di lista al voto uninominale) non è servita a  riconquistare la fiducia degli elettori, anzi ha dimostrato che in realtà il problema non sta nel sistema elettorale ma in quello politico nel suo insieme, in quella cittadella di arroganza, incapacità e malaffare che omogeneamente ingloba tutte le  formazioni parlamentari romene. Per la prossima tornata elettorale  propongo un sistema a lotteria con cui  di certo  si riuscirà a creare un parlamento  più rappresentativo di quello uscito dall’ultimo scrutinio. Mi chiedo infatti che  legittimità   possa avere una maggioranza    (se si riuscirà a formare) che rappresenterà, ad essere ottimisti, meno di un quinto del paese… se sottoposti al giudizio del libero suffragio, nemmeno i governi partoriti da   Ceausescu avrebbero  ottenuto una debacle di questo genere, manco  nel periodo più nero della  dittatura…

Portoghesi

atmVieni a sapere che il mese scorso  a Bologna un controllore su un autobus trova un gruppetto di zingari senza biglietto e comincia ad apostrofarli a maleparole. Dici: beh andarsene in giro senza biglietto non è cosa buona e giusta, ma allo stesso tempo da portoghese pizzicato hai il diritto di non ricevere insulti e apprezzamenti vari. Poi ti spiegano che sulla vettura ci stava tale lindaserra che  colta da impeto civile ha deciso di denunciare l’accaduto, prima con una lettera su Repubblica e poi sul suo blog. Pensi: beh lo stile “lettera al giornale” non è il mio, ma ognuno ha il diritto di aprire un contradditorio negli spazi che ritiene più opportuni sul tema della  buona educazione degli autoferrotranvieri e dei passeggeri. Inoltre l’autobus non è mica un luogo qualunque. Non è forse in un autobus che la mingherlina Rosa Parks sfidò le leggi dell’Alabama sedendosi nella parte del bus destinata ai bianchi? E forse la notizia dei primi moti della cosiddetta Rivoluzione di Timisoara non ha cominciato a viaggiare di bocca in bocca grazie alla gente in attesa del tram non lontano dalla casa del pastore Tokes? Quindi potrebbe essere che la lindaserra abbia colto al balzo l’occasione per lanciare l’allarme: il bus, che è un po’ lo specchio mobile della società, si è globalizzato, ma, a quanto pare, quei primitivi dei controllori sono incapaci di adeguarsi al cambiamento. Ora però scopri che il verificatore (certo che il burocratese ad oscenità lessicali non scherza) dopo la pubblicazione della lettera è stato sospeso dal lavoro (dura lex, sed lex?) e avendo un po’ di tempo libero ha cominciato a scrivere la sua versione dei fatti per poi spedirla alla Repubblica ( qualcuno esagerando chiama questa strana usanza “diritto di replica”). Al quotidiano  nessuno l’ha preso sul serio: preferiscono i monologhi. A questo punto non avendo veramente più nulla da fare, nostalgico, se ne è andato a rileggere i verbali redatti durante le sue “irruzioni” sul bus e, sorpresa, chi ti ritrova? La signora lindaserra! Multata sullo stesso autobus nel mese di settembre e nemmeno insultata! La denuncia civile in salsa bolognese si scioglie in schiumetta rabbiosa e vendicativa. Siamo al capolinea! Un compendio della vicenda lo trovate qui.

La Réclame

Catrafuse va in pubblicità e invita tutti il 15 marzo a sgattaiolare verso Zomeias nel Giardino Commestibile di Giusi Foschia. Giusi è un ciclone botanico di idee ed esuberanza, noi dalla Romania facciamo il tifo per lei e il suo orto mangereccio, dove, in un prossimo futuro, speriamo di spendere un po’ di olio di gomito. Per chi volesse andarci da Timisoara ecco il percorso a fiorellini:


dicembre: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 61,221 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.