Posts Tagged 'Ultras'

IN BICICLETTA CONTRO IL CALCIO MODERNO

Qui a Timisoara è in corso una nuova rivoluzione. Questa volta niente martiri, niente raffiche di mitragliera, si tratta di una rivoluzione calcistica. I fatti: durante la scorsa estate, a causa delle magagne economiche combinate dai suoi dirigenti, la Politecnica Timisoara viene esclusa dal campionato di serie A e da tutti i tornei professionistici o semiprofessionistici. In sostanza dovrebbe ripartire dalla “Liga a cincea”, che più o meno corrisponde alla “Promozoine” italiana. Non è la prima volta che la squadra viene trascinata verso il fallimento da una ghenga di avventurieri del calcio. Tra i suddetti avventurieri va ricordato anche il solito italiano, tal Zambon Claudio. Già ai suoi tempi per rimediare all’ennesima retrocessione, il genio italico mise in piedi una repentina unione con un club di Bucarest (l’AEK) che permise a Timisoara di ritornare “magicamente” in serie A. Quest’estate ha fatto ricorso allo stesso stratagemma il nuovo sindaco della città: nottetempo ha imbastito un’inedita fusione con il club AC Recaș, appena promosso in B. Per capirci: sarebbe come se per evitare una sanzione disciplinare il Verona domani si unisse al Chievo o, che ne so, la Fiorentina al Prato… Nasce dal nulla una nuova squadra, l’onta è lavata, l’onore un po’ meno, ma che importa. A rovinare l’iniziativa del primo cittadino, ci pensa il cuore della tifoseria, i “maledetti” ultras che negli ultimi anni hanno seguito la Poli dalle Coppe Europee fino ai campetti più tristi delle serie inferiori. I supporter rifiutano di chiudere gli occhi innanzi all’ennesimo trucchetto, all’ennesimo diktat piovuto dall’alto nel nome del pragmatismo del calcio moderno. Decidono di lasciare la storica Curva Sud e di adottare una squadra di dilettanti che porta il nome di ASU Politehnica. La partenza degli ultras dalla Sud lascia il vecchio stadio Dan Păltinișan muto. Se ne sono accorti anche i nuovi dirigenti che hanno pubblicato un patetico annuncio su Facebook: “Cercasi leader per gruppo supporter. Vi preghiamo di contattare l’ufficio pubbliche relazioni del comune”. Siamo nell’era dell’ultras virtuale che esulta premendo il tasto “I Like”! I vecchi tifosi invece non sono virtuali e scelgono di sostenere la loro nuova formazione tramite quote annuali acquistabili da ogni cittadino ( più o meno 5 euro l’anno) e da donazioni raccolte durante le partite. Tutto alla luce del sole, tutto trasparente. Tra le fila dei bianco-viola c’è anche un eroe d’altri tempi: Iosif Rotariu, 50 anni, ex–Poli, ex Steaua București, ex- Galatasaray. Nel mondiale italiano del 1990 marcò stretto Maradona, garantendo alla Romania la qualificazione al turno successivo. Oggi ha ritrovato i suoi tifosi nel piccolo stadio non lontano dall’università, dove risuonano liberamente cori rauchi e sboccati, sventolano i bandieroni bianchi e viola, si fuma, si beve birra si accendono i fumogeni… senza gendarmi, senza steward, senza tessere elettroniche. È il calcio, quello vero. In trasferta capita di andarci anche in bicicletta. È accaduto una settimana fa, quando più di 300 tifosi hanno pedalato per una quindicina di chilometri per raggiungere il terreno di Giarmata Vii (Iverland, nel tedesco locale). Il serpentone a due ruote ha attraversato Timisoara intonando tutto il repertorio migliore dei canti della curva, come in un pellegrinaggio scalcinato ed irriverente. Trecento uomini in volata lontano dal calcio plastificato delle pay tv, quello ingabbiato nelle pastoie di tutti i buonismi, quello degli stadi ridotti a salottini salutisti. Dai marciapiedi e dai palazzi la gente strabuzzava gli occhi incredula davanti ad un simile spettacolo. Ai moderni soloni del calcio patinato e ai loro scagnozzi invece rode il fegato, per loro quella dell’ASU POLI doveva essere solo un’avventura velleitaria e senza futuro, invece non è così. Del resto come potrebbero capire che le emozioni della curva non si pianificano e non si svendono, sono radici che s’intrecciano legando le persone l’una all’altra.

Annunci

Pizduţe răzvrătite

Despre povestea cu Pussy Riot m-au surprins câteva lucruri. În primul rând: cazul a fost discutat foarte mult în mass-media din România, de obicei destul de neatent la știri din străinătate. Este adevărat, trimiterile la povestea respectivă s-au limitat la un fel de directive de partid din care ieșeau la iveală mai mult aplauze de admirație pentru apărătorii din Occident ai fetelor agitate din Rusia (Red Hot Chili Peppers, Sting, Madonna, etc.) decât pentru faptele lor. Totuşi mi se pare ceva ciudat: România este o țară preponderent ortodoxă și dacă mâine, în plină zi,o trupă mai mult sau mai puțin punkistă va întra într-o biserică în centrul Bucureștiului, declarând ca Duhul Sfânt este căcat şi Patriarhul Daniil este o curvă, cred că nu s-ar bucura nici de simpatia voalată a presei, nici de îngăduința judecătorilor. E adevărat, poate că n-ar primi doi ani de închisoare pentru că au sărit ca maimuțele în faţa unui iconostas, dar dacă ar găsi judecătorul potrivit și avocatul greșit, un anişor cu suspendare l-ar incasa sigur. La urma urmei Art. 321 al codului penal ne spune că ”Fapta persoanei care, în public, săvârşeşte acte sau gesturi, proferează cuvinte ori expresii, sau se dedă la orice alte manifestări prin care se aduce atingere bunelor moravuri sau se produce scandal public ori se tulbură, în alt mod, liniştea şi ordinea publică, se pedepseşte cu închisoare de la unu la 5 ani”. Şi până la 7 dacă s-au tulburat grav liniştea şi ordinea publică.
Veţi spune, ei bine, dar libertatea de exprimare este sfântă și nimeni nu își poate permite să-o limiteze. Da, în esenţă, pot fi de acord, dar în lumea reală aplicabilitatea acestui principiu depinde de variabile complet decuplate de la idea de libertate. Un exemplu concret: dacă în Germania, o formaţie de skinheads RAC ar intra într-o sinagogă să cânte cea mai romantică dintre piesele ei, în ziare de a doua zi dușmanii libertății ar fi tot băieții cu Dr. Martens si Madonna nu le-ar trimite o scrisoare de dragoste. Şi atunci, de ce o atenție atât mare în mass-media din România pentru un ”spectacol” prost care, dacă ar fi avut loc la București, n-ar fi primit aplauze de la nimeni? Desigur, nu cred că Marele Arhitect al Universului a sunat-o pe Andreea Esca sau pe Cristian Tudor Popescu poruncindu-le să publice zeci de știri dedicate pizduţelor ruse. Cred însă că în presă şi în așa-zisul mediu intelectual există o dorință amețitoare de a se conforma, o adevărată excitare pentru a înghiți direcțiile dictate de mainstreamul corect politic, fără a analiza substanța și impactul acestora asupra comunității locale. Dacă povestea ar privi libertatea individului, nu s-ar înțelege de ce presa românească a reprodus ca un portavoce nebun zeci de articole preluate din agențiilor de presă străine despre pățaniile juridice ale pizduţelor ruse și închide intenționat ochii în fața Codului Penal Român, care, printre ”perle” lui, conține un act liberticid precum Legea 4/2008 privind evenimentele sportive, sau mai exact, gândită împotriva fanilor. Numai două exemple: art. 32 pedepsește pătrunderea sau încercarea de a pătrunde pe suprafața de joc cu închisoare de la șase luni la un an! Dacă te destrăbălezi în biserică este libertatea de exprimare, dacă intri pe teren este huliganism? Chiar mai grăitor este articolul 35, care pedepsește introducerea oricărui articol pirotehnic, indiferent de categorie, în incinta arenei sportive, cu închisoare de la 2 ani la 5 ani (în cazul în care nu este clar: pentru o torţă, poţi să mergi la bulău, fără a trece prin start, numai că jocul e pe bune). Şi atunci ne mai întrebam: la ce e bun acest circ mediatic? Despre ce justiţie vorbim? Despre libertatea cui?

Bucarest: Manifesto Ultras

Da una Bucarest a 15 gradi sotto zero ancora un capitoletto di “letteratura” protestataria su cui si è discusso parecchio in rete: Il manifesto ultras. Si tratta di uno scritto diretto e concreto, a tratti ingenuo e perciò genuino, che aiuta a capire, per chi vuole ancora capire, che i soggetti presenti sulle linee di faglia della società non sono più riconducibili ai vetusti schematismi della destra e della sinistra, al meretricio dei partiti e del mainstream mediatico. Ma al giorno d’oggi già tentare di capire una realtà come quella degli ultras sembra un’azione folle, perché folle è tutto ciò che non può rientrare nella comoda tassonomia ufficiale in auge.

IL MANIFESTO DEGLI ULTRAS ROMENI
“È inverno, possono arrivare tempi e nevicate pesanti. Possono arrivare abusi ancor più pesanti, può arrivare gente affamata a papparsi la torta, a chiedere bottini di guerra senza avervi partecipato. Può arrivare anche il nostro immobilismo, per mancanza di coesione, per la troppa confusione che rischia di diventare passività. Ma il nostro compito è quello di non fermarci. E se Piazza dell’Università si svuoterà, l’ultima persona avrà il dovere di lasciare la luce accesa, non di spegnerla. Basterebbe filtrare attraverso lo spirito Romeno il testo dell’inno nazionale e sapremmo cosa fare. Chi lo dovrebbe fare? Non siamo l’enciclopedia delle verità assolute, ma siamo in grado di fornire esempi:
– I pensionati tosti, che in questi giorni ci hanno dimostrato la profondità del detto “chi non ha  un anziano [se ne compri uno] n.d.t. …”
– gli intellettuali, quelli veri, che ringraziamo per le reazioni e il sostegno e per lo scudo insormontabile alzato contro la pseudo-intellighenzia, i demagoghi, i commissari politici e i dilettanti;
– I lavoratori, che dimostrano come l’inerzia che da 22 anni ci ha avvolto non sia attribuibile ad un popolo indolente, ma a una nazione che ha scordato quali sono le sue potenzialità;
– Gli studenti che possono dimostrare come la vera educazione non sia patrocinata da ministeri fallimentari;
– I veri giornalisti, ormai un’oasi minacciata dalle fiamme alimentate da falsi colleghi che hanno trasformato in deontologia la disinformazione, l’audience e la manipolazione;
– I gruppi socialmente emarginati, da cui possono spuntare diamanti, lo dice Cristo e anche il rapper Sisu: ultras, punk, rapper, hippy, biker, graffittari, hipster (la loro energia, usata in modo positivo, sosterrà la ricostruzione).

Perché fare tutto ciò??? Solo per lo SMURD [1] ? Solo per far cadere un governo e sostituirlo con nuovi arrivisti di un altro colore ma della stessa pasta e sempre privi di sostanza? No. Di nuovo, i motivi sono molti e non facili da articolare in modo compatto. Diamo pure degli esempi:

– Corruzione, che con la scusa della necessità di sopravvivere ormai contagia anche le persone oneste. Milioni di romeni vedono anche nel buio più pesto che da anni e anni a guidarli sono sempre le stesse organizzazioni mafiose, chiamati partiti. È incredibile, eppure è vero, viviamo in un nuovo regime e fanariota e non siamo capaci di trovare un Romeno da far salire sul trono (non è propaganda per la monarchia, è solo una metafora). C’è mancato poco che diventasse primo ministro un tedesco e tutti l’abbiamo sostenuto, perché ormai non essere Romeno è sinonimo di onestà.
– Giornali alla ricerca di sensazionalismo, audience, maestri in giochetti politici e pubblicità per troiette nude, campioni in disinformazione e manipolazione. E tuttavia, la piazza lo capisce capisce! Si potrebbe vivere una settimana senza TV? Diventeremmo come il Congo o come Atlantide?
– Stereotipi e politichese che celano la verità. Il primo ministro Boc parla di libertà di espressione, mentre i celerini annunciano al megafono “Liberate la piazza o usiamo la forza”.
– Organi repressivi costretti ad agire contro i propri fratelli. Sì vogliamo soldati al servizio dei cittadini, come vi avrebbe voluto anche Cuza [2], non mercenari macellai. Sì, lo sappiamo che anche voi tenete famiglia e tante necessità, sì, vogliamo rispettare la divisa, e per questo vogliamo ricevere rispetto, non vedere bambini spinti a terra, donne colpite e insultate e uomini che possono entrare in coma a causa di una bastonata in testa.
– Leggi costruite tramite dibattiti con i cittadini, non approvate in fretta e furia in Parlamento da una maggioranza più interessata ai giochi politici che gli interessi vitali dei cittadini. Leggi applicate solo in vista delle elezioni (arresti di sindaci corrotti come propaganda ed esca per un voto in più).
– Il Centro storico della Capitale? Sì, lo vogliamo di livello europeo, lo vogliamo rinnovato, ma non solo per il profitto dei proprietari dei locali. Lo vogliamo ripulito e valorizzato per vantarcene ed esserne orgogliosi e, perché no, per un turismo vero , che non sperpera centinaia di migliaia di euro per un logo o un portale internet.
– Vogliamo dibattere su tutte le questioni, anche sulle faccende militari. Non vogliamo lo scudo antimissile [3], anche perché non si sa nemmeno che cosa sia per davvero. Non vogliamo fregate spedite inutilmente in missione (o in “dismissione” se volete) e non vogliamo più romeni che combattono in Oriente per il proprio sostentamento, e non per una causa.
– vogliamo rispetto e dignità, non vogliamo essere classificati da avvocati-deputati come vermi, non vogliamo che un anziano (il 16 gennaio, in Piazza Univ.) arrivi con gli stivali lucidati vecchi di cinque anni e con le suole bucate, quando una divetta di provincia ha centinaia di scarpe di lusso che indossa ostentatamente.
– Vogliamo chiudere i centri commerciali e riaprire le fabbriche. Ossia vogliamo far funzionare l’industria, l’agricoltura, l’occupazione. Diciamo sì alla modernità, ma no al consumismo di bassa lega, all’incultura al rincoglionimento!
– Siamo per gli spiriti liberi, ma ne abbiamo le tasche piene di politici che lasciano circolare droghe pericolose come i cianuri di Rosia Montana [4]!
– Non vogliamo più miseria, una vita al limite della sussistenza, corruzione, fondi pubblici mal gestiti, appalti truccati, unioni politiche assurde (PSD + PNL ?? PD + UNPR?). Vogliamo vivere in pace con le altre etnie del paese, ma non vogliono vendere il nostro onore e i nostri diritti solo per sembrare “politicamente corretti”. Vogliamo una classe politica vera, e siamo abbastanza forti per crearla.
La lista potrebbe andare avanti e continuerà. Fino ad allora, consigliamo senza alcuna arroganza agli “analisti” di studiare le cause, non solo gli effetti. Siamo stufi di “pompieri” che vengono a spegnere l’incendio dopo che le stoppie bruciano (principio applicabile in molte aree, dalla scuola, dalla salute, e perché no, fino alla legge anti-tifosi).

Tramite queste rivendicazioni, alcune più importanti, gli Ultras chiedono SENZA INDUGI la revisione della Legge 4 [5], promulgata con tanta leggerezza dal Presidente. È superficiale, dilettantesca e soprattutto anticostituzionale. Non colpisce solo noi, limita i diritti di tutti i Romeni. Ogni piccolo passo verso la limitazione dei diritti rappresenta un passo enorme verso la dittatura e le catene! LIBERTÀ
Questo testo è stato scritto ad hoc da un Ultras che allo stesso tempo è un ex studente, un giovane che vuole lavorare per il suo paese non per “altri”, figlio di una famiglia comune e vicino delle signore che nutrono i cani vagabondi. Rappresentante di un modo di pensare e di diverse categorie umane.
PACIFICI e APOLITICI di nuovo in Pizza dell’Università!!! Uomini con idee non con le Molotov”

[1] SMURD è l’acronimo di Serviciul Medical de Urgenţă, Reanimare şi Descarcerare (Servizio Medico di Pronto Soccorso, Rianimazione ed Estricazione), il servizio pubblico a rischio di privatizzazione con la nuova legge sostenuta dal presidente Băsescu.

[2] Alexandru Ioan Cuza (Bârlad, 20 marzo 1820 – Heidelberg, 15 maggio 1873), principe di Moldavia e Valacchia (1859-1861), poi principe di Romania (1861-1866), considerato il promotore della moderna Romania indipendente.

[3] Si tratta dell’accordo stipulato lo scorso settembre tra Bucarest e Washington (precedentemente rifiutato da Polonia e Repubblica Ceca) sul dispiegamento in Romania entro il 2015 dei missili americani previsti dal progetto Usa dello scudo antimissile su suolo europeo .

[4] Ci si riferisce al mercato legale delle cosiddette Smart drugs e al progetto della compagnia mineraria canadese Gold Corporation che intende sfruttare l’oro residuo presente nella miniera di Rosia Montana mediante l’uso di enormi quantità di cianuro. Qui qualche ragguaglio.

[5] Le recenti modificazioni apportate alla Legge 4/2008 relativa alla prevenzione e alla lotta contro la violenza durante le manifestazioni sportive sono duramente contestate dai supporter che le considerano in parte anticostituzionali (e non hanno tutti i torti, ma ne riparleremo).

ULTRAS, ROMANIA E PROTESTE

Dietro la fumea lasciata sulle strade di Bucarest dai lacrimogeni appaiono i profili di nuovi protagonisti dello scontro sociale nella Romania di inizio millennio: gli ultras. Dipinti da tutti i commentatori ufficiali come il peggior nemico in assoluto, relegati da tristi politicanti al confine dell’umanità tra i banditi, i selvaggi o le bestie, i supporter delle curve romene escono allo scoperto e spiegano, molto meglio di altri, le mille sfaccettature delle proteste. Certo, parlare di ultras come se si trattasse di una realtà omogenea è sbagliato, a me semplicemente interessa riportare le voci di chi è sceso in piazza prendendosi le randellate dei celerini e gli insulti del mainstream mediatico. Le loro sono testimonianze scritte o raccolte a volo, che non lasciano spazio a molti fronzoli stilistici e a vuota supponenza accademica. Si tratta di frammenti semplici e lucidi che contribuiscono a dipanare il groviglio di rabbia e frustrazione presente nella piazza e a fare il punto sullo stato della scalcinata nazione romena. Ho raccolto un po’ di materiale che può servire a capire meglio questa realtà. Iniziamo con la traduzione dell’intervista a S., un ultras della Dinamo, pubblicata sul sito Vice da di Flavia Constantin. Ho eliminato solo un paio di passaggi per rendere più scorrevole il testo.

Cosa ti infastidisce di più?

L’infelicità diffusa. Non possono essere più concreto, ci sarebbe troppo da dire.

Il 15 gennaio ti sei sentito ultras o teppista?

Il 15, a commettere gli atti di vandalici sono stati solo dei romeni che hanno agito in modo teppistico. Il vandalismo non è appartenuto strettamente agli ultras. Il teppismo si è diffuso tra tutti i rumeni che conoscono le loro rivendicazioni. Le panchine sul viale Bratianu non le abbiamo spaccate né noi, né quelli della Steaua, né quelli del Rapid, ma gente presa dall’adrenalina del momento. Forse ora più persone comprendono le nostre motivazioni.

Il vandalismo era necessario?

Potremmo classificarlo nella categoria del “male necessario.” Non basta avere opinioni. Qualcuno deve assumersi il ruolo dell’istigatore. E non è un termine con connotazioni negative.

Cioè la violenza legittima la protesta?

In nessun caso. Le rivendicazioni legittimano la protesta. La violenza è solo un altro modo di comunicare, quando gli altri mezzi sono stati ignorati o non hanno avuto successo.

Pensi che tutte le persone coinvolte abbiano le stesse rivendicazioni?

No. Purtroppo molti non sanno nemmeno perché sono lì. Bisognerebbe precisare … penso che sia una cosa molta delicata.

Beh, lo è ​​…

 Ero lì perché mi sento preso per il culo da quelli che ho eletto. Ci sono stato perché ho visto che non sono l’unico che si sente in questo modo. Quindi, forse, non sono io il pazzo.

Pazzi o no, le persone hanno reagito insieme. Quella notte non c’erano solo sostenitori della Dinamo, Steaua e Rapid.

No, assolutamente. Questa è stata la cosa più bella. Eravamo tutti assieme. Disillusi e illusi oltre misura. Anche dalle proprie scelte.

Non sei furioso perché le tue aspettative sono state disattese? È come alla partita quando insulti la squadra del cuore, no?

I colpevoli, non la squadra. Li insulto quando vedo che non danno il meglio di sé nel compito che hanno giurato di affrontare nel modo migliore, spero che abbia un senso. L’avversione è contro chi ha dimenticato che sta alla guida la Romania per servire gli interessi di tutti i rumeni. Una vecchia avversione … Arafat [1] è stato solo una scintilla che non sembrava non dovesse più apparire…

Arafat è un eroe anche per gli ultras?

Non è un eroe, è un uomo che ha saputo presentare il suo disappunto per attirare l’attenzione della gente.

Qual è stata la scintilla il 15 notte? Chi ha lanciato il primo petardo?

È stato incredibile. È vero la scintilla siamo stati noi ultras. Abbiamo portato l’atmosfera degli stadi in strada. Con tutta l’adrenalina.

E la miccia?

La mancanza di risposte corrette agli eventi del giorno precedente, le distorsioni dei media che presentavano i celerini come vittime e non come aggressori, i vari discorsi delle “personalità” politiche. Oppure il primo ministro Boc che visita all’ospedale Floreasca un celerino ricoverato durante la notte per motivi non specificati, bloccando l’ingresso in ospedale per la gente che veniva da casa con il cibo per i parenti ricoverati.

Cosa è venuto prima, i lacrimogeni o i roghi, la celere o gli ultras?

I lacrimogeni. Noi abbiamo sfruttato lo spazio con i roghi. Ma non abbiamo appiccato il fuoco per difenderci, lo scopo è stato lo stesso dei lacrimogeni, cioè intimidire i gendarmi.
[…]

Pensi che le proteste avrebbero avuto una eco senza violenza, senza lo spettacolo?

No. Molto probabilmente, senza la violenza tutto si sarebbe limitato agli slogan gridati da quelli che stavano sul marciapiede ed ignorati da chi siede al potere. La circolazione del traffico era normale in un momento anomalo. Il traffico doveva essere bloccato su Boulevard Magheru. La gente voleva uscire in strada, non camminare sui marciapiedi. Si doveva capire che la folla aveva il controllo. È stato incredibile vedere lanciare delle pietre da gente che non ne aveva mai presa in mano una. In quel momento comprendi che non hai nulla da perdere, che sei già nella merda.

Come ha replicato la stampa?

So che è stato picchiato anche un giornalista. Gli ultras l’hanno aiutato. Bisogna cooperare con i media, per influenzarli e cambiare qualcosa. Ma anche la stampa, come la politica, va distrutta e poi ricostruita.

Prossimamente, si farà ancora qualcosa?

Fare qualcosa? Noi facciamo tutto il possibile.

Note:
[1] Raed Arafat è un medico di origine siriana che ha creato da zero il sistema pubblico del servizio ambulanze in Romania. Nominato sottosegretario alla Sanità nel 2007, all’inizio di gennaio si è opposto al diktat presidenziale sulla privatizzazione totale della sanità rassegnando le dimissioni e riscuotendo una vasta solidarietà da parte di migliaia di persone scese in piazza a suo sostegno.


ottobre: 2017
L M M G V S D
« Gen    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Contatti

anzianità di servizio

Blog Stats

  • 60,859 hits

Catrafuse Photos

RSS la rinascita balcanica

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprovare più tardi.